Teatro delle Muse, Nei panni di una donna, omaggio a Franca Rame il prossimo 8 marzo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Teatro delle Muse, Nei panni di una donna, omaggio a Franca Rame

La forza di un sorriso come terapia del dolore “Nei panni di una donna?” lo spettacolo con Luciana Frazzetto 8 marzo ore 20.30 Teatro delle Muse, via Forlì 43. Nella serata saranno assegnati dei riconoscimenti in memoria di Franca Rame a coloro che combattono la violenza per affermare il diritto alla giustizia e alla verità

Al Teatro delle Muse torna sul palco Luciana Frazzetto

Il sorriso come terapia per affrontare un dolore forte, lacerante. Con questa filosofia, che ha incoraggiato soprattutto se stessa nelle drammaticità vissute, l’attrice Luciana Frazzetto torna sul palco nello spettacolo “Nei panni di una donna?” nella giornata dell’8 marzo al Teatro delle Muse ore 20.30  (via Forlì 43) per la regia di Massimo Milazzo e prodotto dalla Lumax Production. Un monologo, scritto a quattro mani con Riccardo Graziosi, che racconta uno spaccato di vita legato al delicato ed attuale tema della violenza sulle donne attraverso un’esperienza uomo /donna che si arricchisce inizialmente di una emozionante e divertente carica umana, di un’ironia graffiante, fino a svelarsi poi in tutta la sua atrocità ed amarezza. Stati d’animo opposti ed opposte reazioni: si ride, si piange, si riflette, si spera.

Un testo che pone anche l’accento sull’importanza di denunciare fatti, accadimenti, già quando i primi
segnali evidenziano un campanello d’allarme. E proprio per fortificare questo concetto la serata sarà
dedicata alla memoria di Franca Rame, da sempre in prima linea nel dare voce alle donne, alle vittime.
Con il benestare della famiglia Fo saranno, infatti, assegnati dei riconoscimenti a: Maurizio Insidioso per
la figlia Chiara, la ragazza romana aggredita brutalmente dal fidanzato nel 2014 ed oggi costretta a
vivere in stato vegetativo, Daniele Bocciolini, l’avvocato in prima linea nelle cause di stalking, Roberta
Bruzzone, la criminologa e psicologa forense chiamata ad intervenire in numerosi casi di cronaca,
Progetto No Violence, l’associazione del fotografo Michele Simolo e l’associazione La Voce di Rita Onlus, che da anni documentano, denunciano per sensibilizzare l’opinione pubblica con eventi mirati.

Al termine della serata si terrà un piccolo ricevimento con le creazioni culinarie della Chef in tacco 12, Emanuela Crescenzi, e il Forno degli Amici di Alessandro Stocchi e Nadia Bengala.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere