Finché giudice non ci separi la nuova piece di Augusto Fornari al Teatro Vittoria

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

In scena aria di trasloco: scatoloni, caffettiere ,libri sparsi. Il proprietario di casa sdraiato sul divano, in preda al delirio post barbiturici, dopo aver tentato il suicidio.
I suoi tre amici più cari sono al suo capezzale: lo aiutano in modo veramente originale,montano in scena uno scaffale dell’Ikea.
Serie di battute a doppio senso:  il “ Didone abbandonato” dalla moglie non ha cuore di mettere i suoi libri antichi in uno scaffale da quattro soldi…ma Roberto Mauro e Alessio, amorevolmente, tra un lazzo e l’altro, compiono l’impresa( ardua in verità anche nella vita quotidiana).
Sembra sentire il decalogo dei divorziati e ciascuno fa parte della ferrea affiliazione, guai a discostarsi! Mauro si “consola” con una donna al giorno, chi fa telefonate di nascosto e chi vive separato in casa.Il “Didone abbandonato” piange a scena aperta dicendo che la moglie gli ha tolto anche “le mutande“.

Ciccio l’amico alto e grosso che si è trascinato il mobile da montare è il “portatore sano” delle battute comiche: passano tutte attraverso lui e si ramificano in scena.Il repertorio è quello conosciuto della commedia classica: il sesso, le bugie, i sotterfugi, gli svelamenti,l’omosessualità, la ”new age”( con l’immancabile ormai, purtroppo, velenosità citazioni dei vari “tantra yoga”)e soprattutto l’arte di mettere in difficolta’ l’altro come si fa tra adolescenti, che in scena è divertente.
Insomma Ciccio si smanetta e gli altri glielo dicono in faccia ma lui non molla non si abbatte e tutti e tre ripetono il motto della serata: perché la gente continua a sposarsi ,se si intuisce dalla bomboniera la tristezza di quello che avverrà… Da qui alla battuta centrale: altrochè finchè morte non vi separi, finchè giudice non vi separi… Come nella migliore tradizione comica si scambiano le parole fosforo con Bosforo e Pessoa con Pessotto …
La donna è mobile, ma l’uomo non scherza.
Il personaggio femminile entra in scena e rompe il mènage a quattro dei giuggioloni. Scende dal sesto piano con i tacchi alti per raccogliere  l’osso del suo cane nel giardino sottostante proprio nel balcone dell’appartamento del “Didone abbandonato” .

“Saranno pure cattive le donne ma lei è bona” dice Ciccio parafrasando una celebre battuta di Totò nel film “Totò all’inferno”. Le risate che prima si sprecavano, ora sono più rade:se il battitore è la donna, la palla giunge non sempre tesa e si perde il gioco, perché l’orchestrazione è costruita sui tre personaggi maschili.Lei fa la spalla(ruolo arduo in verità). Ognuno dimentica il suo aplomb di uomo e si “fionda” sul “bel bocconcino”…Come finirà?

Si cita anche il film (1994) “Quattro matrimoni e un funerale” . Certo che una maggiore caratterizzazione del personaggio femminile sarebbe stato ancor più apprezzato dal pubblico( e dall’attrice, comunque brava… ma è una nostra supposizione). Ampie risate, tuttavia. Come sempre al Vittoria come si pesca, si pesca bene.
Titoli di coda
Teatro Vittoria
Finchè giudice non ci separi
Di Augusto Fornari, Toni Fornari,, Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli.
Con Luca Angeletti,Augusto Fornari,Toni Fornari; Simone Montedoro, Laura Ruocco.

Dal 30 novembre al 10 dicembre 2017 ore 21
(martedi 5 ore 20. mercoledi 6 ore 17. Venerdi 8 e le domeniche ore 17.30)
TEATRO VITTORIA / ATTORI & TECNICI
Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio)
Biglietti: intero platea 28, intero galleria 22 (compresi 3 euro di prevendita)
Ridotti in convenzione: platea 21 e galleria 18 (compresi i 3 euro di prevendita)
Promozione gruppi: 1 biglietto cortesia ogni 10 spettatori paganti
Botteghino: 06 57 40 170 ; 06 57 40 598 _ lunedì (ore 16-19), martedì – sabato (ore 11- 20), domenica (ore 11-13.30 e 16-18)
Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it
Come arrivare: Metro: Piramide ; Bus: 170, 781, 83,


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere