Miracolo vivente, un inno all’Amore del cantautore Davide Melis

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Miracolo Vivente

“Miracolo Vivente”, il nuovo singolo di Davide Melis, arriva il 1 luglio dopo il successo dei precedenti brani “Generazione Covid” e “Molte multe”, pubblicati ad anticipare il nuovo e attesissimo album. L’eclettico cantautore, già noto come  vincitore del premio Lucio Battisti per la canzone d’autore di Molteno ed autore di altri originali brani legati a temi di attualità o del sociale, con “Miracolo vivente” decide un momentaneo, ma significativo cambio di rotta: niente polemica, niente retorica, niente ironia né esplicite prese di posizione, in un momento storico così delicato Davide ci vuol cantare  d’amore, gli abbiamo chiesto qualche dettaglio in più su questa scelta e sui progetti futuri…

Dopo un po’ di tempo arriva una canzone d’amore, come mai?

Come è noto spesso e volentieri parlo di attualità e questioni sociali, tramutandole in canzoni e sforzandomi di darne significati sia personali che universali a prescindere dalle mode e dalle tendenze… Il tema dell’Amore ormai, a mio parere, andrebbe cantato solo quando si trova il modo di riuscire a “descriverlo” con la A maiuscola. Intendo dire che, essendo dalla “notte dei tempi dell’arte e della letteratura” il più utilizzato, non si può negare che sia anche necessariamente, in qualche modo, anche il più (passatemi il termine che ovviamente non ne vuole sminuirne l’importanza) inflazionato.

Devo anche confessare che però, nello specifico, in questi tempi di guerra “qui ed ora”, mi sento così disarmato di armi dialettiche e impotente di fronte a fatti storici che sembrano la trama di un romanzo distopico di fantapolitica, che mi sono detto: “questa volta no”… Questa volta niente rabbia, niente ironia, niente “messaggi tra le righe”, niente posizioni radicali, niente provocazioni… Niente bianchi, niente neri… Niente fazioni. Questa volta no… Questa volta canterò semplicemente l’Amore. L’unica possibile soluzione.

Come nasce il brano?

Il brano nasce inizialmente da un’idea di Raffaele Abbinante (uno dei coautori) ed è, idealmente, una dichiarazione d’Amore che si svolge nel tempo di una singola telefonata. Una dichiarazione estremamente chiara e priva di retorica, così piena d’immagini poetiche e trasporto emotivo che sembra quasi non aver bisogno di una risposta, come se non esistesse alcun dubbio, come se fosse scontato che chi l’ascolta meriti esattamente ogni singola parola a lei dedicata. Ma alla fine l’avrà ascoltata? In fondo non è così importante, è soltanto una possibilità come tante… Ma l’Amore in un modo o nell’altro vince sempre e comunque, nonostante tutto, a  prescindere da tutto. Riguardo il  sound ormai va in parallelo con la mia nuova identità musicale, in cui sintetizzatori anni ‘80 e tastiere sono preponderanti. La ritmica di basso e batteria è suonata con un feel decisamente rock, incalzante e decisa che contrasta molto bene con la timbrica pop 80′ dell’arrangiamento, creando un’alchimia del tutto inedita e fresca, ancora una volta interamente firmata da Edoardo Bruni, mio fido collaboratore e produttore artistico.

E del videoclip cosa ci dici?

La scelta di realizzare un lyric video (quindi testo e animazione) e, dopo tanti videoclip, di non apparire nelle scene come protagonista, non è casuale, bensì un tentativo di universalizzare maggiormente il tema espresso, spersonalizzandolo e rendendolo appartenente realmente a tutti nel tentativo di dare maggiore enfasi e valenza proprio alle parole e alla musica. Ho pensato che l’associazione diretta della canzone con il mio volto, anche alla luce dell’esperienza molto positiva dell’ultimo videoclip di “Molte Multe” dove impersono una sorta di Joker, non è affatto scontata.

Io sono un cantautore, c’è chi mi chiama artista, chi musicista e chi cantastorie ma di certo non sono un attore… E quindi, in fondo, è giusto lasciare spazio, almeno questa volta, all’essenza della musica e delle parole di questa ideale dichiarazione d’Amore che si svolge nel tempo di una singola telefonata che è il brano “Miracolo Vivente”.

E allora, cosa stai preparando per i prossimi mesi, dal punto di vista artistico?

Dopo “Generazione covid” e “Molte multe”, dopo questo ultimo singolo d’amore, continuo a dedicarmi alla realizzazione del mio secondo album dal titolo “Secondo Me(lis)” che mi auguro possa uscire entro l’anno; spero possa emozionare e far riflettere chi mi ascolta…

www.davidemelis.it

https://distrokid.com/hyperfollow/davidemelis/miracolo-vivente



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere