Il progetto Europa INcanto arriva al Parco archeologico di Ostia Antica







Dopo il debutto, nel tempio storico della lirica, il Teatro San Carlo Di Napoli, l’8 giugno arriva al Teatro
Romano di Ostia Antica AIDA di Giuseppe Verdi, messa in scena secondo l’innovativo metodo didattico
di Scuola InCanto che ha visto protagonisti decina di migliaia di studenti delle scuole dell’infanzia
elementari e medie di varie città italiane.

Aida di Giuseppe Verdi

Il 19 marzo 2018 ha debuttato al Teatro San Carlo di Napoli lo spettacolo “Scuola InCanto – AIDA di
Giuseppe Verdi”, fase conclusiva del format ideato da Europa Incanto che mira ad appassionare le
nuove generazioni all’opera lirica con un coinvolgimento diretto di scuole, famiglie e teatri.

Migliaia di studenti e docenti di tutta Italia, dopo un accurato percorso di preparazione a Scuola,
hanno preso parte attivamente alla messa in scena del grande capolavoro di Verdi, salendo sui
palcoscenici di prestigiosi teatri italiani. Giunto alla sesta edizione, Scuola InCanto rientra nel
circuito delle iniziative che si svolgeranno in tutta Europa per i festeggiamenti dell’anno Europeo
del Patrimonio Culturale

È una vera e propria sfida che Europa InCanto porta avanti anno dopo anno con risultati vincenti
come testimoniano la sempre crescente adesione al progetto e la straordinaria energia e
l’entusiasmo che tutti i partecipanti mettono nelle attività didattiche e nello spettacolo conclusivo.




Centosettantotto repliche con quasi cinquantamila studenti coinvolti in sette regioni d’Italia.
Più di cento attori divisi in diversi cast, settanta musicisti e oltre 800 audizioni per selezionare
cantanti, strumentisti, acrobati e ballerini: questi i numeri dell’edizione in corso dell’ambizioso
progetto ideato da Nunzia Nigro, che porta nelle scuole italiane l’opera lirica coinvolgendo in
prima persona bambini, docenti e adulti.

Lo spettacolo in scena

Lo spettacolo, infatti, è solo il coronamento di un lavoro scrupoloso fatto a scuola con gli insegnanti e a
casa con le famiglie, grazie a degli specifici strumenti didattici forniti ai partecipanti. La novità di
quest’anno è sicuramente OperApp, l’app ideata e progettata da Europa InCanto, che insieme ai
supporti didattici (libro di testo, CD, DVD Karaoke) permette un apprendimento facile e divertente
dell’opera lirica e non solo. OperApp è un’applicazione dai contenti multimediali altamente
educativi che permette a chiunque di cimentarsi nell’esecuzione dei brani guidati dal Direttore
d’Orchestra virtuale, di scoprire i luoghi del teatro in Realtà aumentata e ascoltare e leggere
l’audiolibro di Aida. L’altro strumento principale è il libro didattico col cd allegato in cui viene
raccontata la trama dell’opera, la vita di Giuseppe Verdi e fornisce tutte le indicazioni per costruire
la “propria Aida”.

Il testo infatti spiega come realizzare in autonomia elementi di costume e  attrezzeria attraverso
l’uso di materiali semplici e di riciclo. Una parte del volume è dedicata agli spartiti, al  copione
ed infine ad un viaggio all’interno del teatro con i suoi segreti e le sue emozioni.
Sono questi gli strumenti che costituiscono un prodotto editoriale e musicale unico capace di
coniugare alta qualità tecnica ed artistica al divertimento, trasformando l’apprendimento dell’opera
in un gioco piacevole ed aggregante anche grazie all’ausilio dei nuovi linguaggi multimediali
utilizzati con finalità altamente educative.

La Scuola InCanto

Scuola InCanto non si ferma nelle classi e nelle scuole, ma penetra nel tessuto sociale cittadino
entrando nelle case e tra le famiglie: i genitori, i nonni, gli amici non saranno solo il pubblico
dello spettacolo finale, ma partecipano al percorso formativo dei bambini, cantando e imparando
insieme a loro. A compimento del percorso, c’è la messa in scena dello spettacolo finale, dove
insieme ad artisti professionisti, i veri protagonisti sono i bambini: in questa edizione è stata
Aida di Giuseppe Verdi ad accendere prestigiosi Teatri italiani di luci, bel canto e note, dando
vita ad una festa della musica e del teatro che ha coinvolto in ogni replica migliaia di studenti.

Tutti i partecipanti, prendendo parte attivamente allo spettacolo, hanno interpretato insieme ai
cantanti e all’Orchestra Europa InCanto i brani studiati nel corso dell’anno, eseguito movimenti
scenici e coreografici, indossando i costumi e utilizzando gli elementi di attrezzeria da loro stessi
realizzati.

Scuola InCanto, attraverso la sinergia con il Piccolo Coro delle Mani Bianche 173° C.D. Tommaso
Silvestri-Magarotto di Roma, da anni coinvolge nelle sue attività musicali gli alunni sordi e udenti
della scuola primaria. Tutti gli studenti di Scuola InCanto, guidati da operatori specializzati,
imparano ad eseguire e segnare alcuni brani con la LIS (Lingua Italiana dei Segni) per poi esibirsi
in occasione dello spettacolo finale. Inserire questa esperienza musicale consente di dare al
progetto un carattere ancora più inclusivo e aggregante, permettendo agli udenti e ai sordi di
accedere agli stessi contenuti, di emozionarsi e far emozionare nella condivisione di un’esperienza
unica.

Infine, grazie alla sua straordinaria capacità di propagandare l’immenso patrimonio operistico
italiano, Scuola InCanto è stato riconosciuto come progetto di eccellenza dal Ministero della
Pubblica Istruzione ed ha ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del
Senato della Repubblica.

Le repliche

Nel mese di maggio dopo il Teatro Argentina di Roma, lo spettacolo Aida di Giuseppe Verdi è
stato messo in scena sui palcoscenici del Teatro Sociale di Rovigo, Teatro G.B. Pergolesi di Jesi,
Teatro Comunale di Bologna, Teatro della Pergola di Firenze, Teatro Alfonso Rendano di
Cosenza, Teatro di San Carlo di Napoli.

Cast and Crew

DIRETTORE ARTISTICO E DIRETTORE D’ORCHESTRA: Germano Neri

ADATTAMENTO E DRAMMATURGIA: Nunzia Nigro

REGIA: Lisa Capaccioli

SCENOGRAFIA: Danilo Mancini

COSTUMI: Francesco Morabito

LUCI: Michelangelo Vitullo

CANTANTI

Aida: Flavia Colagioia, Alexandra Gal, Arianna Giuffrida, Priscila Olegário

Radames: Francesco Ciotola, Tommaso Mangifesta, Delfo Paone, Federico Veltri

Amneris: Michela Nardella, Silvia Pasini, Irene Savignano, Giulia Tenuta.

Amonastro: Pierpaolo Christian Barone, Stefano Gentili, Ferruccio Finetti

Ramfis: Antonio Albore, Alfonzo Michele Ciulla, Gumus Tolunay

Re d’Egitto: Marco Innamorati, Julius Loranzi, Giuseppe Nicodemo

Messaggero: Arda Erol, Vincenzo Tremante

Narratore: Davide Mancini, Elvio La Pira, Claudio Pellerito

ORCHESTRA EUROPA INCANTO

MAESTRO DI PALCOSCENICO: Ingrid Papa, Ilaria Violetti

DIREZIONE DI PRODUZIONE: Matteo Bonotto,

SEGRETERIA DI PRODUZIONE Gabriella Antenucci, Michela Guazzo, Giulia Santomauro

MAESTRO FORMATORE DOCENTI: Giovanni Mirabile

TEAM COORDINATORI E PREPARATORI STUDENTI

Fabio Carrieri, Guendalina Casa, Dayana D’Aluisio, Annalisa Ferraro, Francesco Finori,
Antonio Franzese, Elisa Genova, Amalia Grimaldi, Donatella Iaia, Sabrina Lamacchia,
Simone Lollobattista, Christian Moschettino, Irene Neri, Sofia Neri, Giuseppe Nicodemo,
Francesca Pierpaoli, Alberto Pometto, Norma Pucci, Luca Scapin, Antonella Siniscalchi,
Dora Sorrentino, Andrea Tarantino, Stella Ziino

NUOVA PRODUZIONE EUROPA INCANTO

SARTORIA EUROPA INCANTO

 

NOTE di Germano Neri – Direttore Artistico e Direttore Musicale

Aida che nell’immaginario collettivo è l’opera delle grandi folle, degli elefanti in scena, in
realtà è un’opera molto intima in cui le reazioni istintive dei protagonisti, la gelosia delle
due donne protagoniste Aida e Amneris assumono un ruolo centrale nel dispiegarsi
dell’opera.

Lo spettacolo di Aida proposto da Europa InCanto punta a valorizzare questi elementi di
novità nella scrittura musicale dell’800.

L’introspezione, l’evidenziazione dei sentimenti, che Verdi attraverso un sapiente uso delle
coloriture timbriche orchestrali, attraverso il dispiegarsi di melodie caratterizzanti i
personaggi nelle loro reazioni, è riuscito a ben evidenziare facendone un’opera moderna
nella scrittura e nella concezione drammaturgica.

Elementi che i ragazzi riescono a cogliere durante lo spettacolo e che permette loro di
immedesimarsi in quei sentimenti che ancora oggi sono vivi più che mai, restituendo
modernità ad un’opera scritta più di 140 anni fa, ma attuale nelle sue dinamiche.

Note di REGIA di Lisa Capaccioli

La nostra Aida è ambientata nell’ala egizia di un museo- che vuole ricordare, senza dubbio,
quella del Louvre, la cui piramide rovesciata è simbolo mondiale.

Un archeologo, il narratore che accompagnerà il pubblico dei bambini nel susseguirsi degli
avvenimenti, svela i segreti delle piramidi e dei reperti egizi raccontando una storia di onore,
guerra, amore: la storia di Aida e Radames. È grazie a questo racconto che si anima una stele
e prendono vita tutti i personaggi protagonisti dell’opera di Verdi, opera ricca di tensione
drammatica.

Per la densità dei temi affrontati dal libretto di Ghislanzoni per la concentrazione degli eventi
(dovuta ai tagli necessari alla fruibilità da parte del pubblico) è stato richiesto agli interpreti
di costruire i personaggi loro assegnati mediante una fonda stratificazione emotiva,
rispondendo alla domanda “cosa, del problema del mio personaggio, tocca anche me?”.

Aida è un’opera che necessita di grandi masse: è qui che i bambini possono svolgere un ruolo
fondamentale. Vestiti da ancelle, faraoni, sacerdoti si muovono sul palco, interpretando,
cantando e interagendo con i cantanti.

Attraverso la musica, i canti, la danza, le emozioni la storia di Aida e Radames è riportata alla
luce: il loro amore schiude il ciel.




Samantha Lombardi
Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.