Al Nostos Teatro un venerdì di festa con Soulshine

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Venerdì 17 maggio alle ore 21, al Nostos Teatro torna il “Moonshine”, format ideato e consolidato nelle ultime stagioni dalla compagnia dello spazio di Aversa. Per l’occasione di festa, a chiusura della rassegna “Approdi 2019”, il Moonshine si trasforma in “Soulshine: distillazione clandestina di parole e note dal cuore della musica soul e funk”.

Con la protezione di James Brown, Aretha Franklin, Ray Charles, Otis Redding e molti altri, il “Soulshine” viaggia attraverso la musica black accompagnata dalle sonorizzazioni live della FUNKOOL Orchestra.

Il teatro di Aversa diviene dancefloor: un reading”orchestrato”, un concerto raccontato. La soul music nasce negli anni ’50, dalle comunità afroamericane degli Stati Uniti d’America, dalla mescolanza delle espressioni musicali proprie di queste comunità: gospel, rhythm and blues e jazz, generi che si fondano tutti sul rapporto intimo, empatico e, in un certo senso, rituale con il pubblico.

Secondo il musicologo Barry Hansen, il termine soul è stato utilizzato dai musicisti afroamericani proprio per enfatizzare il sentimento intimo – il feeling – di essere afroamericani negli Stati Uniti.

Grazie all’influenza delle etichette discografiche Stax, Motown e Atlantic, negli anni delle lotte del “Movimento Per I Diritti Civili”, la soul music conquisterà l’America e il mondo intero, divenendo espressione del black power. Voce del sogno di libertà dei popoli afroamericani, ne riflette identità e cultura, mescolandone gli elementi e dando vita a una nuova consapevolezza, una “esperienza nera” che si tradurrà in un nuovo stile musicale, il funky.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere