L’Ora Più Buia (Darkest Hour) alla guerre comme a guerre nell’ultimo film su Churchill vincitore di premi di Oscar.







L’ora più buia è un biopic storico che racconta le prime settimane di governo di Winston Churchill alla guida del proprio paese agli inizi della Seconda Guerra Mondiale.

La sceneggiatura scritta da Anthony McCarten, descrive il primo ministro ironico, brillante, ma anche volitivo e determinato, quando deve convincere il governo inglese e i deputati a proseguire le azioni di guerra e non trattare con i fascisti italiani alleati dei nazisti.

Tra la minaccia di un’invasione del Regno Unito da parte delle forze di Hitler e 300.000 soldati della Regina bloccati a Dunkirk, Churchill deve anche combattere con le trame interne del proprio partito e con Re Giorgio VI (interpretato dal vincitore dell’Emmy Award Ben Mendelsohn) che mostra grande scetticismo sulle abilità da Primo Ministro nel riuscire ad affrontare la sfida.
Una lunga inquadratura mostra Churchill (lo Stato) e il re (la Monarchia) uno di fronte all’altra. Mai una sbavatura in questo film o un eccesso: pregio o difetto? Dipende dai punti di vista.
Nero totale dell’immagine sullo schermo che fa risaltare la cabina telefonica dalla quale il primo ministro parla al telefono: fotografia gagliarda, tecnica riproposta più volte. Movimento di macchina che dà l’affetto dell’aereo che sorvola i campi di battaglia.

Il Grande Gary




La grandiosa interpretazione di Gary Holdmann interprete rende il film abbagliante e poderoso in suoi i suoi aspetti:
Gary Oldman -l’attore vincitore de il Premio Oscar© come miglior attore proprio in questo film di Joe Wright- offre una straordinaria interpretazione. Da non dimenticare Clemmie la moglie di Churchill (la già nominata al Premio Oscar© Kristin Scott Thomas in una bella prova d’attrice), e l’efficace ruolo della segretaria, (Lily James).
Note di produzione

“Quando ho sentito la frase “Gary Oldman nei panni di Winston Churchill…“Questa è una di quelle interpretazioni che non mi voglio perdere, ” dice Joe Wright.Ma un attore che ha già incarnato personaggi realmente esistiti, da Sid Vicious a Beethoven, passando per Lee Harvey Oswald, può essere interessato a vestire i panni di Winston Churchill?

Oldman riflette, “Sono sempre stato affascinato da Churchill e lo considero l’unico grande statista che abbiamo mai avuto. Ma non era di certo una figura che avevo mai preso in considerazione per un ruolo. Infatti, anni fa, si era presentata la possibilità e avevo rifiutato.

“Non si trattava tanto della sfida psicologica o intellettuale a bloccarmi, quanto la componente fisica. Intendiamoci, basta guardarmi…”

Nonostante questa ritrosia qualcosa è scattato, come lui stesso ammette, “Con il gruppo di lavoro che si stava creando per L’Ora Più Buia – Darkest Hour, ho cominciato a cambiare parere.”

“Ho apprezzato molto la sceneggiatura di Anthony, anche perché non si tratta di un “biopic” nel senso classico, ma sceglie di concentrarsi su poche settimane cruciali della nostra storia, senza aver bisogno di salti temporali o ringiovanimenti improvvisi.”

L’Ora Più Buia – Darkest Hour presenta anche un altro elemento di fascino per Oldman, che ammette “Volevo pronunciare le parole dei discorsi scritti dallo stesso Churchill, che rappresentano uno dei momenti più alti della lingua inglese. È memorabile l’uso della sua prosa, mai sovraccarica di metafore o perifrasi. I testi non hanno una virgola fuori posto e lui ha sempre avuto la consapevolezza che la gente a cui si rivolgeva aveva bisogno di parole che arrivassero dritte al cuore.

“Tutto di un tratto, si è trovato a dover affrontare una situazione estrema, Il suo stesso governo lo stava boicottando. Mentre si combatteva a parole nei gabinetti del potere, Churchill si preoccupava della vita di migliaia di uomini intrappolati a Dunkirk. Affrontare queste avversità, con una tale pressione, ed essere comunque in grado di modellare discorsi così pieni di ispirazione è stato semplicemente miracoloso.”

L’Ora Più Buia – Darkest Hour ha messo alla prova anche un attore del livello di Oldman. Come spiega lui stesso, “Tutto ha avuto inizio con la voce. Mi sono dovuto convincere di essere in grado di recitare con la sua voce. Ho preso uno dei suoi discorsi, un registratore e ho iniziato a sperimentare.

“Poi ho iniziato a scavare il testo per capire al meglio l’uomo che ha affrontato un dittatore come Hitler. Ho tentato di comprendere la sua psicologia e il suo modo di pensare. Ho costruito il mio personaggio mattone per mattone.”

Urbanski nota, “La sceneggiatura si concentra su poche specifiche settimane, ma Gary ha cercato di scoprire il più possibile sulla vita di Churchill.”

Dr. Larry P. Arnn, storico e biografo di Churchill, ha suggerito a Oldman la bibliografia essenziale “Un aiuto fondamentale, perché ci saranno almeno 1000 libri scritti sulla sua vita e potresti passare anni a leggere le pagine che gli hanno dedicato.”

Urbanski commenta, “Dr. Arnn e il nostro consulente storico, Phil Reed, hanno verificato tutto quello che gli abbiamo sottoposto per verificarne l’accuratezza. Hanno anche visitato il set quando gli è stato chiesto.”

Oldman conferma, “Ho lavorato molto sulla voce e ho guardato moltissimo materiale video che mi ha rivelato l’immagine di un uomo di 65 anni pieno di energia e piglio.”

La vita politica e i risultati ottenuti, inclusi quelli militari durante la Seconda guerra boera, sono ben documentati. Ma Oldman vive ancora un timore reverenziale a immaginare di averlo interpretato. È lui stesso ad elencarli “Più di 50 anni al governo, 50 libri scritti, per cui poi avrebbe ottenuto il Premio Nobel per la Letteratura. Decorato in 4 guerre, 500 dipinti realizzati, con 16 mostre alla Royal Academy.”

“Se non fosse stato per lui, dove si troverebbe il mondo? Non c’è molto che gli si possa criticare. Ancora oggi non abbiamo trovato uno statista del suo calibro.”

Oldman ha sentito rapidamente di essere riuscito a trovare una chiave per raccontarne le gesta, anche se l’aspetto fisico continuava a essere un freno. Ha anche temuto di non essere in grado di interpretarlo, almeno fino a quando “non fossi riuscito a sentirlo anche dal punto di vista di energia, nel modo in cui si muoveva nello spazio…e potermi così guardare allo specchio e riconoscerlo, almeno riconoscerne lo spirito.”

“Da subito sono stato convinto che Kazuhiro Tsuji fosse la persona giusta, l’unica persona, che potesse aiutarmi a raggiungere l’obiettivo. In quello che Kazu fa, equivale a Picasso.”

Riconosciuto da tutto l’universo cinematografico come un fuoriclasse nello special make-up, Tsuji è stato nominato per due volte per il Premio Oscar© nei suoi 25 anni di carriera. Ma dal 2012 si è ritirato per dedicarsi completamente alla sua ricerca di scultore contemporaneo iperrealista.

Oldman si è rivolto a Tsuji in prima persona. L’artista ricorda, “Gary mi ha detto, ‘Farò questo film solo se lo farai anche tu.” Abbiamo discusso, ma non sono riuscito a dirgli di no. Al contrario di molti altri, comprende e apprezza il lavoro che faccio.”

È stata una notizia straordinaria per tutti quando hanno saputo che Oldman era riuscito a convincere Tsuji a partecipare e quindi a sua volta ad accettare un ruolo talmente iconico e rischioso “come un salto dall’aeroplano senza paracadute”.

Tsuji ha immediatamente impostato il lavoro. È lui stesso ad ammettere, “È molto stimolante poter lavorare all’idea di creare una somiglianza con qualcosa che già è esistito. La parte più difficile da affrontare è stata la totale differenza di proporzioni e di dimensione del cranio. Gary ha una forma della testa ovale, mentre quella di Churchill era più compressa, rotonda. Gli occhi di Gary sono molto vicini fra loro, mentre per Churchill è l’esatto contrario. Ho dovuto lavorare con questi problemi di partenza.

“Nonostante tutto, se al make-up combini un attore che ci mette l’anima, si riesce a diventare la persona che volevi.”

Il lavoro realizzato fra supporti, trucco e capelli ha richiesto grande creatività. Da subito tutti hanno condiviso la necessità di trovare “una soluzione ibrida, come per un’impollinazione,” spiega Oldman. “Dovevo diventare Churchill e rimanere Gary; la faccia doveva permettermi comunque di lavorare al meglio.”

Ci sono voluti sei mesi di sviluppo e prove per ottenere il giusto equilibrio, fra scolpire, applicare, aggiustare, aggiungere e togliere. Il processo si è anche evoluto in funzione delle revisioni della sceneggiatura da parte di McCarten e delle ricerche realizzate di Wright.

Tsuji ha preso i calchi di Oldman, fra vita, corpo intero e testa, “per poi arrivare a cinque test generali per il trucco giusto. Il regista per aiutarci deve avere uno sguardo molto abituato a valutare i risultati e Joe Wright ci ha dato un contributo importante in questo senso.”

Per migliorare il processo è stata chiamata anche una professionista del calibro di Ivana Primorac, sei volte nominata per i BAFTA Award e una fra le collaboratrici preferite di Wright. Sin dalle prime battute il regista l’ha convocata per occuparsi di L’Ora Più Buia – Darkest Hour e “del look di tutti”, da quanto racconta.

“La silhouette di Churchill è unica, che tutto il mondo la riconosce, e non c’è attore che lo possa interpretare senza averla. Gary ha dovuto necessariamente ricostruirla per impersonare la fisicità di Churchill nei discorsi e nei movimenti. Passo dopo passo, è iniziata la trasformazione e verificarla a ogni passaggio è stato straordinario. I risultati ottenuti da Kazu sono straordinari: non ho mai visto nulla di simile.”

I calchi hanno permesso di produrre una maschera, a sua volta lavorata a mano da Tsuji: guardando fotografie e video ha scolpito i tratti di Winston sul materiale dello stampo. Da questo stadio “si è passati al passaggio in silicone che è stato finalmente applicato sulla faccia di Gary. Abbiamo anche realizzato una parrucca che ha definitivamente portato alla trasformazione di Gary in Winston.”

Il supporto di silicone è stato lavorato con una sostanza che potesse renderlo anche più morbido, così da dare un’impressione simile alla pelle, soprattutto una volta applicato alla faccia di Oldman, anche per valorizzare al meglio i movimenti del suo viso e tutta la sua espressività.

Alcune aree del volto sono comunque stati tenuti liberi dalla maschera, in particolare la fronte e le labbra: le prove hanno infatti rivelato che per entrambi diventava complessa la lettura delle espressioni e danneggiare la performance. Per sincronizzare al meglio le espressioni del viso, la protesi non poteva essere neanche un millimetro fuori posto.

Tsuji ha anche sviluppato per Oldman “un’armatura di schiuma che nonostante la sua leggerezza si è rivelata fondamentale per cambiare la forma del suo corpo e la postura”.

Dal momento in cui è iniziata la produzione del film nell’autunno del 2016 l’applicazione giornaliera è diventata una scienza esatta, per un percorso che portava fino a tre ore e mezzo, portando le giornate di lavoro di Oldman arrivare fino a 18-20 ore totali. “Arrivavo sul set alle 3 del mattino per iniziare a truccarmi,” ricorda. “La parte dei costumi prendeva un’altra mezz’ora, fino a quando la troupe non arrivava alle 7.”

Ci sarebbe voluto anche molto di più se Oldman non avesse preso la decisione radicale di rasarsi completamente così da eliminare l’impaccio dei capelli.

Come lui stesso sottolinea, “David Malinowski e Lucy Sibbick hanno lavorato al mio fianco ogni giorno, seguendo nel dettaglio le istruzioni di Kazu. Che squadra incredibile!”

Il duo ha applicato alla faccia di Oldman dei marcatori naturali che permettessero di guidarli ogni giorno nel sovrapporre perfettamente la protesi su collo, occhi e bocca, trasformandola di fatto in una mappa da consultare ogni giorno.

“Il materiale era molto leggero,” Malinowski spiega. “Come una calza che provi a mettere sulla faccia, in cui ogni piccolo dettaglio può creare una piega o un’increspatura.”

Oldman ha riposto grande fede nella seduta generale, perché una volta completata gli ha permesso di potersi completamente concentrare sulla propria performance. Alla fine, Primorac e la sua squadra hanno deciso di ridurre al minimo gli ultimi controlli, ben consapevoli che il protagonista si stesse sobbarcando un carico equivalente alla metà del proprio peso.

Anche la rimozione del trucco prendeva quasi due ore al giorno: purtroppo non poteva essere rimossa velocemente per evitare danni alla pelle di Oldman.

Wright confessa, “Durante le riprese tutto mi appariva totalmente reale. Sono arrivato a dimenticarmi che Gary stesse indossando costumi, protesi e trucco.”

La pelle della protesi ha avuto bisogno comunque di frequenti interventi da parte di Malinowski, per curare il rossore rubicondo delle guance di Winston. La base del silicone è diventata una tela su cui ricreare ogni volta i giusti toni, facendo comunque attenzione ai contorni scolpiti del viso. Anche ogni piccolo neo di Winston è stato delicatamente disegnato ogni volta…Una volta che i toni della pelle e i nei venivano aggiunti, Malinowski chiudeva il lavoro con il più delicato dei propri pennelli per disegnare le vene rossastre del viso.

Questi sforzi avevano la necessità di rispondere anche alle esigenze di scena, che fosse ambientata di giorno o di notte, o considerando lo stato fisico di Winston in funzione della scena in questione, senza trascurare neanche il minimo errore di rasatura.

Malinowski nota. “Abbiamo lavorato duramente per creare un personaggio con le stesse sembianze. Volevamo assolutamente evitare che il pubblico vedesse nello schermo l’intervento del trucco. Con la tecnologia digitale ormai la macchina da presa riesce a cogliere ogni dettaglio, per cui ti devi preoccupare che tutto funzioni al meglio.”

I 54 giorni di riprese non hanno previsto neanche una singola volta che Oldman non affrontasse la seduta di trucco, per un coinvolgimento totale di tutte le figure impegnate.

Tsuji ha sorvolato più volte l’Atlantico per visitare il set. Come lui stesso racconta “non sono venuto tanto per guardare Gary, ma piuttosto per ascoltare la voce di Gary durante la sua interpretazione. È stato eccezionale poterne vedere la sua trasformazione e poi ascoltarne la voce.”

Urbanski esprime tutta la propria meraviglia, “Gary ha mostrato tutta la propria grandezza interpretando Winston. Pur essendo due figure nettamente differenti, è riuscito a farmi pensare a George C. Scott in Patton, Generale d’Acciaio – Patton. Ti lascia letteralmente a bocca aperta.

“Il dono di Gary è di aver mostrato un’eccezionale capacità di concentrazione, presentandosi tutti i giorni sul set con più energia di qualsiasi altra persona; avrebbe avuto il diritto di essere il più stanco, invece è riuscito a motivare tutti gli altri.”

“Senza ombra di dubbio,” conclude Oldman, “si è trattato del lavoro più difficile della mia vita professionale.”

“Nonostante ciò, l’ho trovata anche un’esperienza liberatoria. Non vedevo l’ora di lavorare e ritornare a essere Winston. Mi svegliavo ogni giorno e pensavo “Quanto sono fortunato a fare quello che mi piace.””

Titoli di Coda

Winston Churchill……………..………………………..…………..……………………….Gary Oldman

Clemmie Churchill…….…………………………………………..………………Kristin Scott Thomas

Elizabeth Layton…………………….……………………………………………….……………Lily James

Viscount Halifax……….…………………………………………………………………..Stephen Dillane

Neville Chamberlain………………………………………..………………………………Ronald Pickup

King George VI…………………………………………………………….………………Ben Mendelsohn

AUTORI

Diretto da..…………………..…………………………………….………………………………Joe Wright

Prodotto da…Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten, Douglas Urbanski

Scritto da……………….…………….…………………………………………………Anthony McCarten




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 275 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.