Quattro chiacchiere con Daniela Mastrandrea

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Quattro chiacchiere

Mondi Paralleli: partiamo dal nome, cosa sono e rappresentano questi mondi e qual è il concept che lega i brani?

C’è una grande visione nella mia mente, la stessa visione che mi guida a compiere in maniera certa e definita ogni passo. Non posso prevedere il futuro ma di sicuro posso crearlo. Come? Con le azioni che sono frutto dei pensieri. Pensare in grande è importante e sapere ciò che si vuole è il motore che mette in atto i pensieri.

Mondi Paralleli rappresenta il passo successivo di un disegno preciso e perfetto che ho nella mia mente, una naturale conseguenza ed evoluzione del mio percorso di vita e di musica.

Mondi Paralleli è il tuo quarto disco e segna una maturazione, un salto nella tua produzione, un approccio più narrativo. Come si colloca all’interno della tua discografia?

Mondi Paralleli si basa sui diversi livelli della mia percezione sensoriale che adotta molteplici sfumature e diversi punti di vista. Cambiando prospettiva cambiano le emozioni e le sensazioni che ne derivano. È esattamente questo quello che in Mondi Paralleli è stato messo in gioco, partendo da un punto di vista intimo e strettamente personale che vuole esprimere la dualità che da sempre mi abita, i miei opposti, due mondi paralleli in lotta tra loro, per arrivare ad uno sguardo rivolto all’esterno. Viviamo in un mondo apparente e sotto la superficie si nascondono vari livelli di profondità. Io cerco di individuarli e portarli a galla di volta in volta. Non è semplice ma se si è in ascolto, tutto si rivela.

C’è un brano al quale sei più legata?

Mi piacerebbe tanto poter rispondere di si ma così non è.

Ciascun brano, nella sua diversità, ha giocato un ruolo fondamentale nel mio percorso evolutivo vitale e musicale. Li sceglierei tutti e, se dovessi riscriverli, li riscriverei esattamente così come sono!

Cosa ti aspetti da Mondi Paralleli?

Il giro del mondo in 80 giorni! Scherzo! Ma neanche tanto, dal momento che quello che sogno è che la mia musica faccia il giro del mondo con e senza di me. Mi piacerebbe che lei riuscisse ad arrivare ovunque e a/in chiunque, a prescindere da me.

Qual è il tuo percorso verso la composizione? I tuoi brani nascono da un’immagine o per necessità?

Non decido mai a priori. Non mi dico mai: “ora compongo!” Il tutto avviene in modo molto spontaneo e naturale. E non necessariamente devo esserlo al pianoforte per farlo. Molto spesso le note attraversano i miei pensieri insinuandosi sempre di più tra essi sino a spingermi a sedermi al piano e a scrivere. Direi, quindi, che più una necessità. Talvolta dettata da un’immagine talvolta da un’emozione, da un incontro, ma sempre di necessità si tratta.

Come definiresti il tuo stile?

Come valutare un compositore da una sola composizione? Per conoscere e comprendere la sua anima bisogna analizzarla ad ampio raggio.

Beh, se dovessi farlo con me stessa c’è davvero un mondo dentro di me. E non lo dico per dire. Spesso sono spaventata dalla mole delle composizioni scritte fino ad oggi e dalla diversità di stile, forma e genere tra loro.

Come posso definirmi. Pur partendo da me stessa, dal nucleo più intimo di me, sento davvero di tutto nella mia musica. Siamo permeabili e permeati da tutto ciò che ci circonda. Come potremmo non rilasciare tutto ciò che assorbiamo costantemente, che si tratti di vita o di musica. Siamo ciò che mangiamo. Siamo ciò che ascoltiamo.

Di sicuro, mi definisco “classica” perché per quanto, a tratti, io sfiori il jazz, il mio linguaggio è comunque classico e in alcune composizioni, sopratutto (ma non solo) in Mondi Paralleli è venuto fuori in composizioni come Il mio tormento e L’ignoto.

Cosa ascolta e legge di solito Daniela?

Mi piace tutto ciò che ha a che fare con la vita ed il mistero che l’avvolge.

Che si tratti di libri, di cinema o di musica. Sono da sempre affascinata da tutto ciò che non vediamo, dal così detto mondo invisibile che fa percepire l’oltre che si nasconde dietro le cose e che nasconde/racchiude il senso della vita. Credo nella forza del pensiero, capace di concretizzare l’impossibile, e nella fiducia che, se riposta in noi stessi fa miracoli. L’ultimo libro che ho letto La tua mente può tutto di Italo Pentimalli.

Quali sono i tuoi artisti prediletti, quelli con cui si cresce e ci si confronta?

Ritengo che da chiunque si possa imparare, anche e soprattutto da chi è lontano da noi nei pensieri e nelle azioni. Da sempre ho cercato di imitare tutto ciò che mi è capitato di ascoltare. Ho iniziato a trascrivere musica sul pentagramma a 9 anni e la trascrizione musicale è davvero la migliore scuola per imparare a scrivere musica. Perciò, anche se indirettamente, mi sono confrontata da subito con tutto ciò che ho trascritto. E quale modo migliore per crescere se non calcare e ricalcare gli stili musicali altrui. Ovviamente, quando si è piccoli, si desidera suonare tutto ciò che muove la propria emotività ed io ero musicalmente attratta da Ennio Morricone, Stephen Schlaks, Richard Clayderman, Michel Legrand e altri.

Oltre alla tua attività discografica hai un’impressionante carriera di collaborazioni e vita sul palco: vinci concorsi internazionali, i tuoi brani e la tua scrittura vengono richiesti per Festival (100 Cellos), TV, eventi come le giornate FAI, Medimex…  Quali sono le tappe del tuo percorso che ritieni più significative?

Ogni esperienza, ogni incontro è importante nella nostra vita e ti lascia qualcosa. Certo è che aver composto in una sola notte un brano che l’indomani i 100 Cellos avrebbero eseguito presso il Teatro del Giglio a Lucca è e resterà uno dei più bei ricordi, così come ciascuna delle esperienze da te menzionate.

Da pianista e compositrice di formazione classica, una delle tappe del mio percorso che ritengo più significative è indubbiamente aver conosciuto ed incontrato il M° Claudio Scimone. È stata una delle esperienze più significative della mia vita. Ricordo ancora oggi il Concerto di Primavera nel 2017 de I Solisti Veneti diretti da Scimone. Non si può dimenticare una prima assoluta di un’orchestra così famosa al mondo.

Per non parlare del passaggio su una radio tedesca della mia composizione per pianoforte solo “Luci e Ombre” eseguito dalla pianista Monique Cìola il 04 luglio 2018 al Schloß Schönbrunn di Vienna, o dei miei arrangiamenti eseguiti da un’intera orchestra nei teatri di tutta Europa, uno dei quali interpretato da Sarah Jane Morris, o più semplicemente scoprire da un tag in un post che qualcuno compra il tuo spartito e dall’altra parte del mondo una ragazza o un ragazzo che nemmeno conosci lo esegue davanti ad una platea di persone magistralmente.

Credo non ci sia cosa più bella di sapere che la tua musica è apprezzata e amata tanto da essere ascoltata ed eseguita.

Se non ci fosse stata la musica nella tua vita, cosa pensi avresti fatto?

Non ne ho la più pallida idea. Mi piace molto la gente e stare a contatto con essa, perciò credo che avrei fatto qualcosa che mi avrebbe permesso lo scambio, che credo essere unica fonte di energia. Una cosa è certa, avrei creato ugualmente.

La Puglia dimostra molto spesso attenzione tanto al jazz quanto alla musica classica. Come mai?

Credo che la politica abbia investito tanto.

In Puglia la musica è considerata un elemento di sviluppo del territorio al pari di qualsiasi altro settore economico. C’è una vera e propria industria musicale che si muove qui sul territorio. Probabilmente perché la Puglia ha contribuito alla storia della musica nazionale tra il Seicento e il primo Ottocento con un’ insuperata schiera di protagonisti di prima grandezza, come la cosiddetta ‘scuola napoletana’ del Settecento, formata quasi al settanta per cento da personaggi nati in Puglia (da Rossi a Traetta, Farinelli, Piccinni, Paisiello, fino a Mercadante) e formati nei celebri conservatori della capitale, Napoli. Senza dimenticare Nino Rota dei giorni nostri.

Inoltre, la Puglia conserva un suo più che dignitoso patrimonio musicale, sparso in centinaia di chiese e archivi, biblioteche pubbliche o private. Per me la Puglia resta una delle regioni più belle di Italia e non perché ci vivo ma perché credo davvero sia così. Sole e mare… ingredienti senza i quali io non posso stare!

Quali sono i tuoi progetti, oltre Mondi Paralleli?

Scrivere, scrivere, scrivere!

I miei progetti, oltre Mondi Paralleli, sono i nuovi brani che usciranno nei mesi successivi, alcuni tratti dall’album e altri inediti. Non vi nascondo che pur se in atto la promozione di questo album, io sto già pensando al prossimo. Più scrivo, più voglio scrivere.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere