Caterina Pontrandolfo e Leda Conti in scena al Teatro cerca Casa, sabato 6 maggio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il Teatro cerca Casa, sabato 6 maggio, presenta due appuntamenti con lo spettacolo in appartamento. Si parte alle ore 19.30 a Maddaloni (Ce) con Non ci resta che vivere, un lavoro teatrale dull’universo femminile interpretato da Leda Conti e diretto da Sergio Di Paola; alle ore 21.00, a Eboli, sarà la volta di Canto in casa – Canti sacri, d’amore, di lavoro, di pianto, di festa delle antiche comunità condadine lucane, in scena Caterina Potrandolfo (voce) e Francesco Paolo Manna (percussioni).

Lo spettacolo Non ci resta che vivere ci permette di esplorare il multiforme pianeta del gentil sesso, in un viaggio alchemico tra riflessioni attente, ironiche, sarcastiche, poetiche sulla quotidianità delle donne, sui loro desideri e le loro aspirazioni, in cui si alternano contraddizioni, serenità, autenticità e un pizzico di follia. A proposito del suo lavoro teatrale, spiega il regista Sergio Di Paola: «L’universo femminile è per me magico e complesso, perché così diverso da quello maschile, eppure, nel condividere frustrazioni e incertezze, tipiche dell’oggi, noi uomini le sentiamo più vicine che mai».
La pièce è costruita come un mosaico di diversi personaggi femminili che si e ci raccontano vizi, abilità e difetti delle donne, facendo leva su stereotipi e cliché sempre attuali, alla perpetua ricerca di affermazione personale, per arrivare comunque ad apprezzare il bello delle donne, fra virtù e non-sense.

Canto in casa nasce come un’idea, una necessità, un esperimento, con la voglia di ripartire da quel mondo del canto di tradizione orale delle antiche comunità contadine lucane, passando attraverso il loro paesaggio, le piazze, le loro case. A proposito del suo lavoro, l’attrice e cantante Caterina Potrandolfo spiega: «Canto in casa è un modo per sentire con forza che abbiamo una voce, che non siamo creature dominate dal nulla. Che il canto ci ricongiunge alle stelle e ci fa sentire la terra. Che abbiamo il privilegio di trasformare ogni moto dell’ anima in melodia. Un fiume interiore che percorre tutti noi. La voce che fa festa intorno alla vita, e si dimentica della morte. Per questo Canto in casa per voi e con voi». Cantare è un’ arte tenera tutta domestica, fatta di gioiosa intimità, come raccontano le parole del poeta Federico Garcìa Lorca: «Nella melodia, trova rifugio l’emozione della storia, la sua luce stabile… la melodia fissa il carattere geografico e la linea storica di una regione e rivela le tracce vere di un profilo cancellato dal tempo».

Per assistere agli spettacoli organizzati da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione, chiamando al 3343347090 – 081 578 24 60, oppure compilando il format sul sitto www.ilteatrocercacasa.it. A chi prenota viene fornito l’indirizzo del padrone di casa che ospita lo spettacolo.

Foto di scena

Cesare Abbate
Organizzazione
Livia Coletta e Ileana Bonadies

info@ilteatrocercacasa.it

3343347090 – 081 578 24 60

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

Opera didascalica a Teatro alla Deriva 30 giungo alle Terme Stufe di Nerone

opera

Domenica 30 giugno, alle 21:15, alle Terme - Stufe di Nerone (Bacoli-NA), inizia la tredicesima edizione della rassegna TEATRO alla DERIVA (il teatro sulla zattera), ideata da Ernesto Colutta e Giovanni Meola, che ne firma la direzione artistica per il dodicesimo anno. Sulla zattera / palcoscenico Ctrl+Alt+Canc presenta “Opera didascalica”, scritto e diretto da Alessandro Paschitto,...