L’Inganno il nuovo southern gothic di Sofia Coppola al Cinema.




L’Inganno il nuovo southern gothic di Sofia Coppola al Cinema.




Tra Remake e riletture: Coppola  vs Siegel.

La brava regista Sofia Coppola rilegge in sede di sceneggiatura il romanzo“A Painted Devil” di Thomas P.Cullinan del 1966 e con L’Inganno gira il remake del film di Don Siegel La notte brava del soldato Jonathan 1971 (ricordo con piacere di Siegel L’invasione degli ultracorpi 1956, Ispettore Callagan il caso Scorpio è tuo! 1971 e infine Il celeberrimo “Fuga da Alcatraz” 1979).

Se ne “La notte brava del soldato Jonathan”, la presenza di aspetti hitchcockiani  era predominante -uno stile narrativo che in sede  di montaggio privilegia  la suspence fino alla scena all’acme della scena topica- nel film L’Inganno lo spettatore viene gettato, senza preavviso, in zona southern gothic,attraversata dalla paura della morte  : la scena in cui le protagoniste  decretano la punizione da infliggere allo straniero traditore  è la più importante del film.  L’elemento “classico” – le Donne /Erinni  in coro che cantano la fine dell’eroe- rappresenta la scelta stilistica della regia.Lo stratagemma che sarà usato dalle protagoniste- all’insaputa del soldato- appartiene  anch’esso al repertorio della letteratura classica. Tutto ciò impreziosisce il film.

Plot e adolescenza.




Collegio femminile al Sud, durante la Guerra di Secessione americana: la più giovane delle ragazze scopre un soldato nordista ferito che è portato al riparo, curato e nutrito.

Fin da quando è in grado di parlare il soldato nordista tenta di ingraziarsi le femmine, per allontanare lo spettro della riconsegna al nemico sudista – con la conseguente vita di stenti in un campo di prigionia- e lo fa  con sguardi e battute: questo suo comportamento ambiguo e seducente produce  conflitti e turbamenti.

Il tema dell’adolescenza è stato già trattato dalla Coppola in un suo precedente film “Il giardino delle vergini suicide” (2000)-anche in questo caso la sceneggiatura fu tratta dal romanzo di Jeffrey Eugenides- dove una madre autoritaria e bigotta opprime le sue figlie adolescenti. Le fanciulle fuggono da un’esistenza angosciante riversando all’esterno la tensione,tragicamente.

Ne L’Inganno la tensione emotiva implode: non si può fuggire, oltrepassare i confini tracciati, dalla guerra.Quando una di loro, gia’ invaghita del bel soldato, scopre il fedifrago a letto con una delle ragazze, il desiderio “in fiore” delle fanciulle entra in conflitto con quello delle donne più “mature”  causando un cortocircuito che però deve essere sanato con l’individuazione  di un “capro espiatorio”.Il fascino della divisa viene meno, l’istinto femminile per l’accudimento anche e il cameratismo fondamentalista prende il sopravvento: la rigida struttura “monacale” del collegio- dell’ora et labora -scandita dalle attività quotidiane, come occuparsi dell’orto, della cucina,della preghiera, deve essere preservata. In realtà dietro il bigottismo di queste donne si cela una cieca violenza!

Un elemento del genere gotico, che sposta la gradazione dal noir all’horror, è l’isolamento in cui è posto il personaggio, per subire delle sevizie.

Lo stile aulico iniziale “inganna” lo spettatore che si abitua a una fragranza dolce e avvolgente, per assaporare, improvvisamente tutto l’aspro contenuto in un tragico colpo di scena. La regista sospende la passione lasciando allo spettatore una sensazione più di pudore che di “eros” trattenuto.

Gli interpreti

 Accanto ai due fuoriclasse- Nicole Kidman e Colin Farren – le giovani del “vivaio hollywoodyano” sanno ben figurare in campo. La regista Sofia  Coppola viaggia nel 19esimo secolo con le sue attrici predilette Kirsten Dunst ed Elle Fanning, e dirige per la prima volta il vincitore del Golden Globe Colin Farrell e la vincitrice dell’Oscar Nicole Kidman. Grandi stelle di oggi e di domani, dunque.

Il cast tecnico, il direttore della fotografia e le sue suggestioni.

La scenografa Anne Ross, la montatrice Sarah Flack e la costumista Stacey Battat, ognuna delle quali ha già girato altri film con la Coppola, hanno dichiarato di aver lavorato con grande gioia e passione sul set del film.

Il direttore della fotografia, Philippe Le Sourd (candidato all’Oscar) che invece è al suo primo film con la Coppola, ha scritto di aver collaborato con la regista a partire da vere e proprie suggestioni che spaziavano dal film australiano Picnic a Hanging Rock di Peter Weier (celebre regista de  The Witness e L’ Attimo fuggente).Tratto anch’esso da un romanzo, quello omonimo della scrittrice australiana Joan Linsday -definito un romanzo torbido e ambiguo- il film racconta della gioventu’ femminile di un collegio americano del 1900, messa in pericolo da improvvise sparizioni: qualcosa di esterno che minaccia un equilibrio interno, con un finale drammatico nel quale una delle ragazze si toglie la vita (tema ricorrente nel già citato film della Coppola).

Il direttore della fotografia ha inoltre dichiarato di essersi ispirato ai dipinti del pittore John Singer Sargent (pittore americano studioso di Velasquez, dedito alla ritrattistica dell’aristocrazia e alta società, fu amico di Degas e Monet).Crediamo che abbia fatto questo  per riprodurre al meglio le atmosfere dell’epoca dando l’idea di nobiltà e di decoro alle famiglie del sud squassate dalla guerra di secessione perduta.

Il direttore della fotografia ha dichiarato di aver preferito girare in pellicola e dando una grande preminenza ai volumi dei corpi sulla scena e inquadrati la luce naturale.La luce naturale è integrata con l’uso delle candele  (indimenticabile la stessa illuminazione usata da Stanley Kubrick nel film  “Barry Lyndon”). Ci piace molto rilevare quest’uso della luce naturale come aspetto che si vuole dare allo spettatore di un “realismo” d’atmosfera in contrasto con l’attuale uso di molteplici filtri ed effetti in voga nel cinema (bellissimi la maggior parte!).

Man mano che le Donne /Erinni tramano contro il soldato nordista, aumenta l’uso delle luci più cupe e dell’effetto chiaroscuro.

Film che affascina anche coloro che non amano il genere: fluidità e ritmo. Un film da non perdere assolutamente, nelle stagioni di “magra”.

Titoli di Coda

Regia: Sofia Coppola

Attori: Elle Fanning, Kirsten Dunst, Nicole Kidman, Colin Farrell, Angourie Rice, Wayne Pére, Oona Laurence, Emma Howard, Eric Ian

Paese: USA

Distribuzione :Universal Pictures




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 264 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*