Maria Maddalena la mistica nel film di Garth Davis







“E lei gli chiese: com’è il regno di Dio?”.

Maria fa la levatrice non la prostituta, non si deve pentire di nulla.Si avvicina al Maestro come tutti i mistici, ha la febbre, ed è condotta dai suoi parenti nelle acque perché il demonio esca da lei (Un mistico è sempre posseduto dal demonio…).E’ lo stesso Gesù di Nazareth che guardandola negli occhi, dice che può seguire i suoi insegnamenti, contro tutto e tutti. La location è formidabile: i movimenti di macchina producono l’effetto di essere lì con la Maddalena e con gli apostoli (si pensi all’entrata in Gerusalemme con le mura altissime).Magdalena diventa una figura del popolo quanto il suo Maestro.
Un film sottovalutato che non si adagia sulla crudeltà della crocifissione, delicato intenso che lascia per giorni un senso di bellezza: una figura nuova nella cinematografia (al pari di Giovanna D’Arco) clamori. Un precedente soave, limpido come le acque profonde del lago che accolgono chi ricerca la via nella propria terra.

Note di produzione

La storia di Gesù Cristo ha ispirato generazioni di registi, da Pier Paolo Pasolini con Il Vangelo Secondo Matteo – The Gospel According to Saint Matthew a Martin Scorsese e L’Ultima Tentazione di Cristo – The Last Temptation of Christ fino a La Passione di Cristo – The Passion of the Christ di Mel Gibson. Si tratta di una storia raccontata in maniere molto originale“Ovviamente, eravamo consapevoli che la storia di Gesù fosse stata già raccontata in numerose occasioni da validi registi.” Spiega Canning uno dei produttori: “Il ritrovamento di frammenti di pergamene in Egitto e Grecia, rivendicati poi come il Vangelo di Maria Maddalena, hanno però acceso la scintilla sull’idea di raccontare le vicende di una donna all’interno delle dinamiche della Bibbia. C’è sempre una certa componente di responsabilità di cui ti assumi il carico quando decidi di raccontare storie di tale importanza. Ma devi credere nella sceneggiatura, nel regista e negli attori, convinti che sapranno portare qualcosa di nuovo e fresco”.La prima versione della sceneggiatura è stata scritta dall’acclamata drammaturga Helen Edmundson, che ha preso in carico il progetto e ha raccolto tutti i testi più rilevanti trasformandoli in una versione narrativa. Come ha spiegato Canning “Successivamente Philippa Goslett ha lavorato sul testo per garantirgli un taglio cinematografico e mettere in scena una dinamica più intensa fra Maria e gli altri discepoli”.
Il produttore Emile Sherman aggiunge: “Maria Maddalena è stata tenuta ai margini per secoli e volevamo ridarle il giusto posto di apostolo al centro della storia di Gesù Cristo. Le vicende che abbiamo raccontato vanno al cuore di tutte le religioni e, di fatto, di tutta l’umanità. Maria arriva alla convinzione che il “regno”, o qualsiasi prospettiva in cui crediamo, deve iniziare dentro noi stessi. Il nostro spirito deve poggiarsi su pilastri come l’amore e la gentilezza”.
Rooney Mara /Mary Magdalene
A renderla ideale per questo ruolo è stata anche la sua forza, come spiega la produttrice Liz Watts: “Rooney esprime una meravigliosa capacità di persuasione e risoluzione ed è capace di portarla anche sullo schermo come richiedeva il ruolo. Le sue caratteristiche sono esattamente ciò che Garth stava cercando. È dotata anche della giusta ironia, ma era il suo carattere che ci ha convinto a sceglierla. Maria dove essere rappresentata da una donna forte per realizzare ciò che ha fatto.”
Due volte nominata per il Premio Oscar® Rooney Mara ha cominciato la propria carriera dopo un periodo di studi alla New York University. Proprio durante gli anni del college Mara decise di esplorare il proprio interesse nella recitazione, iniziando con piccole parti in film indipendenti, per poi muoversi a Los Angeles per farla diventare la propria professione.
Mara apparirà al fianco di Joaquin Phoenix nel prossimo film di Gus Van Sant Don’t Worry – Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot, presentato al Sundance Film Festival del 2018. Il film è un adattamento del libro di memorie di John Callahan, che racconta la storia della propria paralisi dopo un incidente in macchina all’età di 21 anni, e come il disegno si trasformò in una terapia. Amazon Studios distribuirà il film.
Presentato in anteprime al Sundance Film Festival 2017, dove ha ricevuto il plauso di pubblico e critica, il film di David Lowery A Ghost Story con Rooney e Casey Affleck è uscito in sala per A24 Films nel luglio 2017. Il film è stato inserito nella lista dei 10 migliori film indipendenti del 2017 dal National Board of Review. La pellicola ha anche ottenuto una nomination per gli Independent Spirit John Cassavetes Award.




Nell’ottobre 2017, Mara ha lavorato al fianco di Ben Mendohlson su Una, un’adattamento per lo schermo del testo di David Harrower vincitore dell’Olivier Award, “Blackbird.” Il film, diretto da Benedict Andrews, racconta la storia di una giovane donna che inaspettatamente si presenta sul luogo di lavoro di un uomo più matura alla ricerca di risposte. Mara ha anche lavorato sull’opera di Jim Sheridan Il Segreto – The Secret Scripture, con Vanessa Redgrave e Theo James. Il film irlandese affronta la lunga permanenza di una donna all’interno di un ospedale psichiatrico. Entrambi i film sono stati presentati in anteprima al Toronto International Film Festival del 2016. Nel marzo 2017, Mara ha partecipato a Song to Song di Terrence Malick con Ryan Gosling, Michael Fassbender e Natalie Portman, un film presentato al SXSW Festival e focalizzato su due triangoli amorosi, sulle ossessioni sessuali e sul tradimento nella scena musicale di Austin, in Texas. Mara ha anche lavorato in La Scoperta – The Discovery con Robert Redford e Jason Segal per il regista Charlie McDowell, distribuito da Netflix e presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2017.Nel novembre 2016, Mara è apparsa in Lion – La Strada Verso Casa con Dev Patel e Nicole Kidman. Diretto da Garth Davis, Lion – La Strada Verso Casa è l’adattamento del libro “La Strada Verso Casa – A Long Way Home” di Saroo Brierley, che segue le vicende in un giovane bambino di Calcutta che arriva in un orfanotrofio per poi essere adottato da una coppia in Australia. La prima internazionale del film si è tenuta nel 2016 al Toronto International Film Festival arrivando a essere uno dei film più premiati della stagione. Nel novembre 2015, Mara ha affiancato Cate Blanchett in Carol, diretto da Todd Haynes. Basato sul controverso romanzo “Carol – The Price of Salt,” l’acclamato film drammatico racconta l’inarrestabile relazione amorosa fra due donne nella New York degli anni ’50. Il film è stato presentato in anteprima al Cannes Film Festival 2015, dove Mara ha vinto il Premio per Migliore Attrice. Mara ha poi ottenuto nominations agli Oscar®, ai Screen Actors Guild, al Golden Globe®, e al BAFTA award per la sua performance. Carol è stato prodotto da Film 4 e distribuito da The Weinstein Company.
Nell’ottobre 2015, Mara è apparsa nel ruolo di Tiger Lily nel film di Joe Wright Pan – Viaggio sull’isola che non c’è. Per l’occasione ha lavorato con Hugh Jackman, Amanda Seyfried, e l’esordiente Levi Miller. Il film è stato distribuito da Warner Brothers. Mara ha anche lavorato sul film di Stephen Daldry Trash, ambientato nelle baraccopoli brasiliane, da una sceneggiatura scritta da Richard Curtis. Mara ha interpretato il ruolo di una giovane cooperante. Il film è stato presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nell’ottobre 2014 e ha ottenuto una nomination per il BAFTA Award come Miglior Film.Nel 2013, Mara ha ricoperto un ruolo nel film presentato al Sundance Film Festival 2013 Senza Santi In Paradiso – Ain’t Them Bodies Saints per l’autore e regista David Lowery con Casey Affleck e Ben Foster. L’opera ripercorre la storia di una giovane madre che deve affrontare le difficoltà sorte dopo che il marito viene arrestato per un omicidio.Sempre nel 2013, Mara ha recitato in Effetti Collaterali – Side Effects diretto da Steven Soderbergh, al fianco di Channing Tatum e Jude Law. Mara interpreta una donna che inizia a seguire una cura farmacologica per gestire ansia e depressione. Il film è stato prodotto da Open Road Films ed è stato presentato in concorso al Berlin Film Festival 2013. Nel dicembre 2013, Mara è apparsa nel film nominato per il Premio Oscar® e i Golden Globe® Lei – Her. Diretto da Spike Jonze e interpretato da Joaquin Phoenix e Amy Adams, il film propone la storia di un uomo che trova compagnia e amore nella voce di un sistema operativo digitale. Mara aveva precedentemente colpito pubblico e critica nel film del 2011 diretto da David Fincher e adattamento statunitense del popolare libro di Stieg Larsson Uomini che odiano le donne – The Girl with the Dragon Tattoo. Mara ha interpretato il ruolo della protagonista femminile “Lisbeth Salander” al fianco di Daniel Craig e Robin Wright. Per questo ruolo, Mara ha ottenuto un premio dal National Board of Review oltre a ricevere una nomination per il Golden Globe® e l’Oscar® come Miglior Attrice in un Film Drammatico.
Altri film a cui ha partecipato sono Tanner Hall – Storia di un’amicizia, diretto da Francesca Gregorini e Tatiana von Furstenberg; l’opera di David Fincher The Social Network; Youth in Revolt e The Winning Season con Sam Rockwell.Nel 2016, Mara ha dato la voce a un personaggio del primo dei tre cartoni animati della serie Kubo e la Spada Magica – Kubo and the Two Strings realizzato da LAIKA e Focus Features. Ambientata nell’antico Giappone, la storia segue le vicende di Kubo, un giovane del cuore d’oro che vive prendendosi cura di sua madre nel loro piccolo villaggio fino a quando uno spirito proveniente dal passato lo prende e lo forza a confrontarsi con divinità e mostri. Il film ha visto la partecipazione anche di Matthew McConaughey, Charlize Theron and Ralph Fiennes.Per il piccolo schermo, Mara ha partecipato a serie del calibro di “ER – Medici in Prima Linea,” “The Cleaner,” “Women’s Murder Club,” e “Law & Order: Unità Speciale – Law & Order: SVU.”
Mara è il fondatore dell’organizzazione non-profit Uweze, che offre aiuto di primo soccorso e assistenza agli orfani di una delle più grandi baraccopoli africane a Kibera, in Kenya.

Joaquin Phoeniz- Gesù
Joaquin Phoenix è nato a Puerto Rico e ha cominciato la sua carriera da attore all’età di otto anni. Durante i primi anni ha fatto numerose apparizioni televisive su serie come Hill Street Giorno e Notte – Hill Street Blues, Professione Pericolo – The Fall Guy e La Signora in Giallo – Murder, She Wrote. È stato una presenza fissa della serie CBS del 1986 Morningstar/Eveningstar, per poi esordire in un film per il cinema con il ruolo in Spacecamp Gravità Zero. L’anno successivo è comparso in Mamma, ho acchiappato un russo – Russkies con la sorella Summer e Carole King. Due anni dopo, il regista Ron Howard lo ha scelto per il ruolo da adolescente figlio di Dianne Wiest nella popolare commedia Parenti, Amici e Tanti Guai – Parenthood. È stato necessario arrivare al 1996 per il giovane attore per ritornare a calcare le scene con l’apprezzata interpretazione fornita al fianco di Nicole Kidman nella pellicola di Gus Van Sant Da Morire – To Die For. La critica cinematografica del New York Times Janet Maslin all’epoca definì il giovane talento come “un attore da tenere sotto controllo”. Nel 1997 è arrivato il film con Liv Tyler, Billy Crudup e Jennifer Connelly Innocenza Infranta – Inventing the Abbotts. Lo stesso anno ha recitato con Claire Danes, Sean Penn e Jennifer Lopez nel film di Oliver Stone U-Turn – Inversione di Marcia.
Nel 1998, Phoenix ha lavorato al fianco di Vince Vaughn in due ruoli molto differenti: in Il Tempo di Decidere – Return to Paradise interpreta il ruolo di un americano incarcerato in Malesia per possesso di droga, mentre nella commedia nera Il Sapore del Sangue – Clay Pigeons ha il ruolo di spalla del serial killer che prova a incastrarla. Phoenix ha poi riscosso grande favore per il ruolo del commesso che aiuta il detective Nicolas Cage nella ricerca della verità nel thriller di Joel Schumacher, 8mm – Delitto a Luci Rosse.Nel 2000, è arrivata la prima nomination per il Premio Oscar per il ruolo al fianco di Russell Crowe Commodus nel film di Ridley Scott premiato come Miglior Film agli Oscar, Il Gladiatore – Gladiator. Oltre alle nominations per Oscar, Golden Globe e British Academy (BAFTA) Award, ha ottenuto premi come Miglior Attore non Protagonista dal National Board of Review e da The Broadcast Films Critics Association. Dopo ha proseguito lavorando sul film nominato all’Oscar di Philip Kaufman Quills – La Penna dello Scandalo con Kate Winslet e Geoffrey Rush, un’opera basata sul testo di Douglas McGrath dedicato al Marchese de Sade, per il quale ha vinto il Broadcast Film Critics Award come Migliore Attore non Protagonista. Nello stesso anno ha affiancato Mark Wahlberg, James Caan, Faye Dunaway, Ellen Burstyn e Charlize Theron nel film di James Gray The Yards. Nel 2002, ha recitato con Mel Gibson nel film di M. Night Shyamalan, Signs, che ha guadagnato al botteghino in tutto il mondo più di 500 milioni di dollari. Ha nuovamente lavorato con Shyamalan due anni dopo nel thriller gotico The Village.Ha prestato la propria voce nel cartone animato Koda, Fratello Orso – Brother Bear. Fra gli altri film ci sono il film di Thomas Vinterberg Le Forze del Destino – It’s All About Love, Buffalo Soldiers, Squadra 49 – Ladder 49 e Hotel Rwanda. Phoenix ha fatto da voce narrante del film documentario Earthlings per Nation Earth, un’opera che indaga gli abusi sugli animali nelle fattorie, nell’industria alimentaria e nella ricerca. Nel 2005 ha ottenuto l’“Humanitarian Award” al San Diego Film Festival per il suo impegno offerto per Earthlings. Nel 2006, Joaquin Phoenix è salito agli onori della cronaca per la sua straordinaria interpretazione del cantante Johnny Cash (insieme all’attrice vincitrice dell’Oscar Reese Witherspoon) nell’avvincente biopic di James Mangold, Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line. Per la sua performance, ha ottenuto la seconda nomination per un Premio Oscar, in questa occasione come Miglior Attore, e vinto il Golden Globe come Miglior Attore in un Musical e ottenuto nominations a BAFTA, SAG, BFCA e Chicago Film Critics Awards. Nel 2007, sono arrivati due nuovi film: la pellicola della Sony Pictures I Padroni della Notte -We Own the Night per cui è tornato a lavorare con Mark Wahlberg e il regista James Gray. Dopo è arrivato il turno di Reservation Road per il regista Terry George. Nel 2008, per lavorare per la terza volta con il regista James Gray, ha ricoperto il ruolo di protagonista in Two Lovers con Gwyneth Paltrow.Il 27 ottobre 2008, Phoenix ha annunciato il suo ritiro dalle scene per dedicarsi alla carriera di musicista rap, ma si è poi rivelato essere parte di un’operazione che è confluita nel mockumentary Joaquin Phoenix – Sono Ancora Qui! – I’m Still Here, diretto dall’allora cognato, l’attore Casey Affleck. Il film è stato presentato fuori concorso al Festival del Cinema di Venezia e al Toronto International Film Festival nel 2010. Il suo ritorno è coinciso con il film del 2011 di Paul Thomas Anderson The Master, al fianco del compianto Philip Seymour Hoffman. Quell’anno hanno entrambi vinto la Coppa Volpi al Festival del Cinema di Venezia. Inoltre, Phoenix è stato nominato per l’Oscar, il Golden Globe e il BAFTA. Successivamente ha recitato su C’era una volta a New York – The Immigrant, con Marion Cotillard e Jeremy Renner, per la quarta collaborazione con il regista Gray.Nel 2014, ha lavorato sul pluripremiato film di Spike Jonze Lei – Her, in cui si innamora della voce di un computer interpretato da Scarlett Johansson. Nel 2015, è tornato a collaborare con il regista Paul Thomas Anderson per Vizio di Forma – Inherent Vice, film della con Josh Brolin, Benicio Del Toro, Owen Wilson, Reese Witherspoon ed Eric Roberts. Nello stesso anno è arrivata l’opera di Woody Allen Irrational Man con Emma Stone.Fra i lavori più recenti c’è il lungometraggio di Lynne Ramsay, You Were Never Really Here, che racconta la storia di un veterano di guerra che si dedica a scovare donne sfruttate da trafficanti di umani e il lavoro di Gus Van Sant Don’t Worry – Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot. Fra i prossimi progetti è previsto anche il film di Jacques Audiard The Sisters Brothers.Attivista sociale, Phoenix ha offerto il suo supporto a numerosa campagne e organizzazioni umanitarie, come Amnesty International, The Art of Elysium, HEART, The Peace Alliance (un’organizzazione il cui impegno è teso a far istituire un Ministero della Pace negli Stati Uniti) ed è nel Consiglio di The Lunchbox Fund.

Titoli di Coda
Rooney Mara Mary Magdalene
Joaquin Phoenix Jesus
Chiwetel Ejiofor Peter
Tahar Rahim Judas
Ariane Labed Rachel
Denis Menochet Daniel
Lubna Azabal Susannah
Tchécky Karyo Elisha
Charles Babalola Andrew
Tawfeek Barhom James
Ryan Corr Joseph
Uri Gavriel Phillip
Shira Haas Leah
Tsahi Halevi Ephraim
Michael Moshonov Matthew
David Schofield Thomas
Irit Sheleg Mother Mary
Jules Sitruk Aaron
Zohar Strauss John
Lior Raz Magdala Community Leader
Hadas Yaron Sarah
Roy Assaf Temple Priest

Director Garth Davis
Producers Iain Canning, Emile Sherman, Liz Watts
Writers Helen Edmundson and Philippa Goslett
Director Of Photography Greig Fraser
Editors Alexandre De Franceschi, Melanie Oliver
Music by Hildur Gudnadóttir and Jóhann Jóhannsson
Casting Director Jina Jay
Production Designer Fiona Crombie
DISTRIBUITO DA UNIVERSAL PICTURES




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 285 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.