Fino a prova contraria il Giovane Criminale Genet/Sasà all’Off/Off Theatre







Prologo
Serata polare, gelida. Una lunga passeggiata sul Lungotevere, poi Corso Vittorio Emanuele per arrivare in via Giulia, all’ OffOff/Theatre. Il pubblico entra in sala un po’ alla volta. Qualcuno dice: ”La gente va poco a teatro”. Sacchi della spazzatura in scena, una sedia al centro, quinte nere su fondale nero. Una luce bianca, fredda, sul corpo dell’attore.Chi è questo attore: è un attore o qualcuno che semplicemente  racconta una storia, gettato lì? E’ Sasà in carne ed ossa (Salvatore Striano) o una persona che interpreta Sasà…
Buio in sala.
Non è sufficiente conoscere la trama di un’opera (questa è ispirata al Giovane Criminale di Jean Genet )perché  qualcosa ti coglie di sorpresa, ogni volta. Sasà/Salvatore racconta di quando era bambino nei quartieri spagnoli di Napoli: un giovane criminale, che nasce e cresce miezz’a vie. Prima viene messo in uno stanzino buio con un suo compagnetto, poi il riformatorio, dove uomini  in  divisa lo picchieranno senza un perché… infine il carcere di Poggio Reale dopo l’incontro con un boss “cutoliano”. Sasà/Salvatore  si auto-denucia di un reato che non ha commesso, per salvarsi la vita.

Requisitoria.

Ora è Lui che fa la requisitoria allo spettatore, circunaviga nervosamente il palco e grida, prende una pistola,poi la lascia cadere. “A quel tempo era facile morire ammazzati in carcere”. Parole che risuonano, che stridono, che  gelano il sangue per quanto sono attuali. Si appella ai giudici ,agli uomini in divisa, agli avvocati: sono loro che devono garantire lo stato di diritto, ogni giorno. Il racconto di Sasà/ Salvatore Striano, è spedito.Sa quel che dice perché il linguaggio viene dallo stomaco: si muove come una belva in gabbia,tracciando solchi immaginari, ora di rabbia, ora di malinconia, quando rimembra frasi dette da suo nonno sugli americani sbarcati a Napoli. Sasà/ Salvatore allarga le braccia quando  vuole  marchiare a fondo le sfumature, sulla pelle degli spettatori… per essere certo che comprendano. Ora, come dice lui, può farlo… è libero. E’ bravo tiene il pubblico inchiodato, perché è autentico.
Racconti di strada.
Racconti di strada, nobili perché appartengono a natali celebri e amati , come quelli dei racconti pasoliniani dal destino corrotto. Sì, provocaci ancora Sasà/Salvatore ,cita pure la nostra pochezza :noi siamo quelli del neorealismo di “Ladri di biciclette” (ed io aggiungo “Sciuscià”).I nostri miti non sono veri  miti, perché non sono diretti, originali, ma pura convenienza, o convenzione. Sasà/Salvatore cita “Gomorra”, che, però, non ha le stimmate del neorealismo, essendo patrigno di una serie televisiva e non il frutto di un parto cesareo, come era quel genere del dopoguerra italiano.
Carcere preventivo.
La ricerca della verità e il duro carcere preventivo. I due opposti, che hanno dilaniato Sasà/Salvatore nel tempo : un lacrima si staglia sul suo volto quando si confessa: ha letto le opere di Jean Genet , in carcere. Quelle  opere, lo hanno nutrito. Jean Genet, il poeta e drammaturgo “scandaloso”, in carcere, perché era frocio. Ecco un modello che Sasà ama e che lo ha salvato.
Sul proscenio.
Sasà/Salvatore si sveste del Sasà scenico  e ci racconta di se stesso, seduto sulle scalette che portano al proscenio. Il teatro lo ha guarito, ha trasformato dolore, rabbia e disperazione: ha dato un senso alla sua vita lo ha spinto a recitare, a scrivere(Una sua opera Teste Matte è stata scritta insieme a Guido Longobardi). Ringrazia il suo maestro di teatro che è in platea, lo abbraccia.
Uno spettacolo biografia, testimonianza, intesa, nuda e cruda di un uomo che si è fatto artista e che non ha più paura di niente, perché come dice lui, ha già visto tutto.Un spettacolo che ci appartiene. Grazie Sasà.

OFF/OFF THEATRE
DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA




IL GIOVANE CRIMINALE
GENET/SASÀ
scritto, diretto e interpretato da
SALVATORE SASÀ STRIANO




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 299 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.