Intervista a Massimiliano Buzzanca (La grande tradizione attoriale italiana…di padre in figlio)







Chapter One: ma papà ti manda solo?

Eccoci a noi…Allora fino al 2001 ha esercitato la professione dell’avvocato.
Per scelta non mia.
Poi l’attore, che è successo?
E’ successo che avevo un debito d’onore nei confronti di mio padre il quale avrebbe voluto facessi l’avvocato come mia madre, mia madre addirittura avrebbe voluto che lavorassi in banca- perché c’è lo stipendio fisso tutti i mesi, non hai mai problemi di soldi, hai anche la pensione assicurata e cose del genere- ma io da quando sono bambino ho sempre desiderato di fare l’attore. Consideri che le mie prime letture affianco a Topolino erano le sceneggiature che davano a papà: le leggevo con il taglio all’italiana ossia sulla sinistra l’inquadratura e i movimenti dell’attore e sulla destra tutte le battute. Così ho imparato a scrivere le sceneggiature -poi sono arrivati gli americani che scrivevano tutto orizzontale -leggendo e vivendo quello che faceva papà: lo osservavo durante le prove. Da piccolo vedevo i film non tanto da spettatore: i cartoni animati li guardavo con il taglio della regia, il taglio dell’attore che fa questo movimento, il personaggio che fa quell’altro.
Quindi lei ha il mestiere dell’attore nel DNA?
E’ come uno che sente a casa parlare solo di leggi e di commi : a diciotto anni fa l’avvocato, non è che fa altro. Dato che mio fratello intorno ai sedici anni ha pensato bene di ecclissarsi dalla famiglia cominciando a fare la sua vita fuori perché è partito- è andato all’estero e ancora vive e fa il gioielliere in Asia- io avevo un debito di riconoscenza nei confronti dei miei e mi sono detto vabbè facciamo questo: regaliamo una decina d’anni di avvocatura a papà e mamma. Poi però dopo quindici anni ho detto loro: scusate, ma non è proprio la mia indole.Anche perché io sono uno che non ama litigare : ti svegli e devi litigare con la controparte l’avvocato della controparte ,la tua parte -quando fa le cretinate e ti avverte sempre dopo- e litigare per essere pagato. A quel punto mi son detto: comunque questo è un mestiere dove ti devi andare a cercare giornalmente dei clienti, preferisco fare quello che voglio fare io da sempre. Mentre facevo l’avvocato, ho frequentato un corso serale alla scuola Sharoff, quando ancora la scuola Sharoff aveva una sua dignità. Poi ho studiato con Carlo Merlo che mi ha dato una mano per abituarmi al suono della mia voce: a volte quando ti senti pensi di avere una brutta voce, per me è stato fondamentale. Era una persona deliziosa Merlo, un ottimo insegnante. Poi ho preso un teatrino di cento posti per una settimana e ho visto che la gente mi seguiva -non solo riuscivo a dare quello che volevo- la gente mi guardava: allora ho pensato di poter fare questo mestiere. Dopodiché ho comunicato la notizia in famiglia: con mio padre che l’ha presa molto bene …è stato un anno senza parlarmi (ridiamo perché lo dice con tempo comico n. d r.)
Ah ecco…
Mia madre mi chiamava e mi diceva: “Massi vieni a pranzo a casa “.
“Ma che vengo a fare papà non mi parla (rido nuovamente n.d.r.) ”.
Sa cosa succedeva a tavola? Mio padre diceva a mia madre: ” Lucia mi passi l’acqua?”.
L’acqua stava davanti a me. Prendevo l’acqua, la davo a mamma e mamma la dava a mio padre. Una volta ho detto: ” Mamma puoi dire a questo signore…” lì ho avuto timore che perdesse le staffe. Papà non amava che ironizzassi su di lui. Dopo quasi un anno mi ha visto in una fiction in tv. Mi ha chiamato e mi ha detto: ”Ti ho appena visto in televisione, hai una faccia che sa raccontare, un modo di recitare che sa raccontare, questo mestiere lo puoi fare molto bene, vai tranquillo ti appoggerò in tutte le scelte.” Poi ha aggiunto: “Non ti posso dare una mano in nessun modo, sappilo”. Tanto è vero che non mi ha mai dato una mano. Quando ho girato con lui una puntata de Il Restauratore 2, ero sul set vestito da maggiore dell’esercito, entra mio padre e dice: “E tu che ci fai qua?”.
Ed io : “Papà so vestito da maggiore dell’esercito (ridiamo nuovamente per come lo dice n.d.r.) sono quello che ti arresta”.
“Sul serio? Non mi hanno detto niente di là”.
”Perché che ti devono dire?” .
“Ma quando hai fatto tu il provino?”dice lui.
“ No, non l’ho fatto. Enrico mi conosce e sa cosa posso dare”.
E papà è stato durante tutto il tempo a guardarmi, sia mentre facevo le prove, sia durante il girato, perché voleva vedere anche sul set come mi comportavo.
Quindi come diceva Eduardo gli esami non finiscono mai?
Mai, mai. Devo ringraziare molto papà perché ho la sua e la mia esperienza insieme: spesso mi raccontava di quando aveva lavorato con i più grandi, come Eduardo o con registi importanti, come Germi, e non solo lui. Durante ogni suo racconto assorbivo tutto quello che potevo assorbire….
Quando sono sul set, cerco di comportarmi come si faceva allora, mentre gli attori di oggi non hanno questo tipo di comportamento.
Qual è la differenza?
L’attore di oggi raramente si forma in teatro. Tra questi ce ne sono di veramente bravi: Giallini, Edoardo Leo, Gian Marco Tognazzi, Luca Lionello, anche se Luca è bravissimo, ma non riesce, però, a far capire quanto è bravo. Marco Giallini è uno che si è fatto quindici anni di teatro prima di essere scoperto: ha incominciato a fare l’attore di fiction di cinema prima di diventare un numero uno. Anche Valerio Mastrandrea – che ha avuto un altro tipo di crescita -è dovuto tornare al teatro per fare il salto di qualità. Molti invece arrivano direttamente al cinema o alla televisione: poi hanno paura di fare teatro perché il teatro ammazza le ginocchia. In teatro rischi veramente che la gente ti fischi -se non sei bravo se non entri veramente nel personaggio- perché il pubblico  te lo senti addosso, sta di fronte a te. Già tendono ad addormentarsi perché arrivano da una giornata di lavoro: ti vedono e magari c’hanno un “abbiocchetto”. Ce l’ho io quando vado a vedere i miei colleghi- e non è per come recitano- perché magari arrivo da una giornata di stanchezza. Figurati quelli che si annoiano durante lo spettacolo. Quindi il teatro ammazza veramente le ginocchia degli attori e proprio per questo in teatro devi entrare con la voglia, la vitalità : o ce l’hai oppure ti “caghi “sotto.

Chapter Two: dalla Spagna con furore

L’esperienza in cinema con il regista spagnolo, Antonio  Hernandez?
Bellissima: io non parlo spagnolo, al massimo parlo con l’esse finale.Prima scena del film tv Los Borgia  :  avevo imparato tutto a memoria, anche il castigliano tramite un cd che mi è stato dato con la giusta cadenza. Finisco la prima scena di prova e arriva il regista che comincia a parlare in spagnolo stretto, lo guardo e dico: ” Perdona io non ablo espagnol”.
“Como no abla espagnol, tiene una pronucia castigliana (rido di gusto n.d.r.)”.
“Sono italiano io… ablo espagnol con l’esse finale”. Come ho detto questa cosa è scoppiato a ridere.
Bellissimo…
Poi cominciamo a girare e vedo…ha presente i pescecani che quando fiutano la preda fanno dei cerchi sempre più concentrici (rido n.d.r.).Penso… ma non è che questo  è…omosessuale…gli piaccio e sta a cercà di provarci ,perché può succedere, voglio dire sei in un ambiente dove succede di tutto -io non ho niente contro gli omosessuali anzi molti amici miei sono omosessuali, mi ci diverto pure, ci gioco pure, non ho alcun tipo di omofobia-e penso di dirgli :” Guarda ti stai sbagliando, mi dispiace io sono etero convinto” e pure praticante (ridiamo n. d. r.) Allora lui mi si avvicina, e mi fa: ”Conosci un actor italiano che si chiama Lando Buzzanca?”
“Ma si capisce …es mi padre.”
“Ah ecco perché tiene el suo sguardo e la recitazione…”.In quel film avevo tre pose, tre. Da tre pose sono passato a quindici pose…Mi ha preso di peso e mi ha portato in Spagna, gli ero simpatico volava stare sempre con me tutte le sere. Perché loro gli spagnoli so’ matti stanno fino alle quattro di notte a fare casino e alle sette di mattina sono in piedi a girare. Io dopo due sere gli ho detto: “Perdona, ma se io faccio così o mi viene l’infarto o c’ho le occhiaie fino a quaggiù non posso girare, perdona”. Ho fatto quindici giorni di lavoro con lui. Vado a vedere il film, che tra l’altro in Spagna ha vinto il Cesar. In Italia è stato massacrato: la mia parte che era tipo di una ventina di scene è finita con una scena sola dove dico, amen.
Ah…
Inizia il film vedo scritto il primo nome, secondo nome, quarto nome… Massimiliano Buzzanca: ma io non ce l’ho il contratto per i crediti nei titoli di coda. Lui mi guarda e dice: “Sei matto !”.
Per quello che avevo dato meritavo di essere citato per quarto …questa mentalità non c’è tra noi, purtroppo no. L’ho amato come regista! Mi chiedeva di fare il personaggio in un modo e io lo facevo. Mi diceva: “ Buona la prima, andiamo”. Ed io: ” Sei convinto? “.Lui rispondeva sempre di sì.Non si è mai contento di quello che si vede, di se stessi. Ho fatto anche tre film in inglese -un po’ lo parlo- ho un ottimo orecchio, sono molto fiero.
Poi?
Uno spot in tedesco per l’amaro Averna. Non so veramente ciò che stessi dicendo in tedesco ma per loro andava bene la mia pronuncia. Ho la fortuna di avere un buon orecchio abbastanza… prensile.




Chapter Three: Il lavoro dell’attore.
Esperienze in teatro.
Ho avuto la fortuna di fare due commedie musicali, una delle due vorrei tanto riportare in scena perché si chiama Sotto er cielo de Roma ed è una storia ambientata durante la seconda guerra mondiale prima e dopo l’8 settembre del ‘43: il primo tempo con i tedeschi, il secondo tempo con gli americani. La storia di due ragazzi-una coppia romana- che si intreccia con le vicende, quasi un Rugantino in versione moderna, anche se la storia è un po’ diversa perché non si parla di amore, ma si parla di problematiche del ‘43. Poi sto riscrivendo Novecento con un attore e dei ballerini per farlo diventare un’esperienza teatrale e non un monologo piatto. Si dovrebbe ambientare all’interno di un manicomio dei primi novecento, dove chi racconta la storia, non si capisce se è un matto che sta internato perché è matto oppure uno sano che sta raccontando una storia talmente folle che la gente lo considera matto: un lavoro scenico con i ballerini- alcuni matti ,alcuni dottori- che interagiscono con me in scena.
Cronologia filmica?
Nel 2010 in Sicilia ho saputo che era morta mia madre. La prima scena che mi hanno fatto girare quando sono tornato giù in Sicilia era quella in cui io ricordavo la morte di mia madre. Il mio regista mi guarda e mi chiede se me la sento. Ho pensato: ” O la faccio adesso- che ce l’ho vivo nel ricordo- o non la faccio più “.Questo è un mestiere cinico, una persona normale tende a superarli i lutti, li dobbiamo lasciare da una parte tutto perché quelle emozioni servono al nostro mestiere di attore: il nostro bagaglio umano è essenziale. Se penso dentro di me a un comportamento vile, cerco di utilizzarlo, anche se non è predominante del mio carattere. Da tre anni e mezzo a questa parte ho ricominciato -ho avuto un periodo di fermo quando è morta mamma, perché dovevo seguire mio papà, che ha avuto una serie di problemi fisici perché è stato operato- a muovermi,a fare cinema, televisione . Ho girato “Girotondo” regia di Tonino Abballe, poi “Ninna Nanna” regia di Dario Germano ed Enzo Russo (nelle sale n.d.r.).
Questa sua grande capacità interpretativa espressiva ,che ha colto molto bene il regista spagnolo, ritiene abbia avuto la visibilità e lo spazio che merita?
Mio padre diceva sempre: quando io morirò tu avrai il giusto riconoscimento per il tuo talento. Purtroppo in Italia molte volte se non sei attaccato a determinati “carrozzoni politici”, non ti chiamano a lavorare, so come vanno le cose, non riesco a fingere la dico in faccia la verità. So che il mio nome, quando arrivava in certe “stanze”, veniva scavalcato da altre “dinamiche”, perché ho…. un’eredità pesante.
Lei non pensa che sia un alibi ? Se l’attore è bravo, è bravo.
Ho fatto un provino con un mio amico attore, gli sono piaciuto molto e infatti mi ha detto: “Guarda probabilmente il ruolo è tuo”. Poi, invece, mi chiama e mi dice: ”Massi ho fatto il provino a Stefano Dionisi: ho trovato lui e te più o meno allo stesso livello…il problema è che Stefano ha in questo momento un nome più spendibile di te, in pubblicità”. Ho risposto: ”Guarda che Stefano è un grandissimo attore. Se tu mi dici che Stefano deve fare il ruolo che dovevo fare io, vuol dire che comunque che mi hai messo a paragone di un attore che io stimo e so che è bravo .” Ma quando faccio un provino e mi si dice: ah, qua, su e giù…e poi vedo che il ruolo è dato a qualcun altro- meno accattivante che dà meno spessore al personaggio- lì non sono d’accordo.
Prossimo progetto di cinema.
Stiamo preparando un po’ di cose tra teatro e cinema, forse anche una cosa in televisione, in più sto preparando dei corti come regista e mi sto divertendo anche nell’ultilizzo del mezzo. Ho anche scritto una sceneggiatura che era piaciuta molto a Sky: una fiction che però si è arenata su un cavillo.
Il cinema in Italia si è involuto?
Sì. Purtroppo a livello televisivo ci sono delle dinamiche, chiamiamole politiche: c’è il “carrozzone” di tizio che tira quello di caio che si porta quei tre quattro attori dietro e non guarda oltre. Ci sono bravi sceneggiatori e attori e registi, che pagano dazio a quel “carrozzone “politico. Grazie però a personaggi e registi con i “controcavoli” come Paolo Genovese, Brizzi, e tanti altri , stiamo riuscendo ad avere storie da raccontare più importanti dove o l’attore è bravo o non fa nulla. Abbiamo per fortuna registi che cominciano a poter scegliere l’attore.
E’ anche un discorso di distribuzione?
Sì,non si ha il coraggio di dire: il film è fatto con quattro sconosciuti ma è fatto bene … facciamolo. Perché invece di venti sale non gliene diamo sessanta? Ce ne sono di talenti, eccome!
Tiriamoli fuori tutti allora!
Eh sì!
E’ stato un vero piacere fare questa intervista: ringraziamo quest’ autorevolissimo attore.
Grazie a Lei.

 

 

 

 




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 279 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.