L’ultimo spettacolo di Elena Arvigo una houdini al femminile







Signore e Signori! Questa sera abbiamo assistito a un numero d’eccezione: lo spettacolo “L’imperatore della sconfitta”. Elena Arvigo /houdini, si è immersa in acqua incatenata, liberandosi a tempo di record davanti al pubblico. Siamo abituati a tali manifestazioni. Che atto di forza e di libertà: eccola alla fine che riemerge indenne a pieni !Ci ha abituati ormai.
Al suo fianco la bravissima Caterina Gramaglia e sul fondo due oggetti scenici illuminati da un fascio di luce rossa (un ottimo il lighting design n. d. r.).La nebbia in scena avvolge tutto, è lei la terza protagonista. Il testo si ripete, come nella rima di una nenia: passano proiezioni di delfini. Elena e Caterina come Prospero dinanzi alla prua della nave, cercano un approdo dopo una tempesta che però non c’è stata: il moto della voce è bellissimo, anche se le insidie sono molte. Non basta a Elena/houdini tracciare un cerchio, per proteggere la sua compagna di scena dai “dardi dell’oltraggiosa fortuna”. “Sono stato un poeta” dice il testo, amaro perché un poeta non smette di essere poeta neanche da morto.Le due fanciulle ora sono due marinai di Coleridge.”Mai” è scandito in proscenio ”Ma io sono l’imperatore della sconfitta”.Si comprende che il poeta vuole superare con tutte le sue forze, i suoi limiti.
Ecco si sente il giro di boa, nonostante tutto e tutti i bruchi diventa farfalla.
Zona poetica
Il testo poetico si apre e diviene circense …si recita Amleto, la nave non è a diporto ed è vicina all’approdo. L’ipertrofia non serve anzi fa male alla testa. Nella nebbia, dipanata, le due protagoniste lottano e vincono sul testo. Sullo sfondo sono proiettati frammenti dei primi dl novecento, quando era tutto arcaico e tutto nuovo, tutto da scoprire.
Entra la passione nella zona poetica rarefatta spaventevole alla Allan Poe.Il fuoco purificatore che il poeta sente addosso gli permette di abbandonare il senso di colpa.Bene!E quando la poesia sale, la leggerezza si spande, e due spettatori in sala si baciano, si stringono, nel rossore della scoperta di due cuori che battono. Questo è immergersi e risalire senza catene, ogni volta. In ognuno di noi c’è un imperatore della sconfitta ma bisogna trasformarlo in imperatore della vittoria!Elena/houdini.Grazie!
Note per il testo
L’Imperatore della sconfitta, o come perdere per risorgere, è l’opera scritta nel 1994 e dedicata all’attore Marc Moon Van Overmeir da Jan Fabre.
Titoli di Coda
Regia Elena Arvigo
Con Elena Arvigo e Caterina Gramaglia

Scenografia Alessandro di Cola
Video Project Carolina Ielardi
Luci Manuel Molinu
Assistente alla regia Tullia Salina Attina’
Foto Manuela Giusto e Agnesa Dorkin
Produzione Teatro Out Off







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 264 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*