“Zattera di sale” di Marcello Romeo, per non dimenticare le vite prese dal mare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Zattera

Zattera di sale”, in radio dal 2 aprile, è il nuovo singolo di Marcello Romeo, estratto dall’album “Dolce Amaro” (pubblicato il 10 Febbraio 2021), una raccolta di 12 brani, alcuni dei quali inediti, altri già pubblicati e rivisitati. Accompagnato da un video toccante (https://youtu.be/62WhlFmnRnA), ideato e realizzato da Milo Barbieri;  il significato profondo è chiaro sin dal titolo: è la storia di tanti che, nella disperazione, affidano la propria vita ed il proprio futuro al mare, cercando una via di uscita alla propria difficile condizione e spesso andando, invece, incontro ad un tragico destino.

Di seguito una intervista al cantautore bolognese per saperne qualcosa in più…

Come nasce “Zattera di sale”?

L’ispirazione è arrivata da un dipinto a olio di Theodore Gericault, “La zattera della Medusa” del 1818 che si trova al Louvre. Questo quadro racconta la storia avvenuta successivamente al naufragio di una fregata francese davanti alle coste africane della Mauritania, dove 150 persone salirono su una zattera di fortuna di 20 metri. Solo 15 di loro si salvarono. Ma quello che successe su quella zattera in quei maledetti giorni è inenarrabile come lo sono il clima di violenza e sopraffazione, dal cannibalismo per fame alla morte in mare per disperazione, che ne conseguirono. Ci sono troppe analogie con quello che sta succedendo, 200 anni dopo, nei nostri mari.

E’ un argomento, purtroppo, sempre attuale. Così ti ha spinto ad affrontarlo?

L’obbligo di non trascurare questa realtà: si pensa sempre a quanti raggiungono le coste, ma io penso soprattutto alla strage silenziosa delle migliaia e migliaia di vite perse nel mare.

Parlaci del bellissimo video…

Grazie a Milo Barbieri, al nostro confronto sul tema e sul testo della canzone ,

è nato questo video, che tramite le figurine di carta riesce a carpire l’attenzione,

portandola a soffermarsi e riflettere sula precarietà e fragilità di queste vite. Il video poi si muove su tre livelli, perfettamente combinati fra di loro: realtà, metafora e similitudine.

La realtà è, ovviamente, la drammatica attualità di chi affida la propria vita al mare. A questa realtà si fonde la metafora delle figure di carta, fragili e precarie, in balia delle onde del mare in tempesta, inghiottite dai flutti minacciosi.

Infine, la similitudine che risiede nella citazione di  Géricault: allora come oggi, la zattera diventa simbolo di speranza e di sopravvivenza davanti al dramma che si sta consumando.

Oltre che cantautore, sei anche autore e compositore di brani per altri artisti e produttore discografico… In tale veste, cosa consiglieresti a un giovane che vuol avvicinarsi alla musica dal punto di vista professionale?

Insistere, chiedere e credere nel proprio progetto, perché se non credi tu per primo nel tuo progetto, come fa a crederci un producer?

Inoltre è fondamentale studiare e sperimentare… E spero che presto ci sia un ritorno alla musica acustica, live.

Che progetti hai per il futuro?

Continuare a scrivere per me e per gli altri, continuare il lavoro di scouting sui giovani cantautori e cantautrici, non smettere di cercare spazi per loro, dato che di spazi gli emergenti ne hanno pochissimi nonostante questo mondo di radio, TV, teatri e piazze.

Sito

http://marcelloromeo.net/

Facebook

https://www.facebook.com/romeoghibli

Instagram
https://www.instagram.com/romeomarcello/

YouTube

https://www.youtube.com/channel/UCGMSuWGSkGbd20gk_IAQ-jA

 



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere