E non finisce mica il cielo IO SONO MIA il film su Mia Martini







Prologo
Molti di coloro che in sala hanno visto questo film hanno vissuto, sognato e amato con le canzoni di Mia Martini. È stata ed è la colonna sonora di generazioni e per questo non sarà mai dimenticata. Il suo talento vivrà attraverso la sua voce, la sua musica le sue idee, i suoi desideri che sono stati i nostri.

Incipit e la barbara usanza.
Il  movimento della macchina da presa segue di spalle Mia Martini (un’eccellente Serena Rossi ) fin dentro la pancia del Teatro Ariston dove si svolgerà il Festival di San Remo. Mimì (si chiamava Mimì Bertè,sorella di Loredana Bertè, prima di cambiare nome) sale sul palco per le prove. Comincia a cantare e poi si ferma chiedendo di cantare dal vivo e non con la base. In platea qualcuno sussurra: ”Meglio accontentarla…dovesse venire giù il teatro”. Ignobile commento, secondo la barbara usanza che da molto tempo perseguitava la cantante.
Sandra (Lucia Mascino )una giornalista dell’epoca chiede un’intervista: ”Questa intervista serve più a lei che a me” dice Sandra sul lungomare sanremese.Mia vorrebbe annullarla, poi vada da Sandra e accetta.E’ più importante che la gente sappia che il mito della canzone italiana, è tornato.

Flashback
Comincia l’intervista e dalle parole fluenti e delicate di Mia si passa alle immagini in dissolvenza di Mimì bambina che sogna di fare la cantante. Vuole farlo per tutta la vita contro tutto e tutti. Durante una serata in un locale off, il talento di Mimì viene notato dal produttore discografico Alberigo Crocetta ( Antonio Gerardi) : il nome Mimì Bertè cambia in Mia Martini (Mia come Mia Farrow e Martini come il celebre liquore). Dal primo grande successo “Piccolo uomo” del 1972 -cantato nel film nella cinquecento con l’amata sorella Loredana (Dajana Roncione) -al 45 giri più venduto dell’anno  1973 “Minuetto”.

Nemo profeta in patria.




La critica internazionale applaude l’artista, con riconoscimenti e la sua voce viene accostata a quella di interpreti straordinarie.In Italia  per la sua voce scriveranno i più grandi parolieri (per citarne alcuni Lauzi, Califano,Baldan Bembo, Fossati). All’apice del suo successo, però,viene diffuso il morbo diffamatorio della superstizione. Nel film Mia urla in faccia ai discografici” Non vengo invitata in televisione, i miei dischi non passano in radio, perché voi pensate che io porti sfortuna? Ma siete matti?”.
La persecuzione subita e altre vicende personali condurranno la cantante ad isolarsi sempre più dopo aver perso tutto il suo patrimonio.Dopo momenti alterni di buio e luce ,grazie all’autore Ivano Fossati, partecipa al Festival di San Remo con la bellissima “E non finisce mica il cielo”. Siamo nel 1982.

Il finale è il riscatto.

Siamo alla fine dell’intervista. Mia torna debutta in prima serata sul palco di San Remo nel 1989: ha superato tutte le difficoltà,le calunnie, ed un’operazione alle corde vocali. Eccola sul palco per cantare “Almeno tu nell’universo” ( B.Lauzi-M.Fabrizio ). Le immagini della serata televisiva dell’epoca, prendono il sopravvento su tutto, in un tumulto di commozione vera. Il finale è un riscatto per la nostra Mimì, commovente e delicato, ma forte, come era lei. Il pubblico applaude, il suo pubblico, che l’ha sempre amata.Il film è appassionante ,vibrante,si dedica alla narrazione della vita di un’artista dal talento cristallino, sa coglierne la sensibilità, la grinta e lo spirito indomabile. La regia di Riccardo Donna lascia fluire le sequenze, con movimenti narrativi essenziali .

La voce di Mia
Il lavoro interpretativo e vocale di Serena Rossi è un grande punto di forza del film. Le movenze, lo sguardo e la voce di Mia sono riprodotte in modo calligrafico, tanto da provocare stupore ed emozione: impressionante il momento in cui si inquadra per la prima volta il volto dell’attrice. Un minuzioso lavoro sul personaggio, frutto di ricerche testimonianze, scritti, memorie di chi l’ha conosciuta(la stessa attrice ha dichiarato di aver faticato molto in questo lavoro di ricerca) .
In un’epoca in cui i biopic-film narrano di grandi star della musica, è onorevole per la nostra nazione ricordare un’artista così. E non finisce mica il cielo…Ciao Mimì.

NOTE DI REGIA

Avvicinarsi con discrezione, a piccoli passi.
Davanti a me il racconto di una vita, memorie private e storia professionale.
I ricordi di Mia che diventano non solo momenti biografici, ma anche pezzi di storia.
Il ricordo di quella grande cantante ancora vivo tra la gente della mia età.
Un lavoro quindi sulla memoria, un concetto a me molto caro, perché oggi in questo mondo in cui tendiamo a usare e gettare tutto, è facile dimenticare e perdere il patrimonio della nostra storia.
Un pezzetto di quella storia è il mio film.
Un pezzetto di quella memoria è ridare un’altra vita a Mia grazie, come sempre, a un gruppo di persone che ci ha creduto.
Tutti insieme Luca Barbareschi, la Rai, la sceneggiatrice Monica Rametta, Saverio D’Ercole il produttore creativo e io siamo arrivati fino a qui, orgogliosi di mostrarvi il nostro lavoro.
Una scommessa, anche perché la storia che abbiamo raccontato, non è perfettamente fedele a quella di Mimì.
Abbiamo deciso di fare un passo indietro e di giocare più sulle emozioni e i sentimenti che su una fedele ricostruzione della sua vita.
A me interessava soprattutto l’anima di Mimì. Quella cercavo… e l’ho trovata grazie anche a Serena Rossi.
Un’attrice che si è calata con eleganza e umanità nel personaggio, non facendone un’imitazione, ma dandole se stessa. Mimì è diventata Serena e viceversa. Vedrete che emozione vi darà.
Siamo stati invece molto rigorosi sulla rappresentazione di un’epoca, di un mondo.
Gli scenografi Conte e Panconi hanno ricostruito quel periodo con grande cura. Dal Teatro Ariston di Sanremo che entra ed esce con un gioco di montaggio tra realtà e finzione, alla Milano degli anni 80.
Abbiamo rifatto grazie a Bepi Caroli, locandine, copertine dei dischi, servizi fotografici assolutamente fedeli agli originali.
Enrica Barbano, con una ricerca dettagliata, ha creato copie “esatte” dei vestiti indossati da Mimì nei suoi spettacoli, aggiungendoci però il suo tocco d’artista.
Enza Lamparelli e Sergio Gennari hanno inseguito i mille volti di Mia Martini (quante facce hai avuto, Mimì?) sottoponendo Serena a lunghe sedute di trucco e capelli.
E poi il risultato straordinario ottenuto con la registrazione delle canzoni e di tutto il mondo musicale dal 1969 all’89. Vent’anni di musica.
Mattia Donna con La Femme Piége ha arrangiato, suonato e inciso tutti i brani, ridandogli la forza dell’epoca, usando solo apparecchiature analogiche. Serena ha cantato come solo lei sa, inseguendo la voce di Mia nel corso degli anni. Insomma è stato prodotto un disco proprio come si faceva una volta.
Malgrado tutto questo è un racconto imperfetto, come è giusto che sia, perché alcune cose Mimì non ha potuto raccontarcele, ma le abbiamo immaginate.
Un racconto imperfetto, ma umano e attuale.
Perché proprio in questo mondo dove la macchina del fango è diventato uno sport molto diffuso, è giusto rendere omaggio a Mimì che della calunnia fu una tragica vittima.
Un lavoro che vorrei dedicare alla generazione che nasceva quando Mimi moriva e che forse, grazie a questo film, la conoscerà.
E come ultimo appunto di questo mio diario mi piace il titolo “Io sono Mia “perché racchiude il riscatto di una vita vissuta con dolore.

Riccardo Donna

IO SONO MIA
IL FILM SU MIA MARTINI

regia di RICCARDO DONNA
prodotto da LUCA BARBARESCHI
distribuzione NEXO DIGITAL

una produzione  ELISEO FICTION

in collaborazione con RAI FICTION

In onda 12 Febbraio su Rai1

CAST ARTISTICO

Mia Martini SERENA ROSSI
Andrea MAURIZIO LASTRICO
Sandra LUCIA MASCINO
Loredana Berté DAJANA RONCIONE
Alberigo Crocetta ANTONIO GERARDI
Alba NINA TORRESI
Toni
Manager di Mia
Roberto Galanti
Salvina
Giuseppe
Caporedattore
Charles Aznavour
Franco Califano
DANIELE MARIANI
FRANCESCA TURRINI
FABRIZIO CONIGLIO
GIOIA SPAZIANI
DUCCIO CAMERINI
SIMONE GANDOLFO
con CORRADO INVERNIZZI
e con EDOARDO PESCE

Regia
Soggetto e Sceneggiatura
RICCARDO DONNA
MONICA RAMETTA
Consulenza
Suono presa diretta LOREDANA BERTÉ e OLIVIA BERTÉ
GIUSEPPE ANGELELLI
Scenografia LEONARDO CONTE e ALESSANDRA PANCONI
Costumi
Capo Truccatore ENRICA BARBANO
VINCENZA LAMPARELLI
Capo Parrucchiere
Fotografia SERGIO GENNARI
ALESSIO TORRESI GELSINI
Montaggio
Collaborazione al Montaggio ALESSIO DOGLIONE
MÉLODIE CAUDAL
Musiche Originali
Produzione artistica e
riadattamento canzoni originali
Edizioni musicali
MATTIA DONNA & LA FEMME PIÈGE
MATTIA DONNA & LA FEMME PIÈGE

UNIVERSAL MUSIC PUBLISHING RICORDI SRL / CASANOVA MULTIMEDIA S.P.A.




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 307 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.