La perversione femminile ne Le Serve di Genet al Palladium

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Due immagini femminili sovrastano la scena aperta senza sipario. Man mano che l’occhio dello spettatore si abitua alla percezione dei particolari, si scoprono nuovi oggetti: il telefono, la finestra aperta, le luci soffuse irradiate dagli abat- jour.

Buio in sala. Totem e Tabù.

La partitura in lingua francese debutta con Claire (Anna Bonaiuto) che in scena “solfeggia “con la voce. Dal “ventre” della scenografia appare il guardaroba della divinità genettiana: comincia il travestimento delle due serve, che si votano al rituale in onore della grande assente, il Totem/Tabù /Madame.
Ogni sera le due sorelle Lemercier, Claire e Solange si recitano addosso, variando le versioni del copione e le interpretazioni: amano invertire i ruoli- da padrona a serva andata e ritorno- cercando una via d’uscita, ma, restano intrappolate nel labirinto della propria mente.
La Claire/Bonaiuto traccia con il corpo forti segni muscolari come avesse un’arma che taglia una tela invisibile: prima indossando bei guanti da giardiniere poi tenendo tra le braccia il vestito rosso di Madame la divinità- plurinominata.

Durante la “recita” le due serve lottano come due amanti prima dell’amplesso, sul letto della padrona: un gioco sadomaso che a ogni “replica” vede la finta morte per strangolamento della Serva “ascesa” a diventare Madame.
La partita è lunga, i supplementari sono distanti ma le due attrici tengono bene il campo.
Alcune battute girano a vuoto, poi si riprende il filo della faticosissima partitura genettiana che riacciuffa il tempo scenico con lo squillo del telefono e il suono del campanello. Fluida l’entrata della Madame (Vanessa Gravina) che subito appare ironica, sopra le righe di registro differente rispetto alla drammaticità delle altre: brillante l’interpretazione di Madame.

Zona persecutoria.

Dopo l’uscita di Madame, un clima “noir” prende il sopravvento, su tutto.
Mentre monta il dramma, il repertorio della fuoriclasse Anna Bonaiuto/Claire, viene fuori alla distanza, inesorabilmente, pacatamente e si assesta in una “zona persecutoria” dove Solange (Manuela Mandracchia) accelera lo scambio di battute dando sfoggio di spericolati e virtuosi cambi di tono.
Le due attrici hanno il compito di riempire il corpo del proprio  personaggio lasciato volutamente vuoto da Genet che, del resto,  desiderava privo  di erotismo femminile avendo egli  dichiarato che: “ Le attrici devono crederci e rifiutare di crederci” (e perché mai…).
Un lavoro attoriale di “archeologia scenica” che ricostruisce tessuti, sangue voce ed energia vitale. Di questo siamo loro molto grate (un po’ meno a Genet, nonostante il suo genio…).La regia di Giovanni Anfuso è molto elegante: avrebbe potuto osare di più, e non assecondare troppo un cult teatrale dello scorso millennio.

All’uscita

Una spettatrice in attesa dell’ultimo metrò ci dice: “La Mandracchia e la Bonaiuto quello che fanno, lo fanno bene.”
E noi:”Le è piaciuto lo spettacolo, dunque?”.La spettatrice  mentre arriva la carrozza : “Sì, vien bene fuori la follia delle donne, abbastanza matte, tutte: immaginano di subire o di aver subito dei torti, delle violenze”.
Ormai le portiere del vagone alla stazione del metrò Garbatella, sono chiuse.
E noi: “ Grazie per la velina…”

Titoli di Coda
Regia Giovanni Anfuso
Con Anna Bonaiuto,Manuela Mandracchia, Vanessa Gravina
Scene Alessandro Chiti
Costumi Lucia Mariani
Musiche Paolo Daniele
Produzione Teatro e Società
In co- produzione con Teatro Biondo di Palermo
Teatro Stabile di Catania
Lo spettacolo che è andato in scena al Palladium (dal 19 al 22 ottobre) sarà a Napoli dal 25 al 29 Ottobre, il 10 novembre a Sulmona, l’11 novembre a Lanciano, il tredici a Mantova, dal 14 al 16 Novembre a Tiene, dal 23 al 26 novembre a Monza, il 28 novembre a Ortona.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere

Nasce Lgbt Channel, ospiti Alessandro Zan e Loredana Raia

lgbt

Il deputato Alessandro Zan e la vicepresidente del Consiglio della Regione Campania Loredana Raia, saranno ospiti giovedì 26 ottobre alle ore 19 della trasmissione “Il salotto di Ken e Barbie” su Lgbt Channel (www.lgbtchannel.tv), condotto da Carlo Cremona e Barbara Peluso, per dialogare sulle misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi...

II episodio di “Fantasmagoria”, la nuova web serie firmata da Byron Rink

fantasmagoria

Il 2 luglio esce il secondo episodio di “Fantasmagoria: fantasmi nella rete”, la web serie ideata e creata dal cantante indie-rock Byron Rink durante il periodo del lockdown, con l’amichevole partecipazione di Tom Savini (Creepshow, George A. Romero, 1982; Django Unchained, Quentin Tarantino, 2013), la collaborazione del regista del fanta-horror Luigi Cozzi (Contamination, 1980; Hercules, 1983; I piccoli maghi di Oz, 2018)...