La Gioventù che brucia nel corto Pizza Marconi di Maurizio Matteo Merli




La Gioventù che brucia nel corto Pizza Marconi di Maurizio Matteo Merli




Non essere cattivo (Claudio Caligari 2015) ha fatto scuola che lo si ammetta o no. Le riprese “on the road”, il notturno, le auto in corsa, la vita in pericolo, la quotidianità, il dialetto romanesco tutto in Pizza Marconi si approssima a uno stile a un modello: appreso ripreso in stato di appropriazione. I lettori sanno a cosa ci riferiamo, a quali pellicole: la cinepresa riprende la moto- sulla quale sono in viaggio i due protagonisti- in piano sequenza sulla strada di notte (non si tratta certo del lungo piano sequenza di Moretti in “Caro Diario”, del 1993) e questo piano sequenza è interrotto dagli stacchi. Questi stacchi servono? Mi chiedo. La cinepresa nei film di Caligari indugiava, seguiva gli attori lenta come il tempo che trascorreva in “Amore Tossico”.Ora il tempo non  c’è: tutto è fretta, l’andamento naturale delle cose sembra svanito.
Ma a bene vedere il cortometraggio Pizza Marconi, cerca una sua identità, sebbene non riesca del tutto a  trovarla : difficile condensare questa ricerca in un corto, che delimita la sceneggiatura ,la regia e il risultato finale, l’opera filmica in definitiva. Lo attendiamo nella fatica del lungometraggio!
La gara e il Dna della gioventù bruciata.
Riconosciamo le strade di Roma: la consolare Cristoforo Colombo e soprattutto l’obelisco con la sua piazza da sempre punto di ritrovo per intere generazioni di giovani.
I nomignoli come il kamikaze, meccanico sono “topos “arcaici di quella giovinezza romana spaccona che brulicava negli anni fine cinquanta inizio anni sessanta.
Per chi ama il rischio estremo , la gara automobilistica rappresenta un cult: la velina che ci offre il film è fin troppo semplice se pensiamo al film Gioventù Bruciata(1955) con James Dean .
In Pizza Marconi i vestiti dei ragazzi e le automobili sono però pieno “vintage” anni ottanta .Uno degli sfidanti, che fa il pizzettaro, pronuncia l’aforisma: ”Vertebra e’ tutta la vita mi faccio male” . Lo sfidante ,il kamikaze fa il duro nostalgico di altri duri. Come finirà la corsa? Evitiamo lo spoileraggio (sarebbe molto bello usare l’italiano” non rivelare il finale” ).
Note di regia
Pizza Marconi, che inizialmente doveva chiamarsi Piazza Marconi, nasce nelle teste di Daniele De Rosa e Fulvio Riganti tra un quartino di vino ed un pezzo di formaggio.
Quando me ne parlarono e mi chiesero se volevo fare questa pazzia con loro, ebbi un solo dubbio…l’idea era buona ma seguiva troppo il “genere”. Intendiamoci sono il figlio di una delle icone dei film di “genere” e non posso che amarlo ma sono anche dell’idea che debba essere un “look” da dare al film non una filosofia o peggio ancora una tradizione da seguire seguendo archetipi ormai stereotipati.
Il “genere” va riscoperto. Aiutato con una scrittura convincente, solida, che esca dagli schemi, semplicemente una storia come un’altra raccontata con uno stile diverso.
Pizza Marconi non ha pretese… se non quella di raccontare una piccola storia di una piccola realtà romana e di offrire al pubblico la possibilità di vivere e di farsi raccontare una favola attraverso uno stile che non smetteremo mai di amare.

                                                   Titoli di coda

Cinemalfa e Father&son
Presenta
Pizza Marconi
un film di Maurizio M. Merli

Da un’ idea di Fulvio Riganti e Daniele De Rosa
Sceneggiatura di Maurizio M. Merli




Con
Giacomo Porverari Robero Bagagli
Fulvio Riganti Erminio Pitzalis
Giovanni Camici Lorenzo Destito
Carlotta Valitutti Giulia Corsi
e con
Maurizio M. Merli

Un ringraziamento speciale ai “ragazzi dell’obelisco” ed in particolare a Marco Ferrante e Mauro Rigoni per la gentile concessione delle vetture protagoniste.

Cast tecnico
D.o.P Cristian Valeri Aiuto regia Simone Sabani
Oper. Giovanni Scarpitti Aiuto oper. Ludovico Riganti
Focus pull. Lorenzo Elena e Beatrice Nalin Data Manager Matteo Ottavianelli
Gaffer Simone Rossi Supporto tecn. Massimo Palmieri
Fonico Matteo Botticelli Post audio Andrea Guzzo
Musiche Dario Cesarini Trucco Sara Campili
Montaggio Cruzio Meleri Colorist Daniele Massa
Prod. Esec. Ivan Scelsa Loc.Manager Daniele De Rosa

 




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 251 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*