Escobar il fascino del Male l’ultimo film di Leon De Aranoa con Javier Bardem e Penelope Cruz







Fernando Leon De Aranoa è regista e sceneggiatore del film sulla vita di Pablo Escobar. Basato sul best seller di Virginia Vallejo “Loving Pablo, Hating Escobar”, il personaggio di Pablo è interpretato da Javier Bardem: la trasformazione fisica è stupefacente – ingrassato, il ventre gonfio-, le movenze e persino l’accento (sono ancora applicate le tecniche dell’Actors Studio…).Siamo alla fine degli anni 70 e tutti gli uomini del narcoterrorismo si riuniscono attorno al capo, nella villa lussureggiante ma pacchiana del miliardario venuto dalla strada, uno che si è “fatto da solo”. Pablo si candida alle elezioni e dice che vuole aiutare la gente (molti esempi in America Latina e non). Lunga vita a Pablo Escobar! Eletto senatore rischia di non entrare in Senato non perché sia un delinquente assassino ricercato, ma perché non ha la cravatta (scena esilarante!) Corrompe tutto e tutti. Ahi Maria! Voglio rispetto!Grida Pablo Escobar /Javier e per farsi “rispettare” fa trucidare poliziotti, giornalisti, nemici, avversarsi, concorrenti del cartello della droga.
Come tutti gli uomini di potere hanno una famiglia (la famiglia è sacra e catechizza il figlio a evitare la droga!) ma si circonda di amanti: la più “utile” è la giornalista colombiana Virginia Vallejo interpretata dalla sempre brava Penèlope Cruz. Immagini delle prime televisioni satellitari, riprendono la Virginia/Penèlope che legge le notizie del telegiornale.
Uno dei suoi antagonisti è l’agente dell’FBI Shepard ( molto spesso abbiamo incontrato nelle storie poliziesche un tal nome)interpretato da Peter Sarsgaard: l‘agente rappresenta il “governo dei buoni” che combatte il crimine.Sappiamo e lo dice lo stesso Escobar che gli USA hanno spesso con una mano combattuto il crimine e con l’altra hanno orchestrato occultamente il commercio di droga. L’escalation di sangue che Pablo Escobar/Javier si trascina dietro nella sua fuga è il cuore del film e della vita del narcoterrorista. L’immagine di Pablo che corre nudo nella foresta si alterna alle sue prigioni di lusso. un vicino di poltrona afferma che gli ricorda un potente boss italiano, e noi siamo d’accordo n.d.r.)
Interpretazione straordinaria di Javier Escobar vero attore “proteo” e al suo fianco una Penelope Cruz in grande spolvero. Film che va dritto al suo scopo narrativo, incisivo, non di maniera e molto ben girato.

Notizie sul film
Ci sono voluti Bardem, che è anche uno dei produttori, e diversi anni per mettere insieme il film. “Dal 1998 sono stato incuriosito dal personaggio di Pablo Escobar come uomo. Negli ultimi vent’anni mi sono stati offerti diversi ruoli come Escobar, ma li ho sempre rifiutati proprio perché non invocavano alcun sentimento al di là di un semplice stereotipo”, dice Bardem.Pablo Escobar è famoso per aver cambiato la storia del crimine negli ultimi decenni del XX secolo. Il criminale più ricco della storia, aveva un patrimonio netto stimato di 30 miliardi di dollari nei primi anni ’90 – equivalenti a più di 55 miliardi di dollari oggi – che lo ha reso uno degli uomini più ricchi del mondo durante il suo regno di “Re della cocaina”. Il carisma e la contagiosa popolarità di Escobar lo hanno spinto verso una breve carriera politica nel suo paese natale, la Colombia, e il suo Cartello ha fornito circa l’80% della cocaina di contrabbando negli Stati Uniti nel pieno della sua carriera, facendogli guadagnare oltre 21,9 miliardi di dollari all’anno.Il regno di Escobar ha causato alla Colombia due decenni turbolenti, con Escobar che è diventato uno dei fuggitivi più ricercati al mondo. Da semplice figlio di contadini, a un certo punto è diventato la settima persona più ricca del pianeta. Il suo approccio spietato al traffico di droga ha portato alla morte di 3.000 persone. È chiaro che un personaggio reale così drammatico possa ispirare molti documentari, lungometraggi e serie televisive dopo la sua morte, avvenuta nel dicembre del 1993.

Gli attori Escobar – Il fascino del male riunisce Bardem e la Cruz, la coppia spagnola vincitrice di un Oscar®, per la prima volta dal 2008, quando il duo ha recitato nel film di Woody Allen Vicky Cristina Barcelona, ruolo che ha portato alla Cruz l’Oscar® come Miglior attrice non protagonista nel 2009. Bardem aveva vinto il Premio Oscar® come Miglior attore non protagonista l’anno precedente, per il suo ruolo di assassino psicopatico nel film dei fratelli Coen Non è un paese per vecchi. Bardem e Cruz hanno lavorato insieme anche in The Counselor – Il Procuratore di Ridley Scott e hanno esordito in Prosciutto, prosciutto di Bigas Luna. Bardem rivela: “Quando ho letto per la prima volta il libro di Virginia, ho pensato subito che Penelope fosse perfetta per quel ruolo, perché sapevo che avrebbe potuto portare quella sua energia sullo schermo. Lavorare con Penelope è meraviglioso. È una grande attrice e ci sfidiamo sempre l’un l’altro ad andare più lontano, più in profondità. Sappiamo come relazionarci tra di noi e sperimentare cose diverse. Quella fiducia che abbiamo l’uno nell’altra è una cosa grandiosa”.Anche se Escobar – Il fascino del male segna la terza collaborazione tra Bardem e la Cruz, “Questa è la prima volta che lavoriamo insieme come coppia”, spiega Cruz. “Rende le cose diverse, ma è stato un processo semplice e spontaneo, anche se sapevamo che il materiale su cui lavorare era molto difficile”.Cruz dice: “Javier interpreta Escobar in modo magistrale e geniale, ha dovuto mostrare il carisma che aveva Pablo Escobar, così come il suo lato malvagio, che ovviamente possedeva. Doveva mostrare così tante sfumature, e lo ha fatto senza alcun tipo di cliché, mai. È una performance davvero piena di sorprese”.León de Aranoa dice: “Ho incontrato lo stesso attore con cui ho lavorato 15 anni fa. L’impegno di Javier nei confronti del film è encomiabile, così come il suo interesse e il suo entusiasmo, quel dare tutto se stesso in ogni ripresa. La sua costruzione del personaggio è stata semplicemente straordinaria. La sua esperienza come attore, le sue capacità e il suo talento erano evidenti già alle prime prove di trucco e di costumi. Era impossibile non scorgere fin da subito il personaggio – il suo modo di comportarsi, i suoi movimenti, il suo modo di parlare, di respirare … e questo prima ancora che arrivasse a recitare”.                                 Titoli di coda

JAVIER BARDEM
Pablo Escobar
PENÉLOPE CRUZ Virginia Vallejo
PETER SARSGAARD Agente Shepard
JULIETH RESTREPO Maria Victoria Henao
DAVID VALENCIA Santos
DAVID OJALVO Agente dell’FBI     Scritto e diretto da
FERNANDO LEÓN DE ARANOA
Prodotto da JAVIER BARDEM MIGUEL MENÉNDES DE ZUBILLAGA
ED CATHELL III KALINA KOTTAS DEAN NICHOLS
Case di produzione ESCOBAR FILMS B2Y EOOD
Fotografia ALEX CATALÁN
Scenografie ALAIN BAINÉE
Casting JUAN PABLO RINCON
Costumi LOLES GARCÌA GALEAN
Musiche FEDERICO JUSID
Distribuito da NOTORIOUS PICTURES







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.