Auguri per la tua morte-Happy Death Day il nuovo film di Christopher Landon




Auguri per la tua morte-Happy Death Day il nuovo film di Christopher Landon




Auguri per la tua morte-Happy Death Day è un teen movie- horror-comedy diretto da Christopher Landon (Il Segnato – Paranormal Activity: The Marked Ones) e prodotto da Jason Blum (Split, Scappa: Get Out).
Sequel o no, l’opera filmica si avvalora delle convenzioni stilistiche del genere horror- a partire dal primo Scream fino a Scream 4, dove il protagonista vive situazioni dalle quali sembra impossibile uscir vivo ed è perseguitato da serial killer mascherati.
In Auguri per la tua morte, la realtà si frammenta, e il racconto “ripetuto” è modificato dalle azioni del protagonista. Potrebbe sembrare la tecnica narrativa usata dai “cantori” che ripetevano la stessa storia aggiungendo ogni volta dei particolari, ma nel film si entra e si esce continuamente da un sogno: non siamo, tuttavia, di fronte alla maestria del Lynch con il suo costrutto complesso tra immaginazione, finzione realtà. Questa è la storia di una studentessa di College americano, Tree Gelbman (Jessica Rothe, La La Land) che all’inizio del film appare scorbutica, arrogante, spregiudicata . La classica bellezza bionda che sembra “vincente” ma che passando da sola di notte sotto un ponte rischia di essere ammazzata da un tipo con cappuccio nero e maschera da bambino in perfetto stile horror (quello in voga in Halloween o Nigthmare dove il cattivo indossa una maschera per la notte di Halloween, la “Gosthface”).Fin qui è un classico: il fatto “nuovo” e che la fanciulla rivive ogni giorno la stessa scena, ma poi si risveglia nel letto di Carter (Israel Broussard)un suo compagno di College. Dunque è un sogno ricorrente, perché la realtà non si ripete mai uguale a se stessa.
Quanto serve questo nightmare allo stile narrativo? Serve eccome per far “scoprire”alla vittima, dettaglio dopo dettaglio, l’identità dell’assassino. Chi sarà il misterioso killer che appare in sogno? Il giorno del compleanno della bella Tree coincide con la sua morte, momentanea, poiché al risveglio lei è viva.Ricordiamoci che siamo sempre in sogno e nel sogno la morte ha ben altra funzione che nella realtà. E per di più siamo in un sogno, dentro un film…
Tra i personaggi del film ricordiamo anche Lori (Ruby Modine) la compagna di stanza di Tree e il professore del College Gregory (Charles Aitken).

Auguri per la tua morte, remake di Ricomincio da capo?

Ricomincio da capo (1993) del regista Harold Ramis è classificato come un film commedia, fantastico, sentimentale, che usa l’espediente narrativo del risveglio con la ripetizione della giornata che il protagonista subisce per poi comprendere che deve amare il suo prossimo. Questo modello, che ha grandi implicazioni in sede di montaggio, si può vedere anche nel più recente Edge of Tomorrow – Senza Domani (2014) di Doug Liman e in Questione di Tempo – About Time di Richard Curtis (2013): argomenti assai diversi e modi differenti di usare il principio del tempo.
L’elemento in comune, tuttavia, è che questo agire nel tempo, (che sia l’interrompersi nello stesso punto e riprendere sempre da quello – come in Edge of Tomorrow- o viaggiare nel tempo-come in Questione di Tempo) debba servire al protagonista per apprendere l’arte di vivere.Il punto è che l’eroe o l’eroina non apprendono “vivendo” la trama del film e basta ma sono costretti a subire un “loop” o “trip” che dir si voglia: un vortice mentale, che di formativo non ha proprio nulla, anzi si avvicina più al clima di tossicità al quale si stanno abituando intere generazioni di teen-agers.La frase che rivela questo è la battuta pronunciata da un personaggio del film Auguri per la tua morte: ” La verità è che non sanno come divertirsi, sono annoiati e in differenti e la realtà gli fa schifo”. E ancora: “Se rivivi lo stesso giorno, cominci a capire chi sei veramente”. Così si certifica che nella realtà così com’è e così come si sta nulla può cambiare. E’ pur vero che la ripetizione fan parte del cinema e del teatro: il copione che si ripete durante le repliche, il film proiettato in sala. In quel caso però, è gusto di ogni spettatore “aggiungere” per ogni replica una diversa emozione o aneddoto: un momento unico che resterà nei suoi ricordi. Cristallizzare la realtà significa negare il futuro, il flusso, i cambiamenti della vita naturale. Film degustativo per i teenagers e non solo, per gli amanti del genere.

Dichiarazioni
Il regista Christopher Landon ha dichiarato: “Quando ho letto la sceneggiatura, ho immediatamente pensato che si trattava della versione horror di Ricomincio da Capo – Groundhog Day! Mi sono chiesto perché nessuno ci avesse pensato prima? È allora che si è accesa la lampadina, capendo che soltanto l’idea è bastata a convincermi della forza del progetto”.Landon aggiunge poi : “Quando sei costretto a rivivere lo stesso giorno ancora e ancora, è molto facile cadere in trappola. Abbiamo realizzato una struttura che presentasse ogni giornata così da permettere al pubblico e al personaggio di capire via via che cosa stesse succedendo. Poi interveniamo sulla morte di Tree, così da metterla nelle condizioni di affrontare la propria uccisione e portare la storia a esperienze totalmente inattese”.Prosegue con: “Molti dei classici film per adolescenti presentano una serie di vittime che, una volta uccise, sono letteralmente dimenticate. Il mio interesse era di sviluppare un personaggio che deve reagire alla propria morte e cercare di sorprendere l’omicida così da evitare che si tratti dell’ultimo giorno della propria vita”.
Infine Landon dichiara: “La paura non manca di certo, il pubblico salterà dalla sedia e urlerà, ma le risate sono davvero tante. Commedia e horror possono sembrare due universi distinti, ma in realtà hanno molto in comune. Il modo in cui arrivi a procurare paura è molto simile a quello di una battuta. Se riesci a trovare il giusto ritmo per alternare spavento a divertimento, riesci a tenere il pubblico continuamente preso dal film”.




Altre dichiarazioni.

Con un’altra originale commedia horror alle spalle, Blum afferma con una battuta: “Il pubblico dovrebbe vedere questo film perché stimola le fantasie di vendetta e rivalsa. Io ho pensato a tutti i miei nemici…”.

Titoli di Coda

Universal Pictures presenta una produzione Blumhouse per un film di Christopher Landon .

Con Jessica Rothe, Israel Broussard, Ruby Modine,Charles Aitken.
Scritto da Scott Lobdell
Musica di Bear McCreary,
Costumi Meagan McLaughlin Luster
Montaggio Gregory Plotkin,
Scenografie Cecele M. De Stefano.
Direttore della fotografia è Toby Oliver
Prodotto da Jason Blum.




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.