Teatro Elicantropo, Civico 33 – Monologhi di donne: giovedì 30 gennaio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Teatro Elicantropo

Due donne abitano lo spazio dell’attesa. Sono due e mille le donne protagoniste di Civico 33 – Monologhi di donne dall’omonimo libro di Emanuela Panatta (Il Torchio Editrice), che debutterà giovedì 30 gennaio 2020 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 2 febbraio) al Teatro Elicantropo di Napoli, nell’adattamento e la regia di Emanuela Panatta e Alessandra Fallucchi.

Presentata da Sycamoretcompany

Presentata da Sycamoretcompany con Associazione Culturale Civico 33 e Il Torchio Editrice, l’allestimento vede interpreti in scena Emanuela Panatta e Alessandra Fallucchi, che firmano anche la drammaturgia e la regia, con i costumi a cura di Conquer, le scene di Carlo De Marino, il disegno luci di Marco D’Amelio e le musiche di Gabriele Calanca.

Tutto avviene al civico 33, un palazzo nel quale s’incrociano le vicende di diversi personaggi femminili, accattivanti e variopinti, che fanno di Civico 33 un crocevia dell’universo femminile, in cui le donne si raccontano in chiave tragicomica.

Le protagoniste si sfogano, si liberano dalle loro repressioni attraverso il linguaggio

Il loro monologo interno viene fuori come un pensiero ad alta voce, e tutte hanno la necessità di essere ascoltate, amate, comprese, salvate, ma non è l’uomo il loro “salvatore”. L’importante per ognuna sarà riuscire a trasformare il sentimento negativo e trovare l’equilibrio interiore per andare avanti da sole, non in balia degli eventi o dell’altro, così da poter incontrare qualcuno di speciale per intraprendere insieme il cammino.

Civico 33 porta in scena episodi di quotidianità da uno, mille e centomila, legati da un quesito esistenziale comune: “Se è vero che la donna è arrivata da una costola dell’uomo, perché siamo noi a doverci rompere sempre le ossa per loro?”

Quasi tutte si lamentano della precarietà dell’amore e del lavoro, si sentono incomprese, abbandonate e disilluse, ma non hanno perso la voglia di lottare, ritrovandosi a dover convivere con se stesse, con i loro fallimenti, le loro paure e le loro speranze.

Le interpreti, in scena, incastrano e sovrappongono tante storie individuali in un’unica e corale voce, che porta simbolicamente in sé la forza e le sofferenze di tutto l’universo femminile. Attraverso il linguaggio del corpo si raccontano, e, come in uno specchio, le figure si riconoscono e dialogano, complici di un sentire comune.

Lo spettacolo è concepito come un girotondo di storie, dove l’evocazione dei diversi personaggi è costruita attraverso un gioco scenico che svela, e non nasconde, le infinite trasformazioni delle donne-attrici, proprio a voler testimoniare che l’essenza femminile non si può rinchiudere in una sola cornice, ma è possibile, anzi necessario, declinarla in infiniti colori. 

Civico 33 – Monologhi di donne di Emanuela Panatta

30 gennaio˃2 febbraio 2020 @Teatro Elicantropo Napoli

Inizio spettacoli ore 21.00 (da giovedì a sabato), ore 18.00 (domenica)

Info e prenotazioni al 3491925942 (mattina), 081296640 (pomeriggio)

Giovedì 30 gennaio˃domenica 2 febbraio 2020

Teatro Elicantropo Napoli

(repliche da giovedì al sabato ore 21.00, domenica ore 18.00)

Sycamoretcompany

in collaborazione con

Associazione Culturale Civico 33 e Il Torchio Editrice

presentano 

Civico 33

Monologhi di Donne

di Emanuela Panatta

drammaturgia e regia di Emanuela Panatta & Alessandra Fallucchi

con Alessandra Fallucchi  e Emanuela Panatta

costumi Conquer, scene Carlo De Marino

disegno luci Marco D’Amelio, musiche Gabriele Calanca

organizzazione Civico 33 & Cynthia Storari 

Civico 33 è un progetto di Emanuela Panatta

Civico 33 è un progetto di Emanuela Panatta in evoluzione, che dal 2016 viene presentato con formule differenti, avvalendosi della collaborazione artistica di personaggi dello spettacolo: attori, giornalisti, autori e Associazioni come Fidapa e Alcolisti Anonimi. Molteplici le partecipazioni dell’autrice negli anni: i monologhi e gli Atti Unici presenti nel volume sono stati rappresentati in diverse occasioni teatrali da attrici differenti ospiti di Collettivi Teatrali o Eventi culturali come l’iniziativa contro la violenza sulle Donne “Signori e signore ingresso libero alla violenza”, Civico 33 monologhi di donne per la regia di Roberto Croce, il 7 novembre 2017 al Macro Testaccio di Roma (Spazio Factory), la partecipazione dal Festival delle Generazioni di Bologna nel 2015, a Brescia presso il Museo Diocesano con la partecipazione dell’ Associazione Alcolisti Anonimi e Fidapa, il Salone del Libro di Torino nel 2018 con una messa in scena particolare che ha visto protagonisti giovani attori piemontesi diplomati in scuole di recitazione che hanno recitato a bordo di uno dei Tram Storici della città.

In libreria è stato presentato a Roma, Milano, Bari, Torino (salone del Libro 2018), Brescia, Lenola, Parabita, ed è alla terza ristampa e la formula di presentazione varia di volta in volta.

Civico 33 è una raccolta di monologhi di personaggi accattivanti e variopinti, per chi si avvicina allo studio della recitazione o per attori che desiderano confrontarsi con testi di drammaturgia contemporanea. Si avvale del contributo di personaggi dello spettacolo ed è diviso in sezioni: Spunti di personaggi da interpretare e Atti Unici.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

“Diario licenzioso di una cameriera”: la delicata ribellione di una donna contro il lato più oscuro dell’alta società

cameriera

La pièce di Mario Moretti, adattata e diretta da Gianni De Feo, sarà al Teatrosophia dall’11 al 13 novembre, per raccontare le contraddizioni e le depravazioni di una Belle Epoque parigina più contemporanea di quanto sembri Una malinconica villa di periferia. Una coppia di borghesucci un po’ patetici, lui alle...