Loro 1 Loro 2 quando c’era Lui il film in due parti di Paolo Sorrentino







Tutto non è abbastanza (Silvio Berlusconi).
Il dittico del primo e secondo film di Paolo Sorrentino è storia del passato ma riguarda un personaggio politico ancora molto influente nella politica italiana di queste ore.
Loro1.
“Dicono che sia dio” fraseggiano i personaggi che non l’hanno ancora incontrato.
I cafoni si sprecano, le donne pronte a mettersi alla pecoreccia anche: tutte bellissime (tutte senza cervello??)
Il film è incentrato sulle attività preparatorie del faccendiere di Taranto (Sergio Morra/Scamarcio) che vuole fare affari con l’allora momentaneo ex premier, recluta una ventina di modelle, aspiranti attrici, prostitute, per “vivacizzare“le sue serate.
A questo scopo affinché Lui le Veda, fa l’impossibilie.L’idea è che le donne sono libere di scegliere (ed è vero…) Nel film le fanciulle dimostrano di amare il salvatore della patria, di anelare un contatto fisico con il divino,per purificarsi o…salvarsi.
La diversità del film nel noto cronachistico.
Il film di Sorrentino (in particolare in Loro 1) fa una scelta: si concentra sugli effetti filmici, i movimenti di macchina, la fotografia, dribblando, come può, il trito e ritrito, il racconto ripetuto mille volte e ancora.
Lui il “dio” il satiro massone non si vede (è impegnato a farsi sbeffeggiare da una moglie che presto lo lascerà).Al posto del “dio”, nel luogo di reclutamento delle fanciulle, c’è’ una stravagante entità mascherata con asciugamano che vuole traumatizzare la giovane aspirante attrice (bah).
Le atmosfere, l’attesa e i silenzi fanno pensare all’ultimo film di Kubrick” Eyes Wide Shut” (forse caro al regista o forse no) con le dovute differenze, poiché in quello si esorta ad aprire gli occhi a guardarsi dentro. Anche Il personaggio del calvo nel film Loro 1e Loro 2 mi ricorda i personaggi di David Lynch (Mulholland Drive,Twin Pink, Blu Velvet) un personaggio che si trascina dietro un tempo filmico sospeso e impescrutabile .L’articolazione del tempo filmico e del montaggio però, rispetto a Lynch sono qui lineari o quasi, dunque l’effetto ”straniamento” è momentaneo.

Loro2
Chi sono questi Loro? I due coniugi o gli Altri, quelli che per Berlusconi non sono Lui?
La tesi su ciò che il presidente dice di amare (il paese che ama, frase celebre del suo primo discorso televisivo) è liquidato da una scena molto incisiva in un dialogo a due con Veronica Lario – Elena Sofia Ricci: La Veronica spiega in due parole chi è Berlusconi come uomo e come statista.
Dal punto di vista registico il film Loro due inizia con la panoramica desolante degli accoliti del “dio” sotto le note di “Malafemmina”.Il Regista vuol gridare, basta quel periodo è finito, proponiamo il nuovo. O no?                                   L’assenza di gravità
La cosa che ho più apprezzato nel film è quest’assenza di gravità in alcune scene d’interni, soprattutto tra Berlusconi e il Calvo. Una fotografia e un modo di trasmettere esattamente il clima su quel “pianeta”.Stiamo parlando di  veri e propri astronauti …In questi movimenti di macchina lentissimi impercettibili si riconosce lo stile del regista. La scelta cromatica (fotografia molto bella) i doppi che parlano tra loro, le scene di orge dionisiache (un po’ scontato il rallenty ma efficace) determinano una cifra cinematografica gradevole.
Berlusconi e il suo collaboratore sono uno di fronte all’altro immobili, anche la natura lo è: ritorna l’assenza di gravità. Il resto è cronaca o imitazione di essa. La macchina da presa esce da questa vacuità e segue in un piano sequenza l’andare dolente di Veronica e Silvio nella loro macchina che attraversa il parco. I due sovrani sono in declino. Nulla deve essere come prima.
Sorrentino si sta affrancando da questa assenza di pathos che è il dover descrivere un potere vuoto, effetto di una passione che ora non c’è piu’.

Titoli di coda
Regia Paolo Sorrentino
Soggetto Paolo Sorrentino
Sceneggiatura Paolo Sorrentino
Umberto Contarelo
Casa di Produzione Indigo Film , Pathè,France 2 Cinema
Distribuito da Universal Pictures Italia
Con
Toni Servillo / Silvio Berluscconi /Ennio Doris
Riccardo Scamarcio /Sergio Morra
Elena Sofia Ricci /Veronica Berlusconi
Kasia Smutniak/Kira







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 270 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.