Terzo film della Saga Dragon Trainer: Il mondo nascosto







Dragon Trainer: il mondo nascosto è stato il più atteso digital -cartoon della Saga Dragon (“Dragon Trainer” diretto da Dean DeBlois, Chris Sanders -scritto da William Davies e tratto dal romanzo di Clessidra Cowell “Come addestrare un drago” -e “Dragon Trainer 2” diretto da Dean deBlois).Da poco uscito in Italia è già campione d’incassi.
Incipit.
Il giovane Hiccup (indossa un’armatura che richiama quella dell’epoca di Re Artù) si presenta come liberatore degli oppressi: i suoi amici draghi “buoni” fuggono dalle gabbie-prigioni create dal cattivo Bludvist.
La terra di Berk.
I personaggi principali sono quelli della saga ma gli eventi cambiano repentinamente costringendoli a un’evoluzione: la fase di “addestramento” dello Sdentato sta per terminare.Tuttavia Hiccup il fanciullo “nerd” della valle è restìo ad assumere il ruolo di capo-villaggio (scena intimista, in flashback, del piccolo Hiccup che promette al padre di diventare il capo- villaggio). Il giovane eroe preferisce aiutare il suo amico Sdentato, “diversamente drago”, a essere ciò che è realmente, esprimere la forza, la destrezza nel volo…Gli fa da “tutor”. Un’operazione simbolica che descrive molto bene per grandi e piccoli cosa avviene durante il processo di maturazione di un individuo e di un popolo.
La variabile dell’amore.
Il giovane Hiccup sa che dovrà separarsi dallo Sdentato amico di sempre: il Mondo Nascosto è un modo segreto, forse immaginario, ma rappresenta un luogo sicuro per i Draghi “evoluti” amici dell’uomo-vichingo.Per il tenero Sdentato la variabile “amore adulto” è rappresentata da Furia Chiara: dragonessa dalle movenze femminili di una diva hollywoodiana (non si fa fatica a credere che gli autori si siano ispirati a quei modelli per costruire il personaggio).Una creatura forte e misteriosa, che rappresenta il “bene”, in opposizione al “male”( bene-male, amore-odio ).
Il goffo Sdentato è molto attratto dalla Furia Chiara e di lei s’innamora follemente: questo sentimento lo guiderà alla ricerca del Mondo Nascosto e per lei sarà sempre impavido. Astrid è il personaggio della donna guerriera: la vichinga che cavalca il drago Tempestosa e ama il giovane Hiccup. Vi sarà per loro una progenie?
Lo stupore della vista.
Il regista usa immagini oniriche (si pensi all’incontro sulla spiaggia tra Sdentato e la sua amata Furia Bianca) fantasmagoriche transvolate sulle acque, sequenze aeree su città uomini    cavalcano sui Draghi attraversando un paesaggio psichedelico e di colori fluorescenti. Sognante, stupore della vista, reso tale da una sontuosa fotografia digitale (la collaborazione del direttore della fotografia premio Oscar Roger Deakins con il cast tecnico è preziosa).
Pur essendo un cartoon digitale, il virtuosismo e la bellezza di questo film sta nella capacità di ricreare uno scenario quasi realistico, dove i personaggi vichinghi e i draghi “diventano “attori del cinema. Da non perdere.
Note di Produzione, notizie sul film.
La DWA introduce il MoonRay
Poiché un lungometraggio animato è composto da circa mezzo miliardo di file digitali, i film della DreamWorks Animation fanno molto affidamento sulla tecnologia. In alcune parti de Il mondo nascosto, ci sono più di 100.000 file digitali per ogni singola inquadratura. Questa massiccia impresa si realizza grazie all’ausilio di un processore che si trova nel campus della DreamWorks a Glendale, che ospita 48.000 ore di elaborazione.Per troppo tempo, l’illuminazione è stata uno dei problemi dei film di animazione, limitandone l’ambizione anche per uno studio leader nei progressi tecnologici. “Ora disponiamo di uno strumento potente e audace nel back-end che ci consente di realizzare mondi di grandi dimensioni e con paesaggi bellissimi sui quali possono muoversi insieme molti più personaggi di prima”, afferma DeBlois. “Quello che una volta era un soggetto che doveva ricominciare da capo ogni volta che veniva completata una sequenza adesso è consecutivo come in una conversazione”.Il regista accenna a Chris deFaria, che è entrato a far parte della DreamWorks Animation durante lo sviluppo del MoonRay, uno strumento rivoluzionario che consente di creare in tempo reale l’illuminazione nell’animazione. Uno strumento geniale che calcola la luce basandosi su quella del mondo reale – rispecchiando il modo in cui le forme rimbalzano su tessuti e superfici – MoonRay proietta miliardi di raggi di luce in una scena e dà un senso alla luce e alle ombre in base al percorso che intraprendono nel mondo naturale.  “Ora possiamo gestire una grande quantità di personaggi, oltre a definire i ricchi e complessi dettagli dei nostri draghi”, afferma il regista con orgoglio.
Il fuoco realistico
“Non solo i draghi sputano fuoco, molte scene a Berk e a New Berk sono illuminate dalla sua luce: candele, torce, fuoco di drago, persino un candelabro acceso. Il risultato è un fuoco foto realistico che vibra e lampeggia come nella vita reale”. “Quello che ottieni è un’incredibile dettaglio nei colori, nello sfarfallio, e il fuoco sembra vivo”, racconta il responsabile Pablo Valle.

L’autrice Clessidra Cowell
“C’erano i draghi quando ero un ragazzo”.
“ E’ la frase iniziale dei libri che ho scritto 20 anni fa quando ero appena diventata madre” ha dichiarato l’autrice Clessidra Cowell.” Racconto la storia dal punto di vista del ragazzo che cresce, ripensando alla mia infanzia, e Hiccup è veramente un padre per Sdentato. I temi sono così legati alla mia vita che il finale è incredibilmente dolce e amaro”.
Titoli di coda
La UNIVERSAL PICTURES e la DREAMWORKS ANIMATION Presentano

DRAGON TRAINER: IL MONDO NASCOSTO

JAY BARUCHEL
AMERICA FERRERA
CATE BLANCHETT
GERARD BUTLER
JONAH HILL
KRISTEN WIIG
JUSTIN RUPPLE
CHRISTOPHER MINTZ-PLASSE
CRAIG FERGUSON
KIT HARINGTON
e
F. MURRAY ABRAHAM




Prodotto da
BRAD LEWIS
BONNIE ARNOLD

Basato sui libri di
CRESSIDA COWELL

Sceneggiatura di
DEAN DEBLOIS

Diretto da
DEAN DEBLOIS




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 307 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.