Directions Tutto in una notte a Sòfia il nuovo road movie di Stephan Komandarev




Directions Tutto in una notte a Sòfia il nuovo road movie di Stephan Komandarev




Il regista Komandarev è anche l’autore del docufilm “ Il mondo è grande la salvezza aspetta dietro l’angolo” (2008) nominato per la sezione degli Oscar come miglior film straniero nel 2010.L’attuale Directions- Tutto in una notte a Sòfia è fin dalle prime immagini un’opera potente: le inquadrature riportano a un uso della macchina da presa che corrisponde al nostro “ neorealismo”. Un modo di lasciare il personaggio solo con se stesso, senza orpelli di voci narranti: le locations sono la strada, il palazzo, l’appartamento, i viali, i magazzini, i locali notturni di una città corrotta, alla deriva, fuorilegge.
L’occhio della cinepresa è l’occhio dei tassisti: una narrazione autenticamente vibrante che ti tiene lì, dal primo all’ultimo fotogramma. Il taxi è l’agora che genera le storie di uomini e donne, giovani e meno giovani, arricchiti e depauperati, è il ventre di Sòfia dove tutto si esprime: rabbia, delusione, gioia, desiderio, conflitto. Sòfia giustiziera, dove per una notte il vessato si ribella, il derubato deruba, chi cerca il perdono lo trova. Questo film arriva intensamente al cuore, allo spirito e alla mente, privo di retorica interpretato da attori straordinari: situazioni che si trasformano sotto gli occhi dello spettatore; il carnefice smette di essere carnefice, il suicida comprende l’inutilità proprio suicidio e si assume la responsabilità della propria esistenza.
L’impianto di sceneggiatura è perfetto: in sostanza, commozione, tenerezza, epicità, trionfano. Un vero e proprio capolavoro nel suo genere (e non si tratta solo di un docufilm/road movie). Tentativi (devo dire recenti, nel panorama cinematografico) di riunire l’unità spazio-tempo tempo in una giornata, appaiono tenui di fronte a tale prova di forza. Film da vedere da rintracciare, da seguire.
Note del regista Stephan Komandarev
Questo film è nato sul sedile posteriore di un taxi, un giorno freddo del gennaio 2015, quando il  conducente mi raccontò come i taxi a Sofia funzionino come una sorta di servizio sociale bulgaro e siano di fatto la prima attività che la gente cerca di svolgere dopo aver perso il lavoro. Mi raccontò la sua storia: professore di fisica nucleare presso l’Accademia Bulgara di Scienze da poco licenziato.
Come lui molte persone di qualsiasi estrazione sociale – insegnanti, scienziati, sacerdoti, musicisti,panettieri – guidano il taxi durante la notte solo per sopravvivere e pagare le bollette a fine mese.
Con amara ironia mi disse che la Bulgaria a suo modo di vedere è una nazione piena di ottimisti e che realisti e pessimisti hanno lasciato il paese molto tempo fa.
Ho iniziato a lavorare alla sceneggiatura dopo aver parlato con un uomo la cui storia sembra corrispondere all’idea che mi ero fatto sui tassisti: aveva guidato tutta la notte – per circa 400 chilometri – per arrivare in ospedale in tempo per sottoporsi a un intervento al cuore.
Ho ascoltato con attenzione persone come lui, che sembravano avere una precisa visione della situazione sociale bulgara. Hanno condiviso con me le loro opinioni su un paese totalmente privo di energia, dove la povertà e la disuguaglianza crescenti hanno generato un dilagante senso di
fallimento.
Da ex medico con cinque anni di esperienza come psichiatra infantile, ho cercato di immaginare una cura adatta a questa società a dir poco malata che permettesse di cambiare le cose. Ho deciso che il primo passo per la diagnosi e il trattamento del “paziente” dovesse essere l’analisi degli
aspetti della vita nel mio paese che non funzionavano; ed è proprio questa ricerca che sta alla base del mio film. La mia speranza è che il mio lavoro possa proporsi come cassa di risonanza emotiva contribuendo ad avviare un dibattito – sia in Bulgaria sia all’estero – sul futuro della nostra società.
La storia di Misho, che apre il film, è basata su un fatto di cronaca, che ha molto colpito l’opinione pubblica dell’intera nazione due anni fa. Ma nonostante numerosi dettagli di questo lavoro siano ispirati ad eventi realmente accaduti, il mio scopo non è stato quello di fare una cronaca di storie vere, bensì quello di rappresentare la drammaticità al centro di ogni racconto. Per questo mi sono avvalso dell’aiuto di Todor Todorov, uno degli psicologi criminali più esperti in Bulgaria, che ho consultato per far emergere, nel modo più chiaro possibile, l’essenza di ogni personaggio.
Tutti gli episodi del film sono costituiti da un’unica scena, che è stata provata diverse volte prima di essere girata – utilizzando una camera ARRI Alexa Mini. Le lunghe prove sono state impegnative per il cast e la troupe, ma noi tutti volevamo che le performance sembrassero autentiche e spontanee, in modo da avvicinarci il più possibile al realismo di un documentario.Vivo in Bulgaria, dove ho cresciuto i miei due figli. Quando li guardo, mi chiedo come sarà il mondo quando saranno adulti. Cosa dovranno aspettarsi? Come possiamo invertire l’attuale declino dei valori etici e sociali? La figlia di Misho è stata interpretata da mia figlia tredicenne. Compare nella prima scena alla ricerca di suo padre e nell’ultima scena mentre cammina nella neve verso la scuola. Sarà possibile per noi rompere con il passato e ricominciare tutto da capo?Ho girato questo film come preghiera personale per i miei figli, la mia comunità e il mio mondo.

Titoli di coda

Produzione e dati tecnici
Titolo originale Posoki
Durata 104 minuti
Lingua originale Bulgaro
Produzione Argo Film, Aktis Film Production Ug, Sektor Film
Distribuzione Wanted Cinema
Cast Tecnico
Regia di Stephan Komandarev
Sceneggiatura Stephan Komandarev, Simeon Ventsislavov
Fotografia Vesselin Hristov
Montaggio Nina Altaparmakova
Costumi Zaklina Krstevska
Trucco Martin Pavlovski
Musica Markus Krohn
Cast artistico
MISHO | Vasil Vasilev-Zueka
VLADO | Ivan Barnev
ZHORO | Assen Blatechki
RADA | Irini Zhambonas
KOSTA | Vasil Banov
PETAR | Troyan Gogov
ANDREY | Dobrin Dosev
MITKO | Guerassim Guerguiev “Gero”
MANOL | Dimitar Banenkin
NIKOLA | Stephan Denolyubov
DOVE SI PUO’ VEDERE IL FILM Directions- Tutto in una notte a Sòfia
GOOGLE PLAY,I TUNES,CHILI,WUAKI







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 295 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.