Astradoc, venerdì 26 gennaio due film tra passato e presente




Astradoc, venerdì 26 gennaio due film tra passato e presente




Venerdì 26 gennaio alle ore 19.30 continuano i doppi appuntamenti con AstraDoc -Viaggio nel cinema del reale, la rassegna organizzata al Cinema Astra da Arci Movie, Parallelo 41, Università Federico II e Coinor. Anche questa settimana AstraDoc porta a Napoli due film in anteprima, uno sul passato e sulla memoria da tenere sempre viva, l’altro su un presente problematico che invita a riflettere sulla comunicazione e l’incontro tra le persone.

La serata prende il via alle ore 19.30 con Pagine nascoste di Sabrina Varani (Italia 2017, 67′), presentato come evento speciale all’ultima edizione del Torino Film Festival. Il film è il secondo appuntamento napoletano de “Il mese del documentario”, una delle manifestazioni più rappresentative dedicate alla diffusione del Cinema del Reale a cura di Doc/it, con il pubblico di 7 città italiane, tra cui quello dell’Astra, che assegnerà il Premio al Miglior Documentario. Interverranno in sala la regista e lo storico Guido D’Agostino, Presidente dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea “Vera Lombardi”.

Astradoc, in sala l’attore e regista Renato Carpentieri

Alle ore 21.30 ci sarà la proiezione di Camera 431 di Barbara Rossi Prudente (Italia 2017, 55’) che sarà
presente in sala con l’attore e regista Renato Carpentieri, per mostrare l’ultimo suo lavoro a metà strada
tra realtà e finzione, realizzato anche con le musiche originali del compianto Fausto Mesolella e di Emilio
Di Donato.

Circa 50 Sconosciuti si presentano ad un appuntamento al buio in una camera d’albergo dove, divisi in
coppie, condividono per alcune ore la propria vita e le loro storie con una persona di cui non hanno mai
sentito parlare o incontrato prima. Dall’esperimento emergono voci, atmosfere e modalità
personalissime di partecipare alle vite altrui. Raccontando e raccontandosi, gli Sconosciuti dimostrano
che non bisogna essere necessariamente amici, familiari o amanti per condividere la verità di un
incontro.




“Camera 431” celebra la quotidianità della vita della gente comune. Rinunciando ad una storia di
finzione rigorosa e strutturata, il film documentario si rivela lo strumento più idoneo perché la voce dei
personaggi emerga come unico protagonista.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.