“Refice”, recital pianistico con Michele Francesco Battista







Penultimo appuntamento con i concerti d’autunno del Conservatorio “Refice” di Frosinone, nell’auditorium intitolato a Daniele Paris. Lunedì 29 ottobre, alle 18, sarà la volta del recital pianistico di Michele Francesco Battista, con pagine tratte da Ravel (“Miroirs”), Granados (da “Goyescas”: “El Amor y la muerte”), Mompou (“Paisajes”) e Debussy (“L’isle joyeuse”). L’ingresso nell’auditorium è gratuito e aperto a tutti, fino a esaurimento posti.

Battista è un interprete le cui risorse timbriche ed espressive sono l’elemento più spesso sottolineato dalla critica. All’età di cinque anni intraprende lo studio del pianoforte con l’anziano M° Corona; esordisce molto presto in concerto al teatro Van Westerhout della sua città alla presenza di Nino Rota, che lo esorta a proseguire gli studi presso il conservatorio Piccinni di Bari, da lui diretto. Qui, Michele Francesco Battista si diplomerà in giovanissima età con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Michele Marvulli. Tanti i premi e i riconoscimenti, in ambito nazionale e internazionale, assegnati a Battista in questi anni. Nella lunga attività solistica e cameristica ha tenuto concerti in Italia, Russia, Bielorussia, Grecia, Spagna, Austria, Polonia, Ungheria, Stati Uniti, Repubblica Ceca e Francia, ospite di teatri e istituzioni, collaborando con insigni musicisti come Anatoly Soulimanov, Marlena Malisiewich, Giorgia Tomassi, Claudio Micheli, Derek Weller, Alberto Martelli, Sandro Massimini, Luciana Serra.







Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 718 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.