Auditorium Parco della Musica, Canadian Songbook, il 3 maggio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Auditorium Parco della Musica, Canadian Songbook, il 3 maggio

All’ Auditorium la pianista dal suono vellutato con una voce intensa Elizabeth Shepherd  apparsa sulla scena internazionale nel 2006, quando il suo album di debutto Start To Move è stato votato come uno dei migliori album jazz dell’anno dagli ascoltatori dell’influente DJ Gilles Peterson eil suo radio Show su BBC Radio Worldwide.

Da allora, l’innovatrice soul-jazz di Montreal si è affermata come una delle artiste più seducenti e fantasiose della scena contemporanea. Influenzata da Stevie Wonder, dal suono Motown,  dal blues, dal jazz groove ma anche dalla musica di bande di ottoni della Salvation Army e sonate classiche, non è forse una sorpresa che questo talento girovago abbia sviluppato una voce così distinta e unica.

Una virtuosa del jazz benedetta da una sensibilità pop

Elizabeth è stata accolta al suo debutto come “una virtuosa del jazz benedetta da una sensibilità pop”, elogiata dalla critica di tutto il mondo per la sua scrittura originale e la sua vena soul. Insieme ad artisti come Esperanza Spalding, Robert Glasper e Jose James è vista come parte di un’ondata di musicisti jazz virtuosi che portano la forma d’arte a una nuova visione della musica.

Quattro volte candidato alla JUNO (equivalente Grammy canadese) ha pubblicato quattro dischi di successo e ha girato in lungo e in largo in Nord America, Europa, Giappone e Messico. Ha fatto sold out nei club leggendari da Tokyo a Detroit, ha partecipato a importanti festival come Montreal e North Sea Jazz Festival, ha condiviso il palco con Victor Wooten, Branford Marsalis e Christian McBride e ha aperto per Jamie Cullum all’Hollywood Bowl. Elizabeth è anche l’unica cantante jazz a essere stata inserita per molto tempo nel Premio Polaris – il più prestigioso premio musicale del Canada – un onore che ha ricevuto due volte.

Prima assoluta all’ Auditorium

Nel suo ultimo quinto album, The Signal Shepherd ha collaborato con il genio della chitarra e il membro della band di Herbie Hancock, Lionel Loueke, mentre continua a creare il suono per un jazz di visione futurista. Il disco The Signal ha ricevuto consensi internazionali e ha ricevuto una critica di 5 stelle dalla famosa rivista britannica Blues&Soul.

Ultimamente ha eseguito un concerto trionfale alla Holy Trinità Chirch di Toronto per un tributo al leggendario artista britannico Nick Drake. A Roma, saraà accompagnata dal pluripremiato e virtuoso chitarrista canadese Michael Occhipinti in un set di brani di Elizabeth, un omaggio al Canadian songbook (Joni Mitchell, Gordon Lightfoot, Leonard Cohen, Bruce Cockburn, Neil Young) incursioni nel mondo visionario di John Lennon e alcuni brani dedicati appunto a Nick Drake. La data di Roma è un’anteprima assoluta italiana.

ANTEPRIMA ASSOLUTA UNICA DATA IN ITALIA

Elizabeth Shepherd

“CANADIAN SONGBOOK” 

GIOVEDI 3 MAGGIO TEATRO STUDIO GIANNI BORGNA ORE 21

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

Biglietto unico 15 euro

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere