Spettatori in cerca di scena in “Metro Quadro” all’ OFF/OFF Theatre







Prologo/Dialoghi.
Sorridenti volti nel foyer
“E’un’opera d’arte questa rossa o una sedia?”.
“No è una sedia. Se fosse un’opera d’arte sarebbe giusto sedercisi sopra”.
Primo e ultimo schiaffo al post moderno .
Foyer del teatro.
The Theatre OFF/OFF è giovane e bello, lontano dai costumi consumati di opere antisonanti,per statuto indipendente.
Tra il corridoio che porta alla platea un angolo bar elegante: il gentiluomo dal nome H. parla con voce lieve alla gente mentre prepara gli aperitivi e quant’altro. Dietro la biglietteria immagini indefinite si proiettano sulla parete.
Antefatto.
Sul fondo della scena aperta sette spettatori/attori scelti tra il pubblico prima dell’inizio: neofiti pallidi e frementi. Immobili alcuni altri fanno esercizi di scioglimento muscolare(riferimento ironico al teatro di ricerca?): guardano il pubblico entrare, il loro specchio.
Buio in sala.
Si proietta la parola PROLOGO.
Voci fuori campo dialogano, motteggiano,fanno battute e narrano episodi di vita quotidiana.Ritmo incalzante lievemente ossessivo, tensione.
La quarta parete resiste.
Entra in scena un giovane con  zaino in spalla e occhiali scuri.
E’ lui l’attore,quello “certificato” : si muove esplorando il metro quadro verde (unico elemento scenografico sul palco)dentro il quale non entra mai. Il metro quadro è uno spazio sacro che diverrà sacrificale, destinato agli spettatori/attori, ancora immobili.
Improvvisazione teatrale.
La voce fuori campo ordina quali movimenti devono compiere i sette androidi : a turno vengono chiamati ad occupare il metro quadro verde, ad obbedire. Non vi è alcun agio per i sette spettatori/attori ( lo spettacolo va avanti non può fermarsi…) e ogni frase diviene effetto comico perché spontanea nel corpo e nella voce.
Il giovane occhialuto/regista è ormai il tiranno, padrone assoluto degli spettatori/attori, della loro vita e morte scenica.
Stare sul palco diventa pericoloso.
Il giovane occhialuto /regista/tiranno lancia un “Happening”(invece di un hashtag…) e invita il pubblico a salire sul palco per prendere il posto di due spettatori/attori. Esitazione generale .La quarta parete della finzione resiste perchè il pubblico si sente rassicurato e protetto. Poi alcuni volontari si presentano.
La tortura
Il giovane occhialuto/regista/tiranno  applica la strategia della tensione: vento, acqua sul palco addosso al groviglio umano esposto alle intemperie stretto nel metro quadrato .
Fine della quarta parete.
Gli spettatori/attori sono esposti, simbolo dell’essere umano che non è più un sistema aperto, che perde il proprio spazio vitale e da questo rinascono. Il finale è liberatorio sotto le note di un celebre brano di Patty Smith.
Essere attori per una replica, non sapere cosa avverrà, questo è l’esempio, il mestiere, il canovaccio.

Titoli di Coda
Ideazione e realizzazione: Dynamis
Comunicazione visiva: Donato Loforese (Studio Co-Co)
Produzione: Dynamis, Teatro Vascello Centro di Produzione Teatrale
in collaborazione con: Pergine Festival, Tenuta Dello Scompiglio, Off Off Theatre,
Altofest – International Contemporary Live Art, Armunia-Castiglioncello, Angelo Mai







Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 295 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.