Una ragazza lasciata a metà grande prova d’attrice di Elena Arvigo







Lo spettacolo Una ragazza lasciata a metà -andato in scena al Teatro Argot Studio dal 6 al 10 dicembre 2017 – è tratto dal romanzo di esordio della scrittrice irlandese Eimear McBride “Una ragazza lasciata a metà”*. Un’ opera letteraria chiamata da alcuni “capolavoro disturbante”, che non possiede lo statuto dell’opera drammaturgica: ciò si vede e si sente perché è  fatta di frammenti, di voci, come schegge, lame, urla, grida strazianti… tanto è vero che l’attrice spesso “deve” gridare il testo. Lo credo bene perché passaggi così stretti, con la velocità di un treno che cambia binario a tutta velocità, una, due, tre, quattro volte di seguito, coinvolgono gli spettatori completamente.

Una ragazza lasciata a metà, una grande Elena Arvigo

Questi pezzi sono riunificati in un solo atto grazie alla bravura dell’attrice che alla fine dello spettacolo esce come un pugile che lascia il ring. Noi siamo dalla parte dell’artista. Sappiamo cosa vuol dire quando un attore  deve far vivere un testo con il proprio corpo. Le voci di cui parlavamo, sono personaggi della storia narrata, che si presentano come un fiume in piena: Elena Arvigo passa da un leggìo all’altro, dove sono posizionate luci fisse calde che riprendono i colori delle foglie sparse sul palcoscenico, in una scenografia essenziale, luoghi deputati  che l’attrice rende “mobili”: il clima, i paesaggi, le emozioni dei personaggi, gli eventi, si trasformano in fotogrammi ben riusciti per chi come lo spettatore ha come strumento solo la voce dell’attrice.

Elena entra ed esce dai personaggi con tutta se stessa. Il testo è in parecchi momenti fatto di coloriture oscene, d’imprecazioni violente, di livore gettato e mai pentito, tipico dello stato di collera dell’adolescente.
La protagonista della storia cerca conforto, in una vita di vessazioni, nel fratello, unica parte “sana” della sua famiglia e probabilmente di se stessa. Una famiglia dove la madre non fa la madre perché non tollera la figlia femmina e preferisce il maschio e la protagonista vive il suo primo amore con un ragazzo come una di violenza, senza amore, è abusata da un parente prossimo. Una prova d’attrice incredibile, talmente dolorosa e faticosa !Siamo  ammirati, come lo saremmo vedendo un maratoneta all’arrivo, dopo chilometri di corsa… Elena Arvigo deve cavalcare un puledro molto irascibile e quasi indomabile. Prossimamente ,in queste sale!

Voci del testo

“Nella cappella. M’inginocchio. O dio Gesù. Ti supplico. T’imploro. Vedi. T’imploro. Ma ho i sassi in bocca. Piombo sulla lingua. Tu non sei il tipo che prega. Però io. Tu no. Tu no. Dopo tutto quello che hai fatto. Le persone buone pregano e i peccatori vanno a. L’inferno. Grazie, Gesù. Amen.”




“E lo so cosa dici tu. Coraggio vieni dici. Vieni con. Vieni giù. Vieni giù dove l’acqua diventa bollente e scorrono fiumi che portano pietre. Tuffati. Tuffati con me. Dici. Mi dici. Mi dici come ti chiami e questa volta mi dico la verità. Sssssh. Vivremo lì per i mille anni. Ecco fatto. Ecco fatto.“

Note di produzione e regia

Una prima versione di questo spettacolo è andata in scena nel Dicembre del 2016 all’interno della
rassegna “Trend“ curata da Rodolfo di Giammarco presso il Teatro Belli di Roma. In quella occasione il
testo era un adattamento di Ann Ryan tradotto da Natalia di Giammarco e la mis en espace curata da
Elena Arvigo e Giuliano Scarpinato. A novembre dello scorso anno è uscito, edito da Safarà, il romanzo
tradotto da Riccardo Duranti a cui poi ci si è direttamente riferiti. Il testo complesso e introspettivo
vuole trovare una sua forma di espressione definitiva, ecco che lo si lascia scorrere e viene messo in scena in
divenire. Importantissimo per ottenere ciò il sostegno di una produzione.

Necessario che gli spazi, i tempi e le economie vengano gestite…

…in un rapporto di dialogo con gli operatori dello spettacolo che si occupano appunto di produzione e
che sono sempre più assenti. In questo caso lo spettacolo è al momento privo di una sua produzione, e
si porta a teatro come versione mis en espace di alcuni brani del testo curati da me, Elena Arvigo. Torno
in scena con questo testo che ritengo un piccolo capolavoro di letteratura e quindi ho fiducia che si
possa trovare un adeguato contenitore produttivo per la prossima stagione. Si ringrazia l’Argot Studio
per aver accolto come sempre ha accolto, Giuliano Scarpinato per la prima parte del lavoro trascorsa
insieme e Rodolfo di Gianmarco per aver scovato e consegnato questa perla.

*Il romanzo ha vinto in Irlanda e Regno Unito numerosi e prestigiosissimi premi (il Goldsmiths Prize nel
2013, il Bailey Women’s Prize for Fiction, il Kerry Group Irish Novel of the Year Award e il Desmond Elliott
Prize nel 2014)

Titoli di Coda

UNA RAGAZZA LASCIATA A META’

Dal romanzo di Eimear McBride “A girl is a half-formed thing”
Tradotto da Riccardo Duranti
A cura e con Elena Arvigo

Prossimamente :Teatro Out-off dal 3/4/2018 al 8/4/2018.

 




Maria Chiara DApote
Informazioni su Maria Chiara DApote 264 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*