Vissi d’arte vissi d’amore nello spettacolo Amor Mio di Simone Sibillano







Prologo
La scena è aperta. Il pubblico è disposto attorto a una pedana dove è allestita una scenografia molto semplice che accoglierà il luogo deputato del camerino di Eva. Questa pedana è unita al palco – con il fondale scuro e il sipario- da una pedana stretta in stile passerella.
Alla nostra c’è destra un angolo bar in blu elettrico e rosso con un bancone. Questa disposizione fa pensare a entrate in scena “non tradizionale” (come avverrà nel caso dell’entrata dal foyer).
Buio in sala. Note della celebre canzone cantata da Mina Amor Mio. Entra Eva dal fondo del palco e canta: voce intensa calda che spazia da toni bassi a toni altissimi. I movimenti sono bene calibrati e fluidi (corpo e voce in armonia). Veramente impressionante. Quando appare la madre, cambia la luce che diviene fredda. E’ un duetto tra i due personaggi. Vi sono molte fasi dello spettacolo in cui i personaggi da Jaq-che si scopre essere la moglie innamoratissima di Eva- alla madre della protagonista parlano al pubblico. Jaq racconta della sua adorata Eva conosciuta al tempo della scuola, quando si “chiamava” Giulio: “Era pieno di poesia dentro, ma era solo”. Il testo è molto ben scritto perché sa alternare i dialoghi con i monologhi e le cantate. Il segno scenico della “trans” non è solo d’intrattenimento o di show per far ridere il pubblico. Eva ha una storia ben precisa che ha inizio con l’infanzia di un bambino che ha una madre autoritaria e invadente.
La madre spesso lascia solo il piccolo Giulio e lui vive quest’ abbandono in modo tragico.
Ringrazio l’autore-attore-regista-Simone Sibillano- per aver sottolineato nel monologo di Jaq -dal sapore “brechtiano”- che i sintomi della schizofrenia diagnosticati al giovane Giulio sono l’effetto dell’enorme sensibilità di una creatura senza pelle.
Giulio fugge e trova “riparo” nel teatro, nella finzione, nel canto attraverso il quale raggiunge intensità elevatissime con la Vissi d’Arte un’aria della Tosca di Puccini (memorabile l’esibizione del soprano Maria Callas).Sono gli anni settanta: tempi di rivolte, di manifestazioni di piazza, di scontri feroci tra giovani e la polizia di uomini e donne che vogliono esprimere i propri desideri, i sentimenti, le proprie scelte.
Il tempo del recitato.
Eva sa di essere al sicuro nel canto. Nel recitato con la madre e la sua amata Jaq già freme, sta male, teme di essere un mostro: entra in scena con un trucco che è una maschera gigantesca- come quella greca e siamo in un teatro al chiuso- che amplifica i tratti di dolore stupore, di poesia. Il suo legame con Jaq è intenso: la ama e dichiara di non essere omosessuale, che gli uomini le piacciono eccome.Eva: ”Sarei perduto senza di te”. Jaq la corregge: ”Perduta…”
La madre cattiva
Vi sono zone del testo in cui la natura sadica della madre si alterna a quella che sembra voler ricondurre Eva a Giulio. “Figlio mio sei un uomo”. È’ perentoria. Eva ribatte: “Il mio nome è Eva”.
Eva si “autocertifica al mondo”: “Io sono l’Uomo e la Donna”. Poi si ribella ed è al culmine della sua angoscia ma anche della sua rabbia e implora la madre: “Come puoi non amarmi?”.
Simone ed Eva
Simone deve mettere in scena tre dimensioni: se stesso,se stesso nei panni di Giulio e se stesso nei panni di Eva. Alla fine restano, come fili invisibili, molteplici piani narrativi, che appartengono a un testo difficile quanto capace di toccare la sensibilità del pubblico. Un lavoro impreziosito dalla voce dell’attore Simone/Giulio/Eva e dalle due attrici cantanti bravissime. Un finale da happening che fa molto piacere, perché nell’era (seppur inevitabile) dei social network, abbiamo bisogno di parlare viso a viso e di guardare in volto le nostre emozioni, dal vivo.
La messa in scena
Operazione affascinante che si può ottenere solo se si ha talento (Non sempre in questo paese il talento è riconosciuto come tale, spesso si privilegia altro).Nelle fucine più nascoste però si forgia il ferro e molti nuovi artisti si stanno comunque facendo strada da soli con le loro forze in regime di autoproduzione (anche in altre categorie di lavoratori). Come ben dice il personaggio di Jaq “questa italietta” che un tempo dava alla luce talenti d’inestimabile valore deve risvegliarsi e cercare il nutrimento della vera arte. Che vi siano altre repliche!

Note di regia di Simone Sibillano

Eva è un travestito. Un essere umano in perenne apprendimento esistenziale, sempre in equilibrio tra i sentimenti e il rifiuto, nella precaria accettazione di se stesso e della sua posizione nel mondo, nella costante ricerca di quelle radici che darebbero un senso alla sua vita. Non vuole ascoltare il mondo di fuori e come un impavido Ulisse si riempie le orecchie di cera per attraversare i mari al riparo dall’infame canto delle sue sirene. Ma quelle sirene non recitano il canto del mare, sono spietate e sputano velenose sentenze, attaccandolo e discriminando la sua vita sui tacchi a spillo, costringendolo a vivere in disparte. Così la sua innocenza di vivere è violata da chi si arroga il diritto della normalità, ripetendo una storia che si ripete da diecimila anni. Eva è senza difese di fronte all’abbandono, al tradimento e al rifiuto di sé.

Notizie sul cast
Lo spettacolo Amor Mio andato in scena al teatro Altro Spazio di Via Tiburno 33, è il nuovo spettacolo scritto, diretto e interpretato dal cantante-attore Simone Sibillano, premiato nel 2014 come Miglior Attore Protagonista dal sito Broadwayworld.com, per la sua interpretazione nel musical “America” da lui stesso scritto e diretto, oltreché interprete acclamato di tante opere musicali (“Jesus Christ Superstar”, “Alladin”, “Robin Hood”, etc). Saranno sul palco insieme a lui, Brunella Platania (“Tosca-Amore Disperato”, “Jesus Christ Superstar”) e Chiara Di Bari (“Notre Dame de Paris”, “Canti di Scena”, “La Strada”), con la consulenza in drag, costumi e makeup a cura di K.B. Project.




Le canzoni
“Amor Mio” di Mina, “I Giardini di Marzo” di Lucio Battisti, “Gracias a la Vida”Mercedes Sosa, “Historia de un Amor” Charles Aznavour,”Poesia” Riccardo Cocciante, “Per una Bambola”Patty Pravo.

AMOR MIO
uno spettacolo scritto e diretto da Simone Sibillano

con Simone Sibillano, Brunella Platania e Chiara Di Bari

con la partecipazione straordinaria della voce di Teo Achille Caprio,
costumi, make up e consulenza drag a cura di K.B. Project




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 285 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.