All’OFF/OFF Theatre con “Carta straccia” succede un ’68!







Note.
Carta straccia.
“Carta straccia” di Mario Gelardi è l’ultima fatica teatrale di Pino Strabioli in coppia inedita con Sabrina Knaflitz e il giovane Barnaba Bonafaccia.Un’ora di divertissement,omaggio di Pino agli scritti di Palazzeschi, poeta e fine dicitore novecentesco( si pensi alla poesia ben teatralizzata “l’Assolto”).Omaggio all’attore Paolo Poli,che Pino considerava suo maestro e al quale era molto legato.
Buio in sala.La strana coppia.
Chi non ricorda il  noto film, proprio del ’68, con Jack Lemmon e Walter Matthau? Certo non si tratta di due amici, di cui uno divorziato ,che convivono nella stessa abitazione. La “strana coppia” in questo caso è formata da due fratelli : Teresa ( la bravissima Sabrina Knaflitz) e Agostino (lo strepitoso Pino Strabioli) un maturo artista della carta pregiata. Siamo a Roma nel marzo del 1968,infuria la lotta studentesca, ma per Agostino,il vero evento è che al Piper è nata la stella di Patty Pravo, l’icona per eccellenza. “Patty non sa cantare ?!” sbraita scandalizzato Tino…e la candida Teresa fa notare come Patty sia seta e Mina sia lana.
Quadri Scenici.
Gli sguardi della “strana coppia” verso l’orizzonte, sono quadri scenici di un clima lirico : quando riprende tambureggiante il tran-tran delle battute tra Teresa (labbra inarcate,occhi sgranati simbolo dello stupore) e Agostino che si snoda in una danza sfrenata quando ascolta la Patty alla radio, il pubblico si riscalda e ride.
Adesso,arriva lui!
Nel mezzo della diatriba tra fratelli impegnati a ricostruire un intricatissimo albero genealogico, arriva il nipote Remo( il bello che balla, a suo agio in scena Barnaba Bonafaccia).Fulmini ,saette, sguardi spaventati poi ammaliati, emozioni, battute: il timido universo di Tino e Teresa è invaso dal ciclone Remo.Remo è giovane,spregiudicato,damerino,ruffiano, didattico,energia allo stato puro.Si getta prima tra le braccia dello zio Tino , poi insidia la zia.Divertentissimo monologo di Tino/Strabioli sull’inciucio tra la sorella e l’Adone/Remo “Sembrate due criceti…”. Il crescendo di comicità nei movimenti femminei, liberatori, di Tino, sono eleganti e ironici e danno forma nobiliare alla cadenza napoletana.
Zona drammatica.
C’è anche il tempo del dramma ,come uno squarcio si fa strada una vena di angoscia quando il corpo del giovane viene steso, ubriaco, sul tavolo: la memoria va alle immagini dei racconti pasoliniani, di quei ragazzi di vita, giovani perduti nel turbinio mefistofelico che cominciava ad essere Roma. L’ironia di Pino Strabioli/Agostino scioglie l’amarcord velenoso in un finale che strappa applausi e commuove, nel ricordo di un compagno d’arte scomparso. Da non perdere!(in scena all’OFF/OFF Theatre fino al 9 dicembre)

OFF/OFF Theatre Via Giulia ,19,20,21.

Direzione Artistica Silvano Spada

ALT ACADEMY PRODUZIONI
presenta
CARTA STRACCIA
Storia Romantica con Musica nella Roma del 1968
di Mario Gelardi
con Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz
e con Barnaba Bonafaccia
Musiche Carlo Vannini / Scene Paolo Iammarone / Costumi Antonella Balsamo/Coordinamento Martina Sarpero / Direzione tecnica Umberto Fiore.




 

 

 




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 295 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

1 Trackback / Pingback

  1. Carta Straccia – ALT Academy

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.