Brilla ancora la Stella del film Godzilla al 37° Fantafestival

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Brilla ancora la Stella del film Godzilla al 37° Fantafestival

Dal capolavoro Godzilla, al sarcastico OMG I’m a Robot!

Godzilla.
Un documentario con la data sovraimpressa del 6 agosto 1945 Hiroshima, riprese dall’alto dei palazzi, rasi al suolo, scheletri di cemento a cielo aperto precede la proiezione del film.

La versione del film Godzillapresentata al Fantafestival nei giorni scorsi– è una versione del 1977 che, all’epoca, sostituiva il bianco con il colore: la pellicola particolarmente “provata” dal tempo ha dato al film ancor più fascino in una palette di rosso acceso, viola e rosa.
Godzilla emerge dalle acque del golfo il mostro preistorico antieroico provoca tsunami che va a sommergere le coste della capitale, Tokyo. La prima versione del film Godzilla è del 1954-girata dal regista nipponico Ishiro Honda-appartiene al primo ciclo di una serie dedicata al dinosauro “atomico” (detto Showa).Nella seconda versione del 1956 il film fu riadattato al mercato americano con l’introduzione del personaggio di Raymond Burr (altri rifacimenti, tra i quali quelli del 1988 di R. Emmerich e del 2014 di Gareth Edward).
Il film di Ishiro Honda si propone sia come docufilm che vuole denunciare allo spettatore il pericolo di un conflitto nucleare -molto sentito all’epoca come oggi- sia come opera cinematografica stilizzata: si passa dai volti ripresi dal basso verso l’alto –con la cinepresa fissa in lunghe sequenze che riprendono gli sguardi di terrore di coloro che sopravvivono – al campo totale che inquadrano la popolazione in fuga atterrita, schiacciata da Godzilla.
I primi piani del cronista americano fanno pensare alle intense inquadrature della cinematografia di Dreyer.

Tokyo ancora viva ma deserta con le luci al neon rosso fuoco dei suoi locali notturni prima della catastrofe, resiste. Il pericolo viene da dentro non da fuori come durante gli attacchi americani nella Seconda Guerra Mondiale: Godzilla emerge dalle acque come un drago che sputa fuoco.
Il grande regista con i mezzi tecnologici dell’epoca riesce a creare un clima di suspance che niente ha da invidiare ai futuri “Trasformer” e al cinema del genere apocalittico che verrà dopo, perché quello è fare cinema.Da ricercare!

OMG I’m a Robot.

Il bisogno di essere replicanti.
Il bisogno di essere replicanti si respira nelle sale cinematografiche in questi giorni dopo aver visto Blade Runner 2046 (2017 regia di Denise Villeneuve).
E’ stato molto interessante “incontrare” al Fantafestival questo delizioso film israeliano del 2015. Un’opera che racchiude stili diversi e fa molte citazioni ma che ha tutta una sua visione dell’essere robot/replicante. Tra il manga movie, un riferimento chiaro a “Ritorno al Futuro”, al “Tagliaerbe” , il film OMG I’m a Robot! dei registi Tal Goldberg e Gal Zelezniak, è una parodia parodistico dei generi ai quali si ispira.La chiave surreale è molto efficace: il protagonista Danny, un ragazzo che sembra un giovanotto acqua e sapone come tanti, scopre di essere un robot, tutto circuiti e fili, mentre si squarcia un polso per suicidarsi.
Istantaneamente però scopre di avere un super potere che emette dalle mani o dalla bocca: un’onda laser che può incenerire e annientare il nemico, anche quello più temibile. Un raggio luminoso s’irradia dagli occhiali del nostro tenero robot Danny e pervade tutto ciò che incontra. Esilarante!
Il film è ben scritto, ben  diretto e girato …la trama è appassionante.

Ci si diverte tanto, durante la visione: le inquadrature di vicoli e quartieri piuttosto degradati danno quel gusto mediorientale che rende il film ancora più originale.
Il contrasto tra queste ambientazioni “naif” e gli interni della famigerata Gold-Hi Tech – chiara allusione alle sofisticate ambientazioni hollywoodiane- risulta ancor più geniale. OMG I’m a Robot! è una vera chicca.

Appendice

Gli Effetti Collaterali Del 37° Fantafestival

Nel Blu Studios Roma – Dicembre 2017/Febbraio 2018

Come per gli anni passati, tornano anche gli Effetti Collaterali del Fantafestival, attività permanenti di approfondimento dei temi dell’immaginario con incontri e proiezioni a cura di Tino Franco e Simone Scardecchia presso la sede dell’associazione culturale
Nel Blu Studios (Via Montello, 2.)

Sabato 2 dicembre 2017 ore 21,00
Sogno n° 1. Godzilla: Fantasma Cinematografico di Simone Scardecchia – documentario 50’
Godzilla, leggenda del Cinema, miete successi quanto vittime da ormai 60 anni. Un’indagine sulle origini e le fonti d’ispirazione del celeberrimo personaggio con una suggestiva tesi sulle profonde radici del fascino che in tutto il mondo milioni di fan nutrono per questa formidabile creatura.

Sabato 27 gennaio 2018 ore 21,00
Sogno n° 2. L’Abominevole Uomo delle Nevi di Simone Scardecchia – documentario 50’
Un’ipotesi riguardo alla natura, il significato profondo e l’importanza antropologica che riveste nell’immaginario lo Yeti delle vette Himalayane. Cercandone le radici nella figura leggendaria e mitica, universalmente diffusa, dell’Uomo Selvaggio.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

Nasce Lgbt Channel, ospiti Alessandro Zan e Loredana Raia

lgbt

Il deputato Alessandro Zan e la vicepresidente del Consiglio della Regione Campania Loredana Raia, saranno ospiti giovedì 26 ottobre alle ore 19 della trasmissione “Il salotto di Ken e Barbie” su Lgbt Channel (www.lgbtchannel.tv), condotto da Carlo Cremona e Barbara Peluso, per dialogare sulle misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi...

II episodio di “Fantasmagoria”, la nuova web serie firmata da Byron Rink

fantasmagoria

Il 2 luglio esce il secondo episodio di “Fantasmagoria: fantasmi nella rete”, la web serie ideata e creata dal cantante indie-rock Byron Rink durante il periodo del lockdown, con l’amichevole partecipazione di Tom Savini (Creepshow, George A. Romero, 1982; Django Unchained, Quentin Tarantino, 2013), la collaborazione del regista del fanta-horror Luigi Cozzi (Contamination, 1980; Hercules, 1983; I piccoli maghi di Oz, 2018)...