Il Quartetto delle Macchine Mortali (Mortal Engines)







Il film Macchine Mortali-Mortal Engines di Christian Rivers è tratto dall’opera di Philip Reeve( autore della quadrilogia ‘Il Quartetto delle Macchine Mortali’: Macchine Mortali, Freya delle lande di ghiaccio, Infernal Devices e A Darkling Plain).
La guerra dei Sessanta Minuti(  elemento originale rispetto ad altri film e perlomeno diverso) ha spazzato via il mondo generando una nuova visione fantasmagorica : gigantesche città semoventi solcano il pianeta tracimando sotto cingolati le più piccole trazioniste. Le gerarchie sociali all’interno di queste città-stato sono standardizzate : i ricchi vivono nei piani alti- sofisticati asserviti  al potere- i meno abbienti vivono nei bassifondi e lottano per i propri diritti. Ogni Macchina rappresenta una mentalità, una strategia di difesa o di attacco, un universo differente che lotta per la pace o per la guerra. Dal mito dell’uomo-macchina, superuomo invincibile, a quello della macchina/città stato, collettiva e omologata: un’idea originale per un’opera ben girata e avvincente.Tuttavia il film- nonostante le sequenze mirabilanti rese tali grazie a complesse tecnologie visive- risulta più un assemblaggio di generi che un puro fantasy: il tema della lotta tra il“bene” trazionista e il “ male”anti-trazionista, risulta abbastanza prevedibile.
I personaggi più salienti
Tom Natsworthy (Robert Sheehan) che proviene da un basso livello sociale della grande città di trazione di Londra, si ritrova a lottare per la propria sopravvivenza dopo aver incontrato la pericolosa fuggitiva Hester Shaw(Hera Hilmar).Dopo l’omicidio di sua madre, Hester è stata trovata e cresciuta da Shrike ( Una evoluzione di Terminator e della saga dei Trasformers )metà umano e metà robot. Thaddeus Valentine (Hugo Weaving) è il personaggio antagonista e malvagio che vuole ottenere, a tutti i costi, il potere assoluto (Hugo Weaving interprete in Il Signore degli Anelli, nelle trilogie di Lo Hobbit e nell’indimenticabile Matrix-Reloaded) .Infine Anna Fang (lo musicista rock coreana naturalizzata americana Jihae) aviatrice combattente della resistenza ricercata dalle autorità guida una sua aeronave, rossa come l’areo del Barone Rosso e intrepida come le eroine del Futurismo Anni Venti.

Titoli di coda
Macchine Mortali (Mortal Engines)
In Associazione con
SCHOLASTIC ENTERTAINMENT
SILVERTONGUE FILMS e
PERFECT WORLD PICTURES

Una produzione WINGNUT FILMS
con HERA HILMAR
ROBERT SHEEHAN
HUGO WEAVING
JIHAE
RONAN RAFTERY
LEILA GEORGE
PATRICK MALAHIDE
e STEPHEN LANG nel ruolo di SHRIKE

PRODUTTORI ESECUTIVI
PHILIPPA BOYENS
KEN KAMINS




PRODOTTO DA
ZANE WEINER
AMANDA WALKER
DEBORAH FORTE
FRAN WALSH E PETER JACKSON

TRATTO DAL LIBRO DI
PHILIP REEVE

SCENEGGIATURA DI
FRAN WALSH &
PHILIPPA BOYENS &
PETER JACKSON

REGIA DI
CHRISTIAN RIVERS

DISTRIBUITO DA

UNIVERSAL PICTURES ITALIA e MRC




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 299 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.