Dialoghi Matematici 2018, domenica 13 maggio all’Auditorium Parco della Musica




Dialoghi Matematici 2018, domenica 13 maggio all'Auditorium Parco della Musica




Dal teorema di Pitagora, << a2 + b2 = c2 >>, attraverso il quale ogni studente comincia a conoscere la Geometria, alla formula più famosa del ‘900, << E = mc2 >>, la storia e l’impresa della conoscenza si riconosce in alcune formule, spesso semplici, eleganti e stringate a leggersi quanto complesse, misteriose e ricchissime di contenuti.

Per la seconda edizione dei “Dialoghi Matematici de il Mulino”, abbiamo pensato al racconto della conoscenza attraverso sei formule, provando a ricostruire la loro “biografia”: come sono nate, dove e quando, chi le ha formulate, quali problemi hanno risolto e quali scenari hanno aperto. Appena dietro queste stringhe di numeri e simboli, di necessità asciutte e formalizzate, la cui piena comprensione richiede anni di studio e di applicazione alla ricerca, si svelano vicende personali, sfide intellettuali, drammatiche svolte della storia dell’umanità e rivoluzioni del pensiero.

Dialoghi Matematici 2018, sei Formule capaci di raccontare e sintetizzare grandi porzioni di Mondo

Simili, nella forma dell’espressione astratta e impenetrabile, ai geroglifici di cui ancora all’inizio dell’800 gli studiosi cercavano di scoprire il segreto, una volta illuminati dalla stele di Rosetta dell’ingegno umano, il teorema di Pitagora e l’ultimo teorema di Fermat, quello fondamentale del calcolo di Newton, l’equazione della Relatività, il teorema “elegantissimo” di Gauss e quelli d’incompletezza di Godel e d’indeterminazione di Heisemberg, si offrono come insostituibili strumenti di traduzione tra il cosmo e l’uomo, tra ciò che percepiamo come la meraviglia immutabile delle leggi di natura e lo scintillio frenetico dell’intelligenza di homo sapiens.

Dialoghi Matematici 2018: sei Formule capaci di raccontare e sintetizzare grandi porzioni di Mondo e del suo funzionamento. Un appuntamento de il Mulino e di Auditorium – Musica per Roma, per conoscere da vicino la matematica eleganza della creazione.




I Dialoghi sono introdotti e moderati da Pino Donghi

La dimostrazione di Kurt Godel del 1930 per cui, in una teoria matematica soddisfacente certe
condizioni minime  è possibile costruire una proposizione sintatticamente corretta che non può essere
né dimostrata né confutata all’interno della teoria, con la conseguenza che la coerenza della teoria non
è dimostrabile nella teoria stessa, insieme al principio d’indeterminazione enunciato dal fisico tedesco
Werner Heisenberg nel 1927, che stabilisce dei limiti per la conoscenza della posizione o della velocità di
una particella sub atomica, rappresentano due cardini del pensiero non solo per lo sviluppo delle
rispettive discipline, matematiche e fisiche, ma per la ricerca epistemologica e la filosofia della scienza
del XX° secolo, e non solo di quello.

Forse anche a misura di tale rilevanza, molti sono stati i fraintendimenti e le fughe metaforiche sulle quali si può oggi riflettere sedatis motibus. Senza dimenticare che gli assunti teorici della “interpretazione di Copenhagen” hanno ispirato uno degli spettacoli teatrali di maggior successo degli ultimi venti anni.

CLAUDIO BARTOCCI, insegna Fisica matematica e Storia della matematica all’Università di Genova.

EDOARDO BONCINELLI, tra i più autorevoli genetisti italiani, insegna alla facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Collabora con il “Corriere della Sera”.

GABRIELE LOLLI, tra i maggiori esperti di logica ed epistemologia della matematica, insegna Filosofia della matematica alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

MASSIMO POPOLIZIO, è attore e doppiatore. Attualmente in teatro con lo spettacolo Copenaghen di Michael Frayn.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*