Cosa dirà la gente dal Pakistan con terrore il biopic della regista pakistana Iram Haq







Il film Cosa dirà la gente della regista Iram Haq è un pugno allo stomaco (Il titolo non rende esattamente l’idea di ciò che si sviluppa nell’opera…)uno di quelli che non dimentichi.Non vi sono pause, si respira assieme ai personaggi e ai loro interpreti. Si potrebbe obiettare che si tratti di un racconto troppo lineare- linearità per altro tipica di alcuni biocufilm -che non vi siano originali movimenti di macchina che il linguaggio cinematografico sia reso al minimo della sua potenza (sebbene la fotografia sia bellissima). Tuttavia gli attori e la narrazione filmica sono talmente efficaci che gli spettatori in sala non possono fare a meno di esprimere le proprie emozioni con commenti ed esclamazioni!Vi è tanta poesia,passione e la sequenza di Nisha che gioca sul tetto della casa dei suoi avi con l’aquilone mi ha ricordato molto il personaggio del romanzo”Il cacciatore di aquiloni”(The Kite Runner di Kaled Hosseini 2003). Quella è comunque la sua terra, la terra di chi l’ha generata. Qualsiasi inferno contiene in sè la trasformazione, la libertà di scelta.L’occhio della cinepresa è si coinvolto emotivamente ma non si distacca dal voler raccontare la realtà oggettiva, i fatti.
La giovane Nisha (Maria Mozhdah) crede di obbedire ai propri genitori, rispettare le leggi non scritte della sua comunità (è nata in Norvegia da immigrati pachistani) e desidera solo vivere la propria vita di adolescente in fiore. Non è così! Sorprendente l’interpretazione di Mirza (Adil Hussain) padre di Nisha.Bravi, bravissimi. Applausi alla fine del film!
Appendice, relata refero.
Alcune settimane fa è comparsa la notizia di una giovane 25enne pakistana Sana Cheema che viveva a Brescia, uccisa in Pakistan dal padre e dal fratello (poi arrestati) perché voleva sposare un italiano.Molte voci si sono levate in difesa della giovane, che voleva opporsi a un matrimonio combinato, dalla famiglia.

Note di regia
Parla la regista Iram: “La storia di Cosa dirà la gente è la più personale alla quale io abbia mai lavorato. A quattordici anni sono stata rapita dai miei genitori e costretta a vivere per un anno e mezzo in Pakistan.Ho aspettato di sentirmi pronta come regista e come persona per raccontare questa vicenda in modo equilibrato. Il che significava cercare di raccontarla evitando di mostrare la protagonista solo come una vittima e i genitori solo come oppressori. Volevo raccontare una storia d’amore impossibile tra due genitori e la loro figlia; una storia che non potrà mai avere un ‘happy ending’ fino a quando permarrà un’enorme distanza tra due culture.Nel film desideravo che il pubblico provasse le emozioni e i sentimenti di Nisha. Dopo un lungo lavoro di casting, abbiamo trovato finalmente l’attrice perfetta per la parte: Maria Mozhdah.
E’ stata una scoperta straordinaria, ed è stata una gioia lavorare con lei insieme agli attori di maggiore esperienza che hanno composto il cast”.

Partiamo dal titolo del film. Da dove nasce?
Il detto ‘what will people say’ (log kya kahenge) è un’espressione molto nota ai pachistani e agli indiani. In hindi e in urdu è un’espressione usata frequentemente nelle famiglie e negli ambienti in cui la tradizione e l’onore rappresentano valori importanti. Ed è proprio questa ossessione per l’opinione della gente l’elemento di cui voglio liberarmi, sradicandola una volta per sempre.Ma su un piano più personale, cosa significa per te?Dietro a tutto questo c’è il mio desiderio di vivere onestamente; di rispettare me stessa. Fare quello che voglio e non quello che gli altri si aspettano da me. Non è nella mia natura uniformarmi agli altri. Perciò trovo interessante osservare cosa succede a coloro che si adattano ai desideri e ai bisogni degli altri, o di un intero sistema. E’ una forma di libertà dire alle ragazze che vivono sotto uno stretto controllo sociale che, anche se è difficile, non dovrebbero mai lasciarsi intimidire dai bisogni e dai desideri degli altri.Che genere di discussioni vorresti veder scaturire dalla visione del tuo film?Spero che il film aiuti a comprendere più a fondo il dilemma nel quale si trovano genitori e figli, specialmente quando provengono da mondi tanto distanti come Nisha e suo padre. Non intendo provocare nessuno, sentivo solo un forte bisogno di raccontare una storia vera.
Cosa ti ha ispirato a scrivere una storia come questa?Il film è ispirato a diversi eventi della mia vita. Come Nisha nel film, avevo soprattutto amici norvegesi e mi sembrava ingiusto non poter fare quello che gli altri ragazzi della mia età potevano fare. Sono stata rapita dai miei stessi genitori e costretta a vivere con dei parenti in Pakistan quando avevo 14 anni. Detto questo, nel film ho aggiunto molti elementi di fantasia.Com’è cambiato il processo creativo dal momento in cui avevi concepito inizialmente il film?Ho aspettato di essere abbastanza matura da poter raccontare questa storia in modo equilibrato, evitando di mettere in scena un dramma con genitori crudeli e una figlia rappresentata solo come una vittima. Mettermi nei loro panni è ovviamente più difficile per me che comprendere quelli della mia stessa generazione, ma dovevo provare a mettermi al loro posto; cercare di vedere le cose da entrambi i punti di vista. Ho anche incontrato psicologi che lavorano nei servizi di protezione dell’infanzia e altre ragazze provenienti da ambienti multi-culturali.

Quali sono gli elementi chiave attorno ai quali tendono a ruotare le tue sceneggiature?
Al primo posto ci sono sempre i temi che ho a cuore. Il controllo sociale, i rapporti familiari, e specialmente le dinamiche interne alle famiglie, sono cose che mi interessano da tempo. Mi piace esplorare le relazioni umane e come interagiamo gli uni con gli altri.Le riprese si sono svolte in Norvegia e in India. Come è stato lavorare in India?
Lavorare in Rajasthan, in India, è stata un’esperienza magica. Mio padre e i miei antenati sono originari di quelle regioni. Conosco la lingua, e questo mi ha aiutata un bel po’. Lì ho sentito di aver ritrovato me stessa. Sono stata in India cinque volte e ho potuto mostrare foto e condividere ricordi con mio padre quando era ancora vivo. Questo ha significato molto per me.Come è stato lavorare con un gruppo di attori tanto diversi tra loro, in termini di età, esperienza professionale e background culturale?
Mi è piaciuto, avendo un team interamente indiano, lavorare insieme a danesi, tedeschi e svedesi. Gli attori sono stati sempre straordinari; li amo tutti. In un processo creativo intenso, com’è quello di realizzare un film, si finisce col diventare molto intimi. Maria Mozhdah, che interpreta la protagonista, è una ragazza fantastica. E’ semplicemente straordinaria. Abbiamo avuto un’intesa talmente perfetta sul set che a volte dimenticavo che avesse solo 17 anni.
Cast Artistico
MARIA MOZHDAH (NISHA) Maria Mozhdah è nata in Pakistan nel 1999, ma è cresciuta in Norvegia. Quando aveva 10 anni è stata selezionata per far parte dei cast come una delle protagoniste di una popolare serie TV norvegese per bambini. E quella è stata la sua unica esperienza da attrice prima di essere scelta per interpretare Nisha in What Will People Say. ADIL HUSSAIN (MIRZA) Adil Hussain (nato nel 1963) è un attore indiano con una lunga carriera in teatro, in televisione e nel cinema. Hussain è apparso in numerose produzioni indiane e internazionali, compresi i film Vita di Pi e Il fondamentalista riluttante.Cast Tecnico
IRAM HAQ
Iram Haq (nata nel 1976) è un’attrice, sceneggiatrice e regista. Ha diretto e interpretato il suo primo cortometraggio, Little Miss Eyeflap, selezionato al Sundance nel 2009. Il suo primo lungometraggio da regista, I Am Yours, dopo essere stato presentato al Festival di Toronto nel 2013, è diventato il candidato ufficiale agli Oscar per la Norvegia. Il film ha vinto numerosi premi in molti festival internazionali.




Titoli di coda

Scritto e diretto da IRAM HAQ
Fotografia NADIM CARLSEN
Montaggio ANNE ØSTERUD
Scenografia ANN KRISTIN TALLERAAS, VINTEE BANSAL
Costumi IDA TOFT
Suono MIROSLAV BABIC
Una produzione MER FILM, ROHFILM FACTORY, ZENTROPA
SWEDEN, BETAFILM

Distribuzione Lucky Red




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.