Supernova al Teatro Piccolo Bellini

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
bellini

Dopo il successo di Pisci ‘e Paranza, la compagnia I Pesci torna al Piccolo Bellini di Napoli, dal 5 al 10 aprile, con un altro lavoro travolgente che racconta la storia della generazione di una famiglia straordinaria. Lo spettacolo Supernova, con la regia e la drammaturgia di Mario De Masi non rappresenta solamente l’oggetto del desiderio esistenziale di tre figli verso i propri genitori, ma delinea poeticamente una metafora della società attraverso la lente deformata e deformante del potere.

Morte grottesca

Alla morte grottesca e improvvisa del padre, i tre figli si ritrovano adulti loro malgrado e devono individuare la propria strada. Differenti le reazioni dei ragazzi: fuga, responsabilità, stallo. La madre, forza attraente e respingente allo stesso tempo e nucleo morente intorno al quale si continua a orbitare, plasma il carattere dei figli e ne determina i singoli percorsi. Poco prima della sua morte, questi percorsi si rintrecciano di fronte al disfacimento della famiglia e delle memorie a essa legate. Fuga e ritorno in una realtà che non muta, eternamente consegnata al vano tentativo di sfuggire al tempo: si scappa dalla morte per tornare alla morte.

L’uomo al cospetto del vuoto, non può far altro che osservare la natura effimera della propria esistenza. Proprio come accade alla Supernova, l’esplosione stellare provocata da una stella che ne ingloba un’altra più piccola, dando luogo a una reazione violentissima e luminosissima che dura per un certo tempo. Mentre il nucleo collassa su se stesso e crea un buco nero, la materia prodotta dall’esplosione stellare si disperde nell’universo dando vita a nuove stelle.

var url257041 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1160&evid=257041”;
var snippet257041 = httpGetSync(url257041);
document.write(snippet257041);


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere