Stefano Bertozzi, Rise & Shine: la mia esortazione a coltivare sogni e progetti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Stefano Bertozzi

Dopo un’anteprima assoluta del video sul prestigioso sito di Sky Tg24, il 23 novembre, il cantautore bolognese Stefano Bertozzi torna con il suo nuovo singolo “Rise & Shine”, disponibile in radio e negli stores dal 26 novembre.

Un arrangiamento che dà la proiezione del tempo

Un arrangiamento che dà la proiezione del tempo, con lo stesso Stefano alla chitarra acustica, alla batteria Alex Reeves, al basso Richard Lehane e alla chitarra elettrica Francis Gorini che ha inoltre curato il mixing e mastering presso il London Mixing Studio.

L’idea nasce da una riflessione sul motivo per cui molte persone non riescono ad emergere in ambito professionale; molte vengono giudicate in maniera superficiale, o non sanno presentarsi, altre ancora si rassegnano ad avere una vita in controluce. Un tema attuale,  ripreso nello stesso videoclip, di Marco Magiotti per PMS Studio, che  racconta proprio la storia di un giovane che, per problemi di lavoro, finisce per compromettere i rapporti con le persone a cui vuole bene.  Tuttavia si rialza, e trova la forza per mostrare a tutti le proprie capacità,  riconquistando la serenità è il giusto equilibrio. Abbiamo approfondito l’argomento con Stefano.

Ti va di raccontarci com’è nato il tuo nuovo singolo?

Nasce da alcune considerazioni. La prima riguarda il mondo che ci circonda. Il brano ha il proposito, o meglio l’ambizione, di risvegliare il desiderio di sognare, di fare progetti che si è perso in molte persone.

Giovani e persone di mezza età appaiono come sempre più incapaci di guardare con attenzione e senso critico il mondo che li circonda. Si sono “rimpiccioliti” per colpa del piccolo schermo, hanno perso forza nelle loro azioni e hanno smarrito il gusto di sognare e di fare progetti per il futuro. I ragazzi hanno qualche sogno ma non ci credono più. Non lottano con forza e determinazione per realizzarlo. Mi auguro che la situazione cambi. Dobbiamo credere nuovamente in noi stessi, combattere per le nostre passioni e sforzarci per capire l’evoluzione delle dinamiche della nostra vita mediante letture di qualità e confronti di idee. Solo così potremo diventare mentalmente forti e consapevoli.

La seconda considerazione abbraccia la smania di fotografare e riprendere ogni “piccola impresa” che si compie; in altre parole, si tendono a fare cose e a riprenderle con gli smartphone proprio per “tenersi vivi socialmente”. Questo è diventato un obiettivo per tante persone.  Dobbiamo tutti impegnarci affinché il mondo cambi ed i giovani possano tornare ad avere il gusto di sognare. Rise & Shine non è apparire sui social come il più cool per le gesta immortalate da un selfie. Rise & Shine è saper cosa si vuole e perseguirlo con passione, capacità e tanta determinazione.

“Rise & Shine” è anche un bel videoclip

Non amo molto la commistione video-musica. Continuo a credere che la musica debba essere ascoltata con attenzione per poter cogliere il messaggio e le eventuali emozioni che ne scaturiscono.

Oggi, il brano esiste se è rappresentato da un video che in molti casi, a mio trascurabile avviso, non sempre coglie il messaggio contenuto nel brano. Quindi mi sono dovuto adeguare agli standard attuali. La condizione è stata di avere un buon prodotto capace di rispecchiare il messaggio in maniera figurativa. In questo modo, il messaggio del brano risulterà rafforzato da un supporto visivo che aggiunge e non distoglie coloro che lo vorranno ascoltare.

Preferisci scrivere i tuoi testi in inglese o in italiano?

A dir il vero, scrivo anche in spagnolo. In inglese è decisamente più facile poiché ho studiato all’estero e lavoro in questa lingua da oltre 26 anni. Quindi mi viene più naturale. A volte sogno in inglese anche se i paesaggi hanno quasi sempre colori mediterranei. Un ulteriore motivo è che ascolto più spesso brani in inglese. La ricchezza di questa lingua aiuta molto con la metrica.

Forse la vera ragione è che ogni brano nasce nella mia mente che lo concepisce già in inglese, italiano o spagnolo.

Pensi che le tue esperienze di vita abbiano influenzato molto la tua carriera artistica?

Nel mio caso, non parlerei di carriera artistica se non altro per rispetto dei veri professionisti. Il mio è un hobby che coltivo con immutata passione e metodo.

Scrivo canzoni per catturare dei momenti topici della mia vita. Faccio lo stesso collezionando stampe antiche delle città in cui ho vissuto. Quindi l’intreccio fra la mia vita e la musica che compongo è indissolubile. Forse sarebbe un limite se avessi fatto della musica la mia professione. Non riesco a creare un brano che non rappresenti qualcosa che abbia almeno lambito la mia vita, sia essa personale che professionale.

Ho bisogno di sapere che quella emozione o quel determinato spaccato della mia vita sono stati, in qualche maniera, imprigionati e li posso rivivere attraverso la musica. È sicuramente un altro mio limite, ma mi ha aiutato a scrivere i miei brani raccogliendo idee e ricordi, a volte non positivi. In ogni caso, ho cercato di spiegare tutto questo in un brano “Perché scrivo canzoni”.

Progetti in cantiere?

Con il mondo attuale, fare progetti mi appare una vera imprudenza. Ho nel cassetto qualche nuovo progetto che mi auguro possa essere di interesse. Sui tempi, li devo valutare. Una possibile novità potrebbe essere un duetto con un amico cantautore che è anche lui di Bologna. In ogni caso, l’incertezza pervade ogni ambito, incluso quello musicale. Quindi il principale progetto è mantenersi in salute e, possibilmente, riprendere la vita “normale” che, per motivi indipendenti dalla nostra volontà, ci è stata sottratta.

 



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PotrestiLeggere