Taking Stock: la felicità secondo Stefano Bertozzi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Taking Stock

Taking Stock”, in radio e negli stores dal 7 ottobre, è il nuovo singolo di Stefano Bertozzi dopo il successo di “Rise and shine”. Un brano che propone sonorità di spirito country coniugate con la musica pop, mentre l’accento è posto sul testo e sulla melodia che lo accompagna; la chitarra acustica è suonata da Stefano stesso, gli arrangiamenti sono stati curati insieme a Francis Gorini del London Mixing Studio. Il testo si incentra sul concetto di crescita, di evoluzione che è essenziale per trascorrere con serenità ed equilibrio la vita dopo i 50 anni, anche in considerazione di come gli ultimi 2 anni per il mondo intero siano stati difficili e destinati a lasciare un segno indelebile nella vita delle persone. Un lavoro che vuole incoraggiare gli ascoltatori più maturi ad una riflessione sul senso della vita e sulle cose che realmente contano, quali la famiglia e gli amici, pertanto la scelta stessa di un lyrics video (realizzato da Milo Barbieri) sottolinea l’importanza che si vuol riservare al messaggio, ponendo in evidenza il testo e rendendolo fruibile immediatamente all’ascoltatore. È lo stesso cantautore bolognese a raccontarci qualche curiosità in più…

Anche “Taking Stock” è un brano profondo, analogamente gli altri singoli precedenti, come nasce l’idea?

Rileggendo Aristotele, il Capitolo I dell’Etica Nicomachea che verte sul concetto di felicità: pur essendo un “sommo bene” essa è legata alle vicende del mondo esterno. Pertanto, la nostra felicità è un’attività che rappresenta l’agire virtuoso dell’uomo inteso come “animale politico” impegnato nella società. Con l’incedere degli anni, la mente spesso comincia a ripercorrere i momenti più salienti dell’esistenza vissuta cercando di capire quali siano stati gli “elementi” che ti hanno reso felice e quelli di cui una persona va meno orgogliosa. Per questo, ho deciso di dedicare una mia riflessione alla felicità che assume sapori e connotazioni differenti rispetto ai primi anni della giovinezza. Anche questo brano è stato registrato al London Mixing Studio di Londra con l’aiuto di Francis Gorini che, insieme a me, ha curato gli arrangiamenti. Ho suonato la chitarra acustica e scritto musica e parole. Penso che il connubio funzioni piuttosto bene.

Perché un Lyrics video?

Devo ammettere che il mio amore per i video è limitato. Sono cresciuto con le cuffie in testa ad ascoltare la musica nella calma di camera mia, pertanto faccio ancora fatica ad abituarmi, anche se comprendo il fenomeno perché oramai i giovani e le persone si scambiano immagini prima ancora che pensieri, opinioni ed emozioni. Trovo pertanto il lyrics un onorevole compromesso fra il mio desiderio di condividere il mio messaggio e le pressanti esigenze odierne. Video:   https://youtu.be/bs6Luym3A0Y

Quali sono i tuoi artisti di riferimento?

Mi piacciono molto Beatles, Buffalo Springfield, Elton John, Eric Clapton, i Simply Red, David Bowie, Cold Play, Red Hot Chili Peppers, i due Lucio Battisti e Dalla, i due Francesco De Gregori e Guccini ed Enzo Avitabile con la sua Soul Express. Qui mi fermo, non vorrei finire l’inchiostro.

Un libro che ami particolarmente?

L’Educazione sentimentale di Flaubert. È un libro che mi ha dato tanto in termini di emozioni. Penso che sia altamente formativo. Due libri che, invece, vorrei consigliare a tutti sono Brave New World di Aldous Huxley e 1984 di George Orwell. Offrono spunti e chiavi di lettura particolarmente acuti, a mio giudizio.

Un sogno nel cassetto?

Poter cantare ancora per un po’ di anni. A parte il divertimento, reputo che abbia una funzione sociale a cui non vorrei rinunciare.

In un mondo musicale che spesso relega il contenuto in secondo piano i tuoi brani hanno un grande spessore…

Ho scritto brani che trattano dello spinoso problema della disoccupazione (Help me Tonight) e delle crescenti disuguaglianze (Inequality) che stanno lacerando il tessuto delle nostre società. Ovviamente, ho scritto anche numerosi brani sui sentimenti e l’amore, ma questo non rientra di certo nell’alveo dell’originalità.  Credo che il mondo cantautorale abbia il dovere di contribuire a ridare speranza ai giovani richiamando la scala valoriale della nostra Europa che è ricca e piena di utili insegnamenti… Viviamo nel mondo dell’effimero e dell’inutile. Siamo bombardati da influencers create da algoritmi, che ci indicano come vestire per essere “cool” durante il periodo estivo, quale smalto usare e quali tipo di scarpa è quella giusta per andare a Parigi con gli amici. Tutto è diventato rapido e deve arrivare subito ed è senza scopo. Il successo “odierno” è percepito come “un colpo di fortuna” perché il personaggio del momento è riuscito ad essere selezionato per un show in TV.  Oggigiorno poi la  scuola non forma più e le persone si informano poco e leggono meno. Sono quindi facili prede di coloro che spargono messaggi “infidi” sui social poiché non hanno sviluppano a sufficienza il loro spirito critico.

Progetti artistici presenti e futuri?

Ho preparato parecchi brani nuovi e ricantato alcuni brani a cui tengo molto. Nel 2023 uscirò con due inediti che, dopo aver scritto e musicato, ho cantato insieme a due colleghi. Non aggiungo altro.

Ph. Carlos Baca

https://fanlink.to/stefanobertozzitakingstock

Facebook

https://www.facebook.com/profile.php?id=100014363400527

 

Instagram

https://www.instagram.com/stefano65bertozzi/

 



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere