Alluvione di Firenze, una commedia per i 50 anni dell’Alluvione nel teatro che più di tutti la subì

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

 

Firenze ricorda con centinaia di eventi e manifestazioni la grande alluvione che nel 1966 sconvolse il suo cuore e colpì l’immaginario di tutto il mondo. Nel capoluogo toscano sono attesi ancora una volta, per ritrovarsi, gli angeli del fango, i giovani che arrivarono qui per salvare opere d’arte e portare aiuto e conforto alla popolazione, che con proverbiale spirito non si lasciò mai andare allo sconforto. Tra i tanti appuntamenti di questi giorni nella città del giglio ne segnaliamo uno forse piccolo, ma molto particolare, che non solo in questo cinquantennale ma in ogni decennale di quel quattro novembre, fin dagli anni ottanta, ricorre ormai come una tradizione, la commedia di Oreste Pelagatti “4 novembre 1966, aiuto l’alluvione”, scritta per il Teatro di Cestello e per la sua compagnia stabile. Cosa c’è di speciale in questa pagina di prosa fiorentina? Intanto il teatro stesso e la sua storia:  fu infatti la sala più colpita da quella tragedia, tra i luoghi di spettacolo ancora attivi,  affacciata com’è proprio sul fiume, nella bellissima piazza del Cestello in San Frediano. Il Teatro, molto popolare già allora, aperto nei primi del Novecento, la cui attività non fermò neppure la guerra, fu letteralmente sepolto dalle acque e dal fango, tanto che si dovettero attendere ben 20 anni per riportarlo alla luce e restituirlo alla città. Ecco allora che dalla sua riapertura fu deciso ogni dieci anni di ricordare quei momenti e quel giorno, ma di farlo con gli strumenti più vicini al carattere dei fiorentini, l’ironia, il coraggio e la cocciutaggine che non un fiorentino, bensì un geniale autore di Pescara, Oreste Pelagatti, trapiantato col cuore e fisicamente nella culla del rinascimento come scelta di vita, tracciò e fermò in uno spasso e veritiero  affresco popolare dal titolo “4 novembre 1966, aiuto l’alluvione”. Lo rivedremo in scena da giovedì 3 a domenica 13 novembre, riproposto dalla Compagnia Stabile Cenacolo dei Giovani e nella rinnovata regia di Marco Predieri, che di Pelagatti è uno dei più giovani eredi in arte.  Sul palco tre famiglie con tre diverse estrazioni sociali e politiche, le loro beghe condominiali e la generazione dei figli, già proiettata ai fermenti che dì lì a poco avrebbero dato vita al ’68. Nella routine irrompe la forza delle acque, il dramma, la concitazione, l’immancabile ironia e l’involontaria comicità e poi un’ospite inattesa … portata dalla piena. Uno spettacolo da consigliare, anche ai tanti turisti e agli ospiti giunti a ricordare i giorni del ’66. Info e prenotazioni 055.294609


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

II episodio di “Fantasmagoria”, la nuova web serie firmata da Byron Rink

fantasmagoria

Il 2 luglio esce il secondo episodio di “Fantasmagoria: fantasmi nella rete”, la web serie ideata e creata dal cantante indie-rock Byron Rink durante il periodo del lockdown, con l’amichevole partecipazione di Tom Savini (Creepshow, George A. Romero, 1982; Django Unchained, Quentin Tarantino, 2013), la collaborazione del regista del fanta-horror Luigi Cozzi (Contamination, 1980; Hercules, 1983; I piccoli maghi di Oz, 2018)...

Gioco d’azzardo: esce “Ragazzi soli”, il cortometraggio sulla ludopatia

Gioco d’azzardo: esce “Ragazzi soli”, il cortometraggio sulla ludopatia

Sarà presentato il 29 dicembre prossimo, in anteprima assoluta, a San Fele (Potenza) il corto “Ragazzi soli”, prodotto dalla Exibarte di Alberto Nigro, dedicato al tema attuale e drammatico della ludopatia. L’iniziativa, sostenuta dai comuni di San Fele, Rapone e dal Premio internazionale cinematografico “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, sarà promossa...