Refice, ultimo appuntamento con i concerti d’autunno







Ultimo appuntamento con i concerti d’autunno del Conservatorio “Refice” di Frosinone, nell’auditorium intitolato a Daniele Paris. Mercoledì 31 ottobre, alle 18, sarà la volta dell’appuntamento dal titolo “Il rito della montagna  – Quadri di un pellegrinaggio”, con Massimo Bettazzi, Filiberto Palermini ed Eugenio Colombo ai sax, Stefano Pagni al contrabbasso e  Giampaolo Ascolese alla batteria; musiche di Eugenio Colombo e Filiberto Palermini. L’ingresso è libero e aperto a tutti, fino a esaurimento posti.

Il rito della montagna è una metafora musicale composta da una serie di quadri che rappresentano i diversi momenti di un pellegrinaggio immaginario. Un percorso sonoro caratterizzato da una successione di composizioni originali, alcune delle quali contengono riferimenti tematici provenienti dai canti popolari legati al culto della Santissima Trinità di Vallepietra, una delle mete più importanti di pellegrinaggio nella nostra regione.

Il legame con questa vicenda è significativo per diversi aspetti: l’ipotesi sull’origine pagana dell’antico luogo di culto, la particolare commistione tra sacro e profano, il significato di fare musica in questa parte del Paese. Questi elementi hanno fortemente contribuito a stimolare di creazione di un progetto musicale che coniuga antico e moderno, oralità, improvvisazione e scrittura all’interno di una forma programmatica suggerendo, nell’avvicendarsi dei quadri, la descrizione delle tappe (stazioni) che caratterizzano la giornata del pellegrino. Il progetto nasce da un’idea di Massimo Bettazzi e dal suo desiderio di unire le scuole di sassofono (classico e jazz) del conservatorio attraverso la collaborazione e l’amicizia consolidata negli anni tra i suoi docenti: Massimo Bettazzi, Eugenio Colombo e Filiberto Palermini. Insieme si è voluta affrontare una nuova produzione che fosse espressione della trasversalità che da sempre distingue la scuola di sassofono a Frosinone. Per l’occasione, i tre musicisti, che si alternano come esecutori ai vari tipi di sassofoni, hanno scelto come compagni di viaggio e protagonisti dell’azione musicale, due straordinari colleghi con i quali dividono evidenti affinità artistiche: Giampaolo Ascolese alla batteria e Stefano Pagni al contrabbasso, entrambi docenti delle scuole di jazz.







Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 857 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.