Studio Universal in prima tv Essere James Bond di Josh Greenbaum




Studio Universal in prima tv Essere James Bond di Josh Greenbaum




Quell’Essere James Bond che è in tutti noi.
Signore e Signori siamo di fronte ad un piccolo capolavoro: chiamatelo pure docufilm o film, o come volete, a cavallo tra la saga di James Bond e quella di Jason Bourne. Un’opera senza esitazioni, senza timori reverenziali, con una capacità narrativa straordinaria che si ben sposa con un film biografico. Questo è bel cinema gente!
L’alternanza tra l’attore George Lazenby -che racconta ai giorni nostri di quando interpretò il film L’Agente 007 al Servizio segreto di Sua Maestà (1969)- e il suo personaggio filmico (l’attore Josh Lawson) è sempre ben calibrata e fa rivivere allo spettatore tutte le sue vicissitudini in modo divertente e appassionante: è la storia del meccanico belloccio che vuole fare anche l’attore.
Una delle sequenze più esilaranti del film è quella in cui George lancia una sua fotografia: il rallenty descrive come la foto “voli” e resti lì sulla scrivania. Come la pallina da tennis sfiora la rete e cade sul terreno, quest’azione sarà “un punto” che si rivelerà un macht point.
Il rude e indaffarato impiegato della produzione che si occupa di trovare il nuovo interprete di James Bond (orfano del brillante e “divino”Sean Connery) non sa che pesci prendere…poi guarda la foto di George Lazenby e gli compare davanti l’attore “travestito” da James Bond: stessi capelli, stessi vestiti, stessa posa con la pistola.
Il caso non esiste: dal momento in cui il nostro caro George decide di voler essere, a tutti i costi, James Bond, l’ambiente attorno a lui si muove per far sì che ciò avvenga.
È sì ingaggiato, ma non è affatto semplice interpretare James Bond: ci vuole un serio addestramento per intraprendere inerpicate su pareti a strapiombo, voli da automobili in corsa .Il nostro George meccanico- che sta per diventare Bond- lo sa e si presta al gioco con tutto se stesso.
Lo spavaldo ma sincero George si presenta  in orario sul set nonostante passi le notti in compagnia di belle donne per il così detto “sex, drugs and rock and roll”.
Si tratta di interpretare un personaggio cult mica uno qualsiasi!
Epoca di “spoileraggio”.
Mi fermo qui con la trama poiché si è in epoca di “spoileraggio”, ma potete immaginare quante cose accadono al nostro George quando comincerà le riprese del film.
Il George dei nostri tempi, inquadrato in perfetto piano americano, racconta le vicissitudini fuori del set, restituendo e ricostruendo un’immagine molto diversa da quella che l’immaginario dello spettatore ha del divo hollywoodiano.
Il commento è in perfetta armonia con il film girato, cosa molto rara, giacché normalmente il docufilm ha una fotografia” realistica” e dunque poco” invitante”: qui l’epoca di George, è ricostruita in modo perfetto, nelle atmosfere, nei dettagli, nelle inquadrature. I ritmi forsennati dei suoi “padrini” – in particolare mi riferisce all’ultimo James Bond e Jason Bourne con i relativi interminabili inseguimenti, esecuzioni e squartamenti- sono qui sostituiti da una vena di comicità surreale, talvolta clownesca, che ci può far dire ad alta voce: siamo tutti un po’ James Bond!
Film da non perdere, che ci farà apprezzare ancor più gli altri film di genere.

Titoli di coda
Scritto e Diretto da Josh Greenbaum
Con George Lazenby ,James Walsh,
Jason MayBaum, Kelly Lester,Nathan Lovejoy.
Distribuito nelle sale da Wanted Cinema
TITOLO ORIGINALE Becoming Bond
Produzione Usa 2017
Durata 92 min

In onda
lunedì 25 dicembre 2017 alle ore 21,15 in TV su STUDIO UNIVERSAL







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.