Il genio arriva a Roma







Serata emozionante e divertente ieri all’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA di Roma.

Era di scena Matthew Lee “The Genius of Rock n Roll”!

Strepitoso pianista interprete di quel genere di musica che sin dagli anni 50 ha colpito i sentimenti e segnato le emozioni in maniera indelebile  di intere generazioni sino ai nostri giorni.

Sensazioni vibranti e positive che il rock n roll sa dare a chi ne avesse bisogno e di cui Matthew Lee ne è portatore sano al 100%.




Abbiamo assistito ad uno show del funambolico pianista che a differenza di molti bravi musicisti rock, sembra avere nel clock e nel carisma una dote naturale per nulla comune. Il ritmo col quale esegue i suoi virtuosismi al piano sembra dato da un metronomo digitale vivente ed arriva oltre le aspettative donando gioia alle menti!

Davanti a una platea molto composta, vista la location e l’organizzazione, riesce comunque a sciogliere e a far scatenare gli spettatori meno avvezzi al genere. Ha proposto brani storici e mitici del rock n roll americano anni 50, cover egregiamente arrangiate al piano, accompagnato da una band eccezionale che oltre al classico quartetto base prevedeva una sezione fiati composta da tromba, sax, e trombone dando ancor più corpo al tutto.

Abbiamo ascoltato anche alcuni brani del suo repertorio originale, tratti dal suo ultimo album “D’ALTRI TEMPI” che risulta ovviamente di stampo rock n roll, specie nel pezzo  E’ tempo d’altri tempi, ma che va rivisto in una chiave moderna ed attuale grazie ai suoi arrangiamenti e alle sue sonorità.

Credo che amare il rock n roll sia un valore umano, culturale, quasi un’esigenza oggi più che mai, sono storie di vita di intere masse umane che lo hanno assorbito, ed il nostro caro Matthew, performer pesarese,ne è testimone. La natura, la passione e la volontà hanno fatto il resto ed ora bisogna solo tenerci stretto il nostro GENIUS made in Italy.

Ringrazio il manager, Francesco Fabbri per la sua ampia disponibilità e Matthew per il suo abbraccio……siamo orgogliosi di assistere a questi spettacoli perchè abbiamo bisogno ancora di emozionarci.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*