Storia di un’amicizia regale nel film di Stephen Frears Vittoria e Abdul







Dichiarazioni.
L’attrice Judith Dench ha precedentemente interpretato il ruolo della regina Vittoria d’Inghilterra, nel film La mia regina, regia di John Madden [1997].La Dench – premio Oscar come attrice non protagonista nel film Shakespeare in Love – ha rivelato: “Sono stata molto contenta di quest’offerta inaspettata. Quando avevamo fatto La mia regina, la sua storia mi aveva assorbito completamente e avevo fatto tutti i compiti, per cui perché dire no? Ammiro Vittoria, la reputo una persona notevole e questa era una storia irresistibile venuta alla luce solo di recente”.
La produttrice del film Kidron: “E’ stato stimolante per noi fare un film che mette insieme grandi scene, che richiedono tantissime comparse che devono essere vestite alle cinque del mattino per poter girare alle otto, con scene serie ed emozionanti in cui due persone hanno conversazioni intime e personali”.

Trama senza “spoileraggio”.

Nel 1887, Abdul parte dall’India per donare alla regina una medaglia in occasione delle celebrazioni per il suo Giubileo d’Oro e, sorprendentemente, entra nelle grazie della sovrana, scandalizzando l’intera corte.
Abdul è in compagnia di un suo caro amico Mohammed che vuole ritornare al suo paese perché in Gran Bretagna fa molto freddo: il ciambellano di corte catechizza i due indiani che devono rivolgersi alla sovrana non guardandola mai negli occhi. Invece Abdul incrocia lo sguardo della Regina e non solo…le bacia le scarpe mandando letteralmente in pezzi il protocollo (cosa che farà molte volte spingendosi ben oltre…). In breve tempo Abdul è nominato dalla Regina Vittoria maestra della lingua “urdu”. La corte inglese è sempre più ostile e scandalizzata: Abdul è pur sempre un indiano (un suddito di Vittoria imperatrice d’India) e per di più musulmano- con tanto di moglie e suocera direttamente dall’India- ma la regina non sente ragioni lo nomina membro di corte.
C’è tempo per una “gita “ in Italia, dove la regina Vittoria, la corte e Abdul, incontrano Giacomo Puccini, che inizialmente tenta di esibirsi, poi per iniziativa dello stesso Abdul, lascia il posto all’esecuzione canora-improvvisata e sgraziata- della regina Vittoria.
Per illuminare questa scena, il regista Stephen Frears e il direttore della fotografia- Danny Cohen, candidato all’Oscar- hanno usato dozzine di candele lunghe e sottili e hanno fatto girare tre telecamere per catturare l’evento.
Molto di bello e di commovente accade nel film fra l’anziana regina il giovane Abdul musulmano.
Una storia che racconta lo scambio profondo e intenso di sentimenti fra due esseri umani. Film delicato e appassionante, da non perdere. Cast stellare.

 




Il personaggio di Abdul e la sceneggiatura.

Il regista del film Stephen Frears ha scelto l’attore Ali Fazal immaginandolo adatto al ruolo di Abdul: doveva essere affascinante attraente ma anche autentico, un attore cresciuto nella terra indiana che conoscesse bene l’Inghilterra. L’attore stesso ha dichiarato di essere molto legato al ruolo del giovane Abdul brillante ambizioso desideroso di amare e di essere amato da una donna così potente. Non tutto il film si basa sul grande talento del premio Oscar Judi Dench: all’interpretazione della Dench, intensa ammirevole è da affiancare quella di Ali Fazal nei panni dell’Abdul Karim.
La scrittrice giornalista Shrabani Basu (dalla cui opera è tratta la sceneggiatura de flm) ha iniziato il suo lavoro rileggendo i diari segreti della regina Vittoria e di Abdul. Ha dichiarato recentemente: “Abdul aveva 24 anni quando è stato inviato dall’India al Regno Unito. Ha attirato l’attenzione di Vittoria ed è stato rapidamente promosso. Vittoria ha previsto per lui delle lezioni extra d’inglese che potessero permettergli di conversare più facilmente con lei. Ogni sera lui le dava lezioni di urdu. I due divennero inseparabili. La casa reale complottò contro di lui, minacciando l’intervento del Principe di Galles [il titolo di Bertie a quel tempo]. Vittoria difese Abdul senza cedimenti.” La sceneggiatura di Vittoria e Abdul è del candidato all’Oscar Lee Hall (autore della sceneggiatura del film Billy Elliot) e si basa sul libro della giornalista Shrabani Basu, Victoria & Abdul: The True Story of the Queen’s Closest Confidant (Vittoria e Abdul: La vera storia del confidente più vicino alla regina).

 

Complotti di corte.

Il punto più interessante della trama del film è il complotto contro lo straniero/musulmano. Vengono i brividi se si pensa a quello che ha vissuto la principessa Diana dal momento in cui ha avuto la sua relazione con il produttore cinematografico, imprenditore Dodi Al- Fayed anch’egli musulmano: gli stessi tabloid inglesi sospettavano che Lady Diana fosse incinta del suo compagno. Quale scandalo per la corte inglese, che la madre di un futuro re d’Inghilterra potesse partorire un bambino musulmano! Le circostanze della morte della principessa Diana non sono mai state del tutto chiarite: sebbene le sentenze nei tribunali abbiano parlato d’incidente stradale (Lady Diana viaggiava in automobile con suo compagno sotto il famoso tunnel a Parigi) vi sono varie teorie “complottiste” che ricostruiscono i fatti in maniera molto diversa.

Titoli di coda

JUDI DENCH (Regina Vittoria)
ALI FAZAL (Abdul Karim)
EDDIE IZZARD (Bertie, Principe di Galles)
ADEEL AKHTAR (Mohammed) TIM PIGOTT-SMITH (Sir Henry Ponsonby)
OLIVIA WILLIAMS (Lady Churchill)

FENELLA WOOLGAR (Miss Phipps)
PAUL HIGGINS (Dr. Reid)

ROBIN SOANS (Arthur Bigge)
JULIAN WADHAM (Alick Yorke)
SIMON CALLOW (Puccini)
MICHAEL GAMBON (Lord Salisbury)

STEPHEN FREARS (Regista)
TIM BEVAN e ERIC FELLNER (Produttori)
LEE HALL (Sceneggiatore)
Una produzione Focus Features
Distribuito da UNIVERSAL PICTURES Italia

 




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.