Intrigo internazionale nel film Sarah e Saleem – là dove nulla è possibile

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Vorremmo dire (parafrasando il titolo) dove tutto è possibile, ma non possiamo farlo poiché la vicenda è ambientata in Palestina, terra dominata dal conflitto arabo-israeliano. Archeologia filmica, location vivente e pulsante quella del film nei suoi esterni vividi di rimembranze per chi guarda .

Plot

Partiamo dalla storia, apparentemente una commedia intimista con intrecci a sorpresa che racconta  di Saleem e Sarah, lui palestinese, lei israeliana, legati da una passione amorosa.Dico apparentemente poiché nella terra martoriata con il muro che separa Gerusalemme est da Gerusalemme ovest, niente può passare inosservato.I due giovani rischieranno di essere trascinati in un vortice di intrighi politici e avranno a che fare con i rispettivi servizi segreti.

Stile

Un film che riprende in modo calligrafico la quotidianità dei personaggi :le interpretazioni dei protagonisti e dei coprotagonisti sono sontuose senza sbavature ed eccessivo pathos. Film riuscito, dalla sceneggiatura eccellente.

Movimenti di macchina.

Inquadratura del dettaglio del  thè che tinge l’acqua nei bicchieri, fa da raccordo al flashback . Ancora nulla è accaduto. Per il resto del film si ricorda un intenso primissimo piano di Saleem in penombra dietro le sbarre e la solitudine di Bisan incinta, come pure il pianto a dirotto di Sarah.

Finale

Il regista isola spazialmente le figure maschili per sottolineare la funzione risolutrice delle belle e brave attrici e dei loro rispettivi personaggi.

                                  Appunti di regia

“Ambientando la storia di due coppie nella città divisa di Gerusalemme, ho potuto descrivere come, la vita nella Città Santa, arrivi a dettare pericolose soluzioni a situazioni sociali drammatiche piuttosto comuni, che possono accadere in qualsiasi parte del mondo.

Quando accadono qui, con questa schiacciante pressione dell’ambiente politico-sociale, alle persone viene imposto un prezzo da pagare più alto: sono spinti ad agire egoisticamente e dolorosamente l’uno verso l’altro per preservare la propria sopravvivenza”.

La funzione del cinema

“Il cinema con protagonisti che si trovano in situazioni più grandi di loro mi ha sempre coinvolto e commosso; situazioni che sfidano la persona comune, che è spesso un antieroe, che cerca di sopravvivere e trovare conforto e sicurezza in mezzo all’assurdità della vita”.

Eroismo

“Essere eroe, per me, significa sopravvivere alle turbolenze e ai problemi della vita stessa; quelle svolte che non mancano mai di sorprenderci, ancor più di qualsiasi lavoro di finzione, per quanto la vita possa essere bizzarra e impegnativa”.

Gerusalemme

“E questo è particolarmente vero in un luogo travagliato come Gerusalemme, la città dove sono cresciuto, proprio nel suo lato orientale militarmente occupato, segregato dalla sua parte occidentale da molte barriere sia letterali, sia figurative. Ero un adolescente durante gli anni della seconda rivolta palestinese, l’Intifada. Gerusalemme era ossessionata dalla paura e dalla tensione.

Per quanto oscuri fossero quei giorni, tutti dovevamo continuare a vivere, respirare, assicurarci un reddito e cercare la felicità.

All’epoca dovevo prendere lavoro nella parte occidentale della città, come fanno la maggior parte dei palestinesi di Gerusalemme Est.

Come per gli altri palestinesi, questo sarebbe stato il mio primo incontro con la comunità israeliana, al di là dei soliti incroci quotidiani con i soldati israeliani. Questa esperienza mi ha permesso di assistere alle interazioni, fra un popolo e l’altro”.

Muayad Alayan

 

Cast Artistico

 Adeeb Safadi                               Saleem

Sivane Kretchner                        Sarah

Ishai Golan                                   David

Maisa Abd Elhadi                       Bisan

Jan Kuhne                                    Avi

Kamel El Basha                           Abu Ibrahim

Mohammad Eid                          Mahmood

Rebecca Telhami                         Ronit

George Khleifi                              General Mordechai

Raya Zoabi                                    Flora

                                       Cast Tecnico

 

Diretto da                                      Muayad Alayan

Scritto da                                       Rami Alayan

Produttore Esecutivo                  Hanna Atallah

Line Producer                               Abeer Salman

Fotografia                                      Sebastian Bock

Montaggio                             Sameer Qumsiyeh

Scenografia                           Bashar Hassuneh

Costumi                                 Hamada Atallah

Casting                                   Salim Abu Jabal

Una coproduzione Palestina-Paesi Bassi-Messico-Germania


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

Festival Visioni Verticali, i vincitori

festival

Si è conclusa ieri sera presso Il Piccolo Teatro al Principe di Piemonte la IV edizione di Visioni Verticali - Festival del Cinema di Potenza, la manifestazione ideata dall’associazione Polimeri e organizzata insieme al Centro di Geomorfologia Integrata per l’area del Mediterraneo (CGIAM), che quest’anno ha realizzato un’edizione speciale dedicata all’ambiente, “Visioni Verticali – Ambiente...

Guaglianone: “Sto preparando un fumetto sugli Zombie”

guaglianone

Sto preparando un fumetto sugli zombie’”, ha svelato ieri sera il celebre sceneggiatore Nicola Guaglianone durante la masterclass che l’ha visto protagonista alla IV edizione del Festival del Cinema di Potenza “Visioni Verticali – Ambiente e Territori”. Serata Durante la serata, presentata dall’attrice Alessandra Ferrara e dal direttore del CeSAM, Marcello Foti, lo sceneggiatore ha ripercorso alcune...